Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione delle teorie geopolitiche: dalla fine del XIX secolo all'era post-bipolare

L’impiego estensivo del termine “geopolitica” da parte di giornalisti, politici, diplomatici, militari e studiosi di vario tipo e livello è un fenomeno recente. Se consultassimo una rassegna stampa settimanale della metà degli anni ’80 difficilmente ve ne troveremmo traccia. Oggi, invece, è pressoché impossibile non imbattersi in questo termine quando si legga un qualsiasi articolo o si ascolti un dibattito che tratti di questioni politiche internazionali. Si parla, più o meno appropriatamente, di “situazioni geopolitiche”, di “ambizioni geopolitiche”, di “vincoli geopolitici”, di geopolitica tedesca, francese, italiana. La constatazione di questo uso certamente frequente e probabilmente eccessivo del termine colpisce ancora di più in rapporto all’assenza passata e impone un’indagine circa la sua origine ed evoluzione.
Fino a metà degli anni ’70 il termine “geopolitica” indicava quasi esclusivamente una determinata corrente della geografia politica. In seguito, esso si è diffuso sia nel linguaggio dei media che in quello politico e scientifico come label unificante di uno sconfinato campo di studi, costituito da differenti apporti disciplinari – geografia politica, storiografia mondiale o universale, pensiero strategico, politologia ed economia internazionale. Come si vedrà, l’uso del termine non è “neutrale”. L’approccio geopolitico implica una particolare visione “realista”, soggettiva, conflittuale, spesso deterministica delle relazioni internazionali, talvolta non priva di implicazioni metafisiche e metastoriche. Ponendo al centro del dibattito non più la statica dell’ordine mondiale e degli assetti regionali bensì la dinamica degli “attriti” spaziali (territorio, confini, sovranità, sistema economico-sociale, ambiente, valori) la geopolitica implica un rovesciamento di prospettiva rispetto all’ideologia internazionalista che ha dominato l’epoca del confronto bipolare.
L’obiettivo di questo lavoro è duplice.
In primo luogo, si cercherà di definire con maggior chiarezza il significato del termine “geopolitica”, ripercorrendone la storia dalla comparsa nel dibattito politico della Germania del dopo-sconfitta, passando per la censura ideologica imposta dal comunismo e dalle dottrine internazionaliste dominanti nel periodo della Guerra Fredda, fino ad arrivare alla riscoperta negli anni Ottanta e all’ondata di popolarità che, con la fine dell’era bipolare, ha portato taluni esperti a definire il termine “deprezzato” per inflazione semantica”.
In secondo luogo, si cercherà di ripercorrere l’evoluzione delle teorie geopolitiche partendo dalla nascita della geopolitica tedesca, tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo, analizzando le strategie e le dottrine che si sono affermate nel periodo della Guerra Fredda, fino a ricomprendere nel presente lavoro le visioni del mondo che si sono affermate subito dopo la fine del sistema bipolare. Il metodo utilizzato è nel contempo storico e politologico: sono state analizzate le teorie nella loro struttura concettuale, il contesto che ha portato all’elaborazione delle suddette teorie e le implicazioni e influenze che esse hanno esercitato sulle politiche estere degli stati, sugli eventi bellici e, più in generale, sulla struttura del sistema internazionale e sulla sua evoluzione nel tempo. Un’ultima parte della trattazione sarà riservata allo studio di alcune costanti geopolitiche che hanno caratterizzato la politica estera dell’Italia dall’Unità ai giorni nostri.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’impiego estensivo del termine “geopolitica” da parte di giornalisti, politici, diplomatici, militari e studiosi di vario tipo e livello è un fenomeno recente. Se consultassimo una rassegna stampa settimanale della metà degli anni ’80 difficilmente ve ne troveremmo traccia. Oggi, invece, è pressoché impossibile non imbattersi in questo termine quando si legga un qualsiasi articolo o si ascolti un dibattito che tratti di questioni politiche internazionali. Si parla, più o meno appropriatamente, di “situazioni geopolitiche”, di “ambizioni geopolitiche”, di “vincoli geopolitici”, di geopolitica tedesca, francese, italiana. La constatazione di questo uso certamente frequente e probabilmente eccessivo del termine colpisce ancora di più in rapporto all’assenza passata e impone un’indagine circa la sua origine ed evoluzione. Fino a metà degli anni ’70 il termine “geopolitica” indicava quasi esclusivamente una determinata corrente della geografia politica. In seguito, esso si è diffuso sia nel linguaggio dei media che in quello politico e scientifico come label unificante di uno sconfinato campo di studi, costituito da differenti apporti disciplinari – geografia politica, storiografia mondiale o universale, pensiero strategico, politologia ed economia internazionale. Come si vedrà, l’uso del termine non è “neutrale”. L’approccio geopolitico implica una particolare visione “realista”, soggettiva, conflittuale, spesso deterministica delle relazioni internazionali, talvolta non priva di implicazioni metafisiche e metastoriche. Ponendo al centro del dibattito non più la statica dell’ordine mondiale e degli assetti regionali bensì la dinamica degli “attriti” spaziali (territorio, confini, sovranità, sistema economico-sociale, ambiente, valori) la geopolitica implica un rovesciamento di prospettiva rispetto all’ideologia internazionalista che ha dominato l’epoca del confronto bipolare. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Franceschini Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4267 click dal 16/04/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.