Skip to content

Cristianesimo e Rivoluzione Francese

Informazioni tesi

  Autore: Martina Gatto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Rossella Cancila
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

Sono trascorsi più di due secoli dal 1789, tappa fondamentale lungo il cammino della storia dell’umanità, quella svolta epocale per l’uomo moderno che la storiografia individua come Rivoluzione francese. Da più di duecento anni storici ed intellettuali studiano e analizzano il periodo che ha cambiato l’assetto dell’Europa e nel quale, non a torto, molti individuano la vera soluzione di continuità tra l’antico regime con il suo ordine feudale e l’età moderna; ogni sfaccettatura ed ogni aspetto è stato preso in considerazione, infinite interpretazioni sono state elaborate per cercare di spiegare al meglio le circostanze che hanno dato vita a questo grande rivolgimento, i suoi personaggi, gli episodi cardine, il percorso che gli eventi storici hanno seguito e le loro conseguenze.
In questo breve lavoro di ricerca è mia intenzione ripercorrere, analizzare e approfondire un particolare aspetto di quegli anni: i rapporti e i contrasti tra la Chiesa cattolica e quella particolare classe socio-politica che ha guidato il movimento rivoluzionario e che ne determinò l’aspetto per molti anni avvenire. Gli avvenimenti che ruotano intorno a questo rapporto, e che si sono susseguiti in Francia tra il 1789 e il 1801, ebbero infatti un’incidenza preponderante nella storia del Cattolicesimo romano e, più in generale, nell’evolvere delle vicende storiche della Rivoluzione. Il nodo Chiesa cattolica-Rivoluzione è tutt’altro che marginale, anzi, esprime probabilmente la pagina più critica del grand renversement, certo a motivo dello smantellamento di istituzioni e di assetti religiosi secolari, ma soprattutto perché le nuove ideologie colpivano alla radice i valori e i parametri del Cattolicesimo romano, all’interno dei quali la società religiosa aveva maturato la sua fede tradizionale, non meno che i suoi convincimenti politici. La crisi religiosa di quegli anni e il tentativo di avviare un processo di scristianizzazione intrapreso dai regimi che si susseguirono a partire dal 1789 rappresentano una parte rilevante all’interno di quel vasto fenomeno chiamato Rivoluzione francese, e sebbene «non costituiscono l’elemento determinante che manda a monte la Rivoluzione francese, […] daranno ai conflitti un’asprezza nuova» .
Dopo aver delineato un quadro sintetico delle vicende del rapporto Chiesa cattolica-Rivoluzione nell’ottica delle sue più recenti interpretazioni storiografiche, si tenterà di comprendere quali furono le ragioni che scatenarono questa relazione conflittuale e quali conseguenze essa comportò. La mia breve analisi si concentrerà successivamente sulla piega che gli eventi rivoluzionari presero a partire dal 1792, quel momento che lo storico revisionista François Furet ha definito “dérapage”, lo slittamento, per indicare il passaggio dal regime voluto dalla Costituente a un’Assemblea legislativa sopraffatta dalle forze popolari e alla fine della monarchia sostituita dalla repubblica. In questo determinato frangente, i rapporti con la Santa Sede continuarono a peggiorare e l’ideologia dell’anticlericalismo radicale suffragò sempre di più l’idea di un’antinomia originaria fra Chiesa cattolica e Rivoluzione. Non si trattò soltanto di uno scisma in seno alla Chiesa, bensì di uno scisma in seno allo Stato.
Quale significato assunse per coloro che approvarono questi provvedimenti l’evolvere degli eventi in una direzione così radicale? A quali conseguenze condussero dal punto di vista della Santa Sede e dei fedeli che videro scardinati in modo così netto e assoluto il sistema di valori in cui avevano creduto fino a quel momento?
Questo approfondimento vuole inserirsi, per quanto più possibile, all’interno di orizzonti e direttrici di lavoro nuovi nell’ambito della storia religiosa, cercando di superare il rigido schematismo sotto la cui luce spesso si è analizzato il rapporto tra Chiesa e Rivoluzione. Nessuna velleità, peraltro, di esaurire il discorso intorno ad un tema difficile, dalle molteplici implicazioni, e per qualche verso inafferrabile, sul quale la storiografia religiosa della Rivoluzione francese sembra essere ancora lontana dal dire l’ultima parola.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
 1. INTRODUZIONE Sono trascorsi più di due secoli dal 1789, tappa fondamentale lungo il cammino della storia dell’umanità, quella svolta epocale per l’uomo moderno che la storiografia individua come Rivoluzione francese. Da più di duecento anni storici ed intellettuali studiano e analizzano il periodo che ha cambiato l’assetto dell’Europa e nel quale, non a torto, molti individuano la vera soluzione di continuità tra l’antico regime con il suo ordine feudale e l’età moderna; ogni sfaccettatura ed ogni aspetto è stato preso in considerazione, infinite interpretazioni sono state elaborate per cercare di spiegare al meglio le circostanze che hanno dato vita a questo grande rivolgimento, i suoi personaggi, gli episodi cardine, il percorso che gli eventi storici hanno seguito e le loro conseguenze. In questo breve lavoro di ricerca è mia intenzione ripercorrere, analizzare e approfondire un particolare aspetto di quegli anni: i rapporti e i contrasti tra la Chiesa cattolica e quella particolare classe socio-politica che ha guidato il movimento rivoluzionario e che ne determinò l’aspetto per molti anni avvenire. Gli avvenimenti che ruotano intorno a questo rapporto, e che si sono susseguiti in Francia tra il 1789 e il 1801, ebbero infatti un’incidenza preponderante nella storia del Cattolicesimo romano e, più in generale, nell’evolvere delle vicende storiche della Rivoluzione. Il nodo Chiesa cattolica-Rivoluzione è tutt’altro che marginale, anzi, esprime probabilmente la pagina più critica del grand renversement, certo a motivo dello smantellamento di istituzioni e di assetti religiosi secolari, ma soprattutto perché le nuove ideologie colpivano alla radice i valori e i parametri del Cattolicesimo romano, all’interno dei quali la società religiosa aveva maturato la sua fede tradizionale, non meno che i suoi convincimenti politici. La crisi religiosa di quegli anni e il tentativo di avviare un processo di scristianizzazione intrapreso dai regimi che si susseguirono a partire dal 1789 rappresentano una parte rilevante all’interno di quel vasto fenomeno chiamato Rivoluzione francese, e sebbene «non costituiscono l’elemento determinante che manda a monte la Rivoluzione francese, […] daranno ai conflitti un’asprezza nuova» 1 . Dopo aver delineato un quadro sintetico delle vicende del rapporto Chiesa cattolica-Rivoluzione nell’ottica delle sue più recenti interpretazioni storiografiche, si tenterà di comprendere quali furono le ragioni che scatenarono questa relazione conflittuale e quali conseguenze essa comportò. La mia breve analisi si concentrerà successivamente sulla piega che gli eventi rivoluzionari presero a partire dal 1792, quel momento che lo storico revisionista François Furet ha definito “dérapage”, lo slittamento, per indicare il passaggio dal regime voluto dalla Costituente a un’Assemblea legislativa sopraffatta dalle forze popolari e alla fine della monarchia sostituita dalla repubblica. In questo                                                             1  M. VOVELLE, La Francia rivoluzionaria, Roma-Bari 1987, p. 172.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costituzione civile del clero
cristianesimo
rivoluzione francese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi