Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione del concetto di opinione pubblica nella storia del pensiero politico

col presente lavoro di tesi si cerca di tracciare un breve excursus storico del concetto di opinione pubblica, dalle origini alle più moderne teorie. Attraverso l'analisi del pensiero di alcuni tra i più importanti studiosi, da Tocqueville e Stuart Mill a Machiavelli fino a Luhmann, Bourdieu e Sartori si cercherà di comprendere come il concetto si è evoluto nel corso dei secoli.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Parlare con precisione di opinione pubblica è impegno non dissimile dall’avere a che fare con lo Spirito Santo. V.O. Key L’espressione opinione pubblica è oggi una tra le più utilizzate in psicologia, sociologia, storia, politologia e trova applicazione sia nel campo della comunicazione quanto in quello della ricerca teorica ed empirica di varie discipline accademiche. Anche se ne sentiamo quotidianamente parlare è pressoché impossibile fornirne una definizione universalmente accettata. Intere generazioni di filosofi, giuristi, storici, politologi e studiosi di giornalismo si sono impegnati a fondo nel tentativo di darne una definizione chiara e univoca a cui tuttavia non sono ancora riusciti a pervenire. Gli scritti sull’opinione pubblica abbracciano l’intero panorama dell’indagine sociale, dalle analisi di autorevoli studiosi di teoria della democrazia e di critica sociale, a fondamentali lavori di sociologia e psicologia sociale, fino a importanti studi empirici sulla funzionalità dei sondaggi d’opinione e sull’impatto dei media. In queste pagine vedremo diverse tappe dell’evoluzione del concetto di opinione pubblica attraverso i secoli, illustrando brevemente le opere di alcuni dei pensatori politici che si sono occupati del concetto e che appaiono particolarmente significative. Dopo aver accennato, nel primo paragrafo del capitolo primo, alle approssimazioni e anticipazioni del concetto di opinione pubblica che ci arrivano dall’antichità, ed aver esaminato i contributi di Hobbes, Locke e Rousseau vedremo come i primi autori ad utilizzare il concetto di opinione pubblica nell’accezione moderna e a valutare positivamente la sua funzione politica come strumento di controllo del potere siano Burke, Bentham e

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesca Fracassini Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4663 click dal 13/03/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.