Skip to content

Il controllo di gestione nei comuni di piccole dimensioni

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Oliva
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Federico Fontana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 314

Il nuovo sistema di controlli interni, culminato con la riforma costituzionale del 2001, s’inquadra in un processo d’innovazione normativa che ha visto il progressivo spostamento dei poteri decisionali dal centro agli Enti territoriali, che ha cambiato il focus dell’Amministrazione dalla centralità dell’atto amministrativo alla centralità degli obiettivi da conseguire e che ha diviso le competenze tra organi di governo e organi di gestione.
Il Legislatore affida allo sviluppo di metodologie di controllo interno il recupero di competitività della P.A. attraverso lo sviluppo di processi virtuosi d’autocorrezione gestionale.
Questi strumenti sono:
Il controllo amministrativo contabile
IL controllo strategico
Il controllo di gestione
La valutazione dei dirigenti
Il controllo amministrativo contabile il cui protagonista principale è il Revisore dei Conti e il Responsabile del servizio finanziario ha la finalità di verificare ex post la conformità dell’azione amministrativa e degli eventi contabili alla legge e ai regolamenti.
Il Controllo strategico ha la finalità di individuare e valutare le scelte che meglio riescono a centrare gli obiettivi politici.
La valutazione dei dirigenti è orientata a valutare l’operato di coloro a cui sin dalla L. 142/90 è affidato il potere di gestione.
Il Controllo di gestione mira a valutare la capacità dell’Ente di raggiungere in modo efficiente ed efficace gli obiettivi programmati.
Per ciascun controllo è possibile fare considerazioni critiche, degna di nota può essere quella sollevata nel corso della trattazione per il controllo amministrativo contabile in cui il Revisore dei Conti riveste una duplice funzione che lo fa spesso percepire il Revisore come un “giano bifronte”, favorendo quindi atteggiamenti di resistenza, in quanto da un lato assume la figura di consulente e dell’altro quelal di ispettore obbligato a denunciare alla Corte dei Conti le irregolarità rilevate.
Inoltre il fatto che il Revisore sia nominato dalla stessa amministrazione che dovrà controllare può sollevare qualche perplessità circa possibili atteggiamenti di indulgenza che contribuirebbero ad indebolire l’incisività del controllo.
Per quanto riguarda la valutazione dei dirigenti e del personale, strumento formidabile per premiare le prestazioni lavorative a tutti i livelli qualitativamente connotate, spesso è utilizzata per una distribuzione a pioggia di emolumenti non correlati al conseguimento di reali e misurabili obiettivi di gestione, svilendo l’istituto previsto del Legislatore.
Slide 5 Il Controllo di gestione: strumento dinamico
Il controllo di gestione, strumento centrale analizzato nella trattazione, è uno strumento dinamico per il quale ad inizio esercizio gli organi di governo e gli organi di gestione contrattano gli obiettivi da raggiungere nel corso dello stesso, definiscono il set di indicatori idonei a rilevarne lo stato d’attuazione, analizzano quanto realizzato attraverso report periodici, ed effettuano le coerenti misure correttive.
Questa attività implica:
 L’utilizzo degli strumenti della programmazione messi a disposizione del legislatore, implementati ed adeguati alle esigenze del singolo Ente, quali le linee programmatiche, la Relazione Previsionale e Programmatica e il Piano Esecutivo di gestione, in cui, in ossequio al principio di necessità dell’informazione è auspicabile sviluppare non un controllo a tappeto su tutta l’attività espletata, bensì un controllo a “spot” orientato a pochi e rilevanti obiettivi, che siano reali e misurabili.
 La definizione di un set d’indicatori coerente con il sistema informativo contabile presente nell’Ente, affinché il costo di rilevazione dell’informazione non superi il beneficio che questa può apportare alla gestione.
 La redazione di report o referti periodici che siano tempestivi, ovvero in grado di supportare l’adozione di correttivi in tempo utile nell’esercizio in corso.
Le considerazioni contenute nel report non sono il punto di arrivo bensì costituiscono il nuovo punto di partenza per la programmazione dell’esercizio successivo.
Si genera un ciclo virtuoso e dinamico, attraverso il quale gli organi di governo potranno verificare il raggiungimento degli obiettivi assegnati. E’ così fornito lo strumento operativo che colma il vuoto avvertito da molti amministratori locali nel non poter più compiere operazioni gestionali in prima persona, per la separazione di competenze introdotta dalla così detta legge “Bassanini”.
Si vede quindi che il controllo in parola non ha finalità ispettive e sanzionatorie bensì si configura come un controllo guida posto a supporto degli organi di gestione e di governo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1 INTRODUZIONE Oggetto del presente lavoro è l’individuazione degli elementi di criticità che emergono nel realizzare un sistema di controllo interno di gestione in Comuni con una popolazione inferiore ai mille abitanti. Lo studio dell’evoluzione normativa nel campo dei controlli interni, è affrontato cercando di mettere in luce gli elementi di criticità derivanti da una regolamentazione pensata dal Legislatore per Enti complessi e strutturati. Gli elementi che costituiscono un sistema di controllo interno, con particolare riferimento al controllo di gestione, sono analizzati con riguardo alle condizioni operative dei Comuni di minori dimensioni. Con riferimento a questa particolare classe di Comuni si sono voluti evidenziare quegli elementi di ordine culturale che costituiscono una variabile fondamentale per l’affermazione di nuovi approcci gestionali, primo tra tutti, lo sviluppo di una nuova coscienza manageriale all’interno degli Enti Locali. *** Obiettivo della trattazione è dare un contributo alla diffusione di metodologie e logiche di tipo aziendale nei Comuni con una popolazione inferiore ai mille abitanti, che in Italia costituiscono il 24,36% dei comuni italiani, ove risiedono 1.101.471 abitanti pari al 1,93% della popolazione italiana1, in quanto non possono esimersi dal partecipare al progressivo recupero di efficienza richiesto a tutta la Pubblica Amministrazione. Particolare attenzione è stata prestata nell’orientare la trattazione in funzione delle problematiche legate all’introduzione di metodologie di controllo di gestione in relazione all’organizzazione, alla struttura e al sistema informativo presente nei Comuni di piccole dimensioni. 1 Dati Istat del 14° Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni anno 2001, www.dawinci.it;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi