Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fiction incontra i medici: medical drama o dramma medico? Dr. House e Grey's Anatomy, due serie a confronto

Da quasi un decennio le serie ambientate negli ospedali stanno vivendo un clamoroso revival. Sarà merito della copresenza, sullo stesso set, di vita, amore, morte e degli intrecci possibili fra tutti gli “abitanti” dell’ospedale che ha, a volte, le dimensioni di un paese di provincia; altrettanto importanti sono, poi, il pathos della malattia e la crudeltà delle cose della vita, tutti elementi dal forte impatto emotivo.
La tesi si distingue in tre capitoli cercando di delineare le caratteristiche principali del Medical drama partendo dalle origini fino alle più recenti rappresentazioni del genere. Nel primo capitolo di questo lavoro, si svolgerà un esame del genere Medical drama. In secondo luogo partendo da una citazione del massmediologo Marshal Mc. Luhan sull' esperienza “tattile” che serie di questo genere suscitano nei telespettatori, si osserverà come i medici e la medicina sono rappresentati in televisione e quanto e come questo è percepito dal pubblico. Sia in termini di ascolti che di critica. Nel secondo capitolo si andrà a ricostruire il contesto della creazione e dello sviluppo Grey's Anatomy, si analizzerà l'approccio che esso ha al dramma medico, e le particolarità verranno esposte con il riferimento agli episodi presi in considerazione. Il terzo capitolo, quello conclusivo, prenderà in vece in esame la struttura di Dr. House - Medical Division e svolgerà la stessa scomposizione effettuata nel capitolo precedente sull'altra serie. Si evidenzieranno anche qui le unità costituenti e si tracceranno parallelismi tra le due strutture analizzate, come anche, se ne evidenzieranno i punti di distacco focalizzandosi in particolare sulla figura dell' “eroe villano”. Si concluderà infine con la considerazione degli effetti, delle implicazioni e delle questioni etiche di entrambe le serie.
Si analizzerà anche come l’utilizzo di un nuovo tipo di rappresentazione visiva della corporeità umana contribuisca a coinvolgere dal profondo gli spettatori e a fidelizzarli a questo genere di show. Infatti in Dr. House ci si spinge nell’analisi “intracorporea” forse perché non basta più la diagnosi basata su fonti esterne.

Mostra/Nascondi contenuto.
~ 2 ~  Introduzione Da quasi un decennio le serie ambientate negli ospedali stanno vivendo un clamoroso revival. Sarà merito della copresenza, sullo stesso set, di vita, amore, morte e degli intrecci possibili fra tutti gli “abitanti” dell’ospedale che ha, a volte, le dimensioni di un paese di provincia; altrettanto importanti sono, poi, il pathos della malattia e la crudeltà delle cose della vita, tutti elementi dal forte impatto emotivo. Le due serie prese qui in esame, presentano tutti, o quasi, questi aspetti che caratterizzano tale genere televisivo. In Grey’s Anatomy i protagonisti sono cinque tirocinanti del Seattle Grace Hospital, le cui vite si intrecciano tra carriera, amore, sesso e amicizia. Ogni episodio è strutturato, girato e interpretato sulla base di un concetto unico, aperto a sviluppi futuri, introdotto e concluso dalla voce di Meredith, che, come in un diario personale, annota i suoi giorni e da ogni vicenda trae una riflessione e una morale, con l’ombra della geniale madre alle spalle. L’umanità è protagonista assoluta di Grey’s Anatomy, anche quando un medico deve mantenersi al di fuori delle parti, per mettere in mostra i pregi e i difetti della medicina. In Dr. House, invece, il protagonista è un antieroe, con tanti difetti, senza peli sulla lingua e mancante di remore morali, ma a parte tutto questo, Gregory House è un

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Daniela Celentano Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5837 click dal 19/03/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.