Skip to content

Valutazione dei problemi igienico-sanitari legati all'assistenza odontoiatrica: indagine tra gli operatori pubblici di alcune città italiane

Informazioni tesi

  Autore: Ferrari Enrico
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Brescia
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Odontoiatria e Protesi Dentaria
  Relatore: Silvano Monarca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

Lo scopo di questa tesi è la valutazione dei problemi igienico-sanitari legati all’assistenza odontoiatrica pubblica attraverso un attento studio dei comportamenti e delle procedure utilizzate per la prevenzione dei rischi infettivi in un campione di strutture odontoiatriche pubbliche.
L’indagine svolta è parte di un progetto molto più ampio articolato in quattro fasi principali: una prima, svolta nelle strutture pubbliche di alcune città italiane, che affianca alla componente conoscitiva un monitoraggio dei livelli di contaminazione microbica dell’aria, delle superfici e dell’acqua dei riuniti; una seconda, svolta con metodica identica nelle strutture private delle medesime città; una terza, che confronta i risultati dei due campioni; una quarta ed ultima fase che mira a migliorare l’assistenza odontoiatrica, sia pubblica che privata, mediante la consegna ai partecipanti dei risultati della ricerca e di alcune linee guida ed offrendo, se necessario, un aiuto diretto agli odontoiatri ed alle strutture che hanno partecipato alla ricerca.
L'adesione all'indagine da parte dei singoli operatori è stata bassa (60,4%). Il primo dato che emerge dai questionari è la scarsa conoscenza delle malattie più facilmente trasmissibili in ambito odontoiatrico: le malattie infettive indicate non sono quelle più facilmente trasmissibili, come richiesto nel questionario, ma quelle più temute. Dalle dichiarazioni degli operatori risulta che l’uso dei dispositivi di protezione individuale passiva è ampiamente diffuso, anche se non sempre l’utilizzo è correttamente monouso. Particolarmente pericolosa la pratica diffusa di reincappucciare gli aghi tenendo il cappuccio con le dita (41%); quest'ultima procedura può spiegare perché il 56,4% degli intervistati dichiari di essersi punto almeno una volta negli ultimi cinque anni con aghi, di questi il 6% ha contatto una malattia infettiva in seguito alla ferita che nel 78% dei casi è stata l’epatite B. La vaccinazione contro l’HBV non è diffusa come dovrebbe essere (82%) e il test di sieroconversione è scarsamente praticato (32%).
Il dato relativo all’autoclave risulta particolarmente pericoloso: il 6,4% degli intervistati dichiara che l’ambulatorio in cui opera non è dotato né di autoclave né di chemiclave e i controlli di sterilizzazione veramente efficaci (prove biologiche) vengono poco eseguiti. La contaminazione ambientale non viene tenuta sotto controllo in maniera corretta se si considera che la protezione con film di polietilene è una pratica raramente applicata e la disinfezione dello strumentario non sterilizzabile viene effettuata in maniera non idonea da percentuali elevate di operatori (25,5%).
In conclusione risulta evidente la necessità di fornire basi scientifiche approfondite sull'argomento agli operatori del settore con il coinvolgimento dell'università, dell'Ordine dei Medici e degli Odontoiatri e delle strutture sindacali e di incentivare la partecipazione a corsi periodici dedicati alla valutazione dei rischi professionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1.1 TRASMISSIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE Lo studio dentistico, a causa dell’elevato numero di persone che lo frequentano e del tipo di prestazioni erogate, è un ambiente in cui la contaminazione microbica e i rischi di infezioni crociate possono essere elevati. Tutto ciò anche in considerazione del fatto che i veicoli ed i vettori per la trasmissione di microrganismi sono molteplici (strumentario, acqua, aerosol, insetti oltre al personale sanitario stesso) e l’attenzione per la prevenzione dei rischi infettivi nello studio odontoiatrico è spesso insufficiente. Le modalità di trasmissione dei microrganismi in ambito odontoiatrico sono fondamentalmente due: la trasmissione diretta e la trasmissione indiretta. 1.1.1 Trasmissione diretta o da contatto Nel caso della trasmissione diretta il passaggio del microrganismo è diretto dal soggetto malato o portatore all’individuo sano, senza che il microrganismo sia trasportato da vettori o da veicoli, eccezion fatta per l’aria. In ambito odontoiatrico questa trasmissione non è molto frequente poiché presuppone un primo contagio dell’operatore o dell’assistente ed una successiva trasmissione al paziente. I microrganismi coinvolti in questo tipo di trasmissione sono normalmente batteri saprofiti aerobi (streptococchi, stafilococchi apatogeni, ecc.), gram-negativi (coliformi, protei, ecc.), attinomiceti (a. bovis), ma anche microrganismi patogeni come il micobatterio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambulatori odontoiatrici
assistenza odontoiatrica
odontoiatria
rischi infettivi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi