Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Esposizione ai solventi, salute e benessere psicofisico in un campione di lavoratori del settore conciario

Secondo alcune ricerche sulla psicopatologia del lavoro vita lavorativa ed extra-lavorativa non sono né separate né separabili; questo vuol dire che non si può parlare di qualità della vita se non si fa riferimento anche alla qualità del lavoro e al benessere del lavoratore. Numerosi studi che testimoniano le possibili conseguenze negative che una storia di esposizione a solventi (sostanze alla base dell’attività conciaria) può avere sulla salute psicologica e fisica delle persone che ne sono state a contatto. I solventi producono effetti a livello del snc e del sna, non oggettivamente osservabili come danni fisici. La presente ricerca è finalizzata ad approfondire la salute psicofisica e il livello di stress occupazionale dei lavoratori del settore conciario, in relazione al livello di esposizione ai solventi. Gli strumenti utilizzati sono stati: l’Euroquest Sympotms Questionnaire (ESQ) per la valutazione della sintomatologia neuropsichica, il Job Content Questionnaire (JCQ) per la valutazione dei fattori psicosociali legati allo stress occupazionale percepito, l’Analogo Visivo sulla percezione del rischio per la propria salute nell’ambiente di lavoro, e la sottoscala dell’Occupational Stress Indicator (OSI) sulla Sindrome del Tipo A. Dai risultati è emerso che i lavoratori che svolgono mansioni che prevedono un’esposizione diretta ai solventi non sembrano differenziarsi molto circa la sintomatologia neuropsichica rispetto a coloro che invece non hanno un contatto diretto con tale tipo di sostanze tossiche, ma i due gruppi sembrano invece differenziarsi rispetto allo stress occupazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 Le work-related diseases, o malattie lavoro-associate Secondo alcune ricerche sulla psicopatologia del lavoro vita lavorativa ed extra-lavorativa non sono né separate né separabili; questo vuol dire che non si può parlare di qualità della vita se non si fa riferimento anche alla qualità del lavoro e al benessere del lavoratore (Favretto, 1994). Nell‟ambito delle patologie da lavoro, ci troviamo attualmente di fronte a una fase di cambiamento; infatti, mentre si assiste a una progressiva diminuzione dei disturbi a origine monofattoriale (ad esempio disturbi dovuti ad una continua o elevata esposizione a gas, vapori, polveri, ecc.), contemporaneamente possiamo notare un aumento del disagio lavorativo e delle patologie di tipo aspecifico, causate da un insieme di fattori eterogenei: si tratta delle cosiddette “work-related diseases”, o malattie lavoro- associate (Baldasseroni et al., 2001). Questa situazione ha due fondamentali implicazioni. In primo luogo, gli operatori della prevenzione si trovano di fronte ad una diversa domanda di

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Elena Lensi Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 452 click dal 18/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.