Skip to content

Procedura automatica per la creazione di mappe di inondazione fluviale in ambiente GIS: applicazione ad un tratto del fiume Tanaro

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Marzocchi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Domenico Sguerso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 187

Nel presente lavoro si propone una procedura automatica implementata in ambiente GIS per la realizzazione di Mappe di Inondazione Fluviale in grado di stimare le aree potenzialmente a rischio allagamento per determinate portate associate ad un assegnato periodo di ritorno a partire dall’applicazione di un modello idraulico monodimensionale. Calcolato il profilo del pelo libero della corrente attraverso il modello numerico idraulico e riportato lo stesso in corrispondenza dell’asse del corso d’acqua, si utilizza un software GIS per ottenere in maniera automatica una identificazione delle aree inondabili, nota la conformazione del territorio circostante l’alveo inciso. La procedura implementata, pur basandosi su una modellazione idrodinamica monodimensionale, tiene in conto della bidimensionalità sia del territorio che del fenomeno di esondazione, adducendo una serie di ipotesi che permettono di correggere molti degli errori tipici delle procedure utilizzate con i modelli monodimensionali presenti in letteratura. Il vantaggio rispetto ad un modello bidimensionale è rappresentato dalla velocità computazionale dei profili idraulici, soprattutto nel caso di simulazioni in condizioni di moto non stazionario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa 9 Premessa Il territorio nazionale, Ł storicamente soggetto a gravi eventi alluvionali, tali da produrre ingenti danni materiali e sociali, e, talvolta, la perdita di vite umane. La sua particolare conformazione oroidrografica e i processi di urbanizzazione, sia storica che recenti fanno si che in occasione di eventi di precipitazione di elevata intensit , vaste aree possano essere inondate dalle acque non piø contenute nell alveo dei corsi d acqua. Tabella Eventi di dissesto idrogeologico verifica tisi in Italia dal 1991 al 2001 Anno frane piene totale eventi 2001 322 22 344 2000 1177 72 1249 1999 700 73 773 1998 1671 84 1755 1997 2455 103 2558 1996 2272 152 2424 1995 744 81 825 1994 692 84 776 1993 557 95 652 1992 780 125 905 1991 705 112 817 Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Progetto AVI (Aree Vulnerate Italiane ) - CNR - GNDCI (GruppoNazionale per la Difesa dalle Catastrofi Idrogeologiche) Stando ai dati del rapporto Pianificazione territoriale provinciale e rischio idrogeologico, Previsione e tutela del 2003 del Ministero dell Ambiente e dell Unione delle Province Italiane (UPI), la superficie nazionale interessata da rischi idrogeologici legati a frane e alluvioni Ł pari al 7,1% del totale, vale a dire 21.505 Kmq. Risulta quindi di fondamentale importanza, nelle attivit sia di pianificazione che di prevenzione, l individuazione dei tratti dei corsi d acqua insufficienti al deflusso di portate di piena convenzionalmente stabilite e delle relative aree perifluviali soggette al rischio di inondazione. La determinazione di tali aree permette infatti di avviare iniziative sia di gestione dell emergenza che di tipo pianificatorio, quali la programmazione degli interventi di sistemazione idraulica in ordine di priorit e la p ianificazione urbanistico-territoriale finalizzata all uso ottimale delle aree stesse.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

flooding map
gis
grass gis
hec-ras
mappe di inondazione fluviale
modello idrodinamico
procedura automatica
tanaro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi