Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Memoria ed identità nelle "Aufzeichnungen des Malte Laurids Brigge" di Rainer Maria Rilke

La tesi parte dalla ricerca di una struttura in un romanzo in cui la struttura e la concezione temporale palesi non sono. Dalla ricerca dei criteri strutturali si passa poi alla concezione temporale di Rilke, che molto è stato influenzato da San Agostino. Dalla concezione della memoria come passato si giunge alla ricerca di se stesso da parte del protagonista. La concezione del ricordo verrà meglio esplicate nelle Duiniser Elegien.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1.Introduzione In questa breve analisi ci occuperemo del motivo della memoria, in stretta connessione con il motivo dell’identità, in Die Aufzeichnungen des Malte Laurids Brigge di Rainer Maria Rilke. In primo luogo sarà necessario delineare il contesto storico e culturale in cui l’autore è vissuto; ogni autore è imprescindibilmente legato al periodo storico da cui la sua opera trae origine. Ovviamente bisognerà anche tener conto di altre variabili di natura individuale come la collocazione sociale, la situazione famigliare o il vissuto personale dell’autore. Una volta chiarito questo nel secondo capitolo potremo occuparci degli interrogativi che sono sorti dopo la pubblicazione dell’opera in prosa di Rilke: un’opera talmente destabilizzante non poteva non suscitare perplessità nel mondo della critica. A lungo i critici si sono dibattuti, e continuano tutt’ora a dibattersi sulla presenza di una struttura portante sulla quale sia modulato il Malte Laurids Brigge e su una presunta assenza della temporalità nella stessa opera. Ci muoveremo quindi a partire da questo punto cercando di individuare i principi strutturali che plasmano il romanzo rilkiano e di illustrare la concezione temporale che sta alla base del Malte. Sarà poi necessario introdurre brevemente l’opera e dedicare qualche riflessione sui temi che ritornano in maniera insistente in essa. L’ultimo paragrafo del secondo capitolo sarà invece dedicato alla conclusione del romanzo, che assume un significato particolare se la si accosta a tutto lo svolgimento narrativo e le esperienze narrate dal protagonista in precedenza.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Simona Spadafora Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1129 click dal 08/04/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.