Skip to content

Comunicare la città. Quale brand per Arezzo?

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Daveri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della politica
  Relatore: Marco Tarchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

L'oggetto di studio della tesi è rappresentato dall'indagine sull'identità, ovvero sui principi e sui valori a cui s'ispira l'azione del Comune di Arezzo, (la sua corporate identity). Durante il mio percorso formativo più volte è stato affrontato l'argomento della comunicazione come anello di congiunzione fra il candidato (e di riflesso le istituzioni) e gli elettori, e della trasformazione delle istituzioni a enti/impresa. Partendo da tali considerazioni mi sono posta due quesiti: in primo luogo se è possibile costruire un brand per un territorio, e in particolare per la città di Arezzo? In secondo luogo se è possibile arrivare a dimostrare che una migliore e più attenta comunicazione da parte del Comune di Arezzo sia lo strumento giusto per mantenere alto il consenso verso il Sindaco, nell'ottica del ormai odierna campagna permanente? E conseguentemente scongiurare l'innescarsi del meccanismo di delusione post-elettorale, responsabile del fenomeno dell'alternanza di voto tra destra e sinistra?
Per trovare risposta alla prima domanda ho ricostruito la corporate identity del Comune di Arezzo analizzando la campagna elettorale del Sindaco Giuseppe Fanfani (28-29 maggio 2006) estrapolandone gli elementi distintivi che, una volta eletto, sono andati a formare l'identità del nuovo corso politico cittadino. Al termine della mia analisi (avvenuta seguendo uno schema classico del marketing politico, quello proposto da Alberto Cattaneo e Paolo Zanetto) ho riassunto tali elementi in: “costruire un Comune trasparente, onesto, partecipato, più vicino al cittadino”. La modalità scelta dall'ente comunale per far partecipare i cittadini è l'ascolto degli stessi in merito ai cambiamenti urbanistici, che costituiscono il cardine del programma elettorale di Giuseppe Fanfani.
Successivamente ho indagato come l'ente ha veicolato la corporate identity analizzando i canali diretti di comunicazione al cittadino, e costruendo una banca dati che raccoglie gli articoli dei due quotidiani locali “il Corriere di Arezzo” e “la Nazione”, per capire qual'è l'immagine che i cittadini possiedono del Comune. Sfogliando i quotidiani è emerso il ruolo determinante di Banca Etruria nella comunicazione pubblica della trasformazione della città, ciò mi ha spinto a cercare di capire il legame fra Comune e Istituto di Credito. L'esame di Banca Etruria ha messo in luce un nuovo aspetto: la mostra “Piero della Francesca e le corti italiane”(marzo-luglio 2007), primo esempio di veicolazione dell'immagine di Arezzo a livello nazionale e internazionale, e di collaborazione fra privati e istituzioni.
La seconda parte della tesi, con il sostegno dei dati raccolti, si propone di trovare un simbolo nuovo e unitario, un brand, che coniughi le molte facce della comunicazione dell'identità di Arezzo portate avanti dal Comune, da Banca Etruria e da altri enti quali la Provincia. Al termine dell'analisi viene costruito l'ipotetico logo e slogan che formano il brand: “Arezzo si ridisegna”. L'identità visiva interna della città è stata creata pensando ad un suo utilizzo non solo come mezzo di comunicazione diretto ai cittadini, ma anche come marchio per veicolare l'identità della città all'esterno in modo da promuoverne turisticamente il territorio.
Il primo quesito ha così ricevuto risposta, per quanto riguarda il secondo - in merito alla conservazione del consenso attraverso la comunicazione politica, per frenare l'innescarsi del meccanismo di delusione post-elettorale e l'alternanza di voto destra-sinistra - l'analisi ha messo in luce le numerose falle nella comunicazione comunale che sembra non avere uno schema preciso, un piano di comunicazione strategica, al quale fare riferimento per spiegare ai cittadini la trasformazione urbana e identitaria in atto ad Arezzo. Il brand è una immagine istituzionale (corporate image) che veicola la corporate identity del Comune, essa permette di rispondere alla sete d'informazione dei cittadini, e pone le basi di una reale partecipazione. Va da se che un elettore informato, e quindi consapevole di ciò che il Comune sta facendo per lui, non solo partecipa, ma può esprimere consenso. Contrariamente la disinformazione genera distacco, diffidenza, delusione, il cittadino non è in grado di constatare la bontà della sua scelta elettorale, non ha gli strumenti (le informazioni) necessari per esprimere consenso. L'analisi induce a pensare che la costruzione di un brand per comunicare con i cittadini possa rappresentare lo strumento per invertire la tendenza del calo dei consensi, tipica del periodo post-elettorale, e per scongiurare l'alternanza destra-sinistra. Inoltre la costruzione di un brand permette di comunicare con i turisti come se fossero dei “cittadini temporanei”, di veicolare loro l'identità e il buon vivere della città, infatti le infrastrutture di cui godono i cittadini sono servizi di cui usufruiscono anche i turisti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
                                     !!"#       $         % & #  '               (             $                           )                                  %    *                                                     # +   ,     (        (   *          # -                                             !!"!&&  .   -#/#!!0#1,                    (      !!"                         # +,       *.       *         $  %                        +     #  +  ,                                   .                        2   *        3            # 4   .       *      ,   ..       ,                ,                       # +.,           )    $      3   %#5          ,    #6                  &5              /   '   + 7 !!8#&# ' (    .  ''9       :::# .# ;''9< #     &&!"!!  *#   .  # &

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arezzo
banca etruria
brand
brand città
brand territorio
comunicare il territorio
comunicare la città
comunicazione politica
comunicazione pubblica
corriere di arezzo
duomo arezzo
elezioni amministrative 2006 arezzo
fiera antiquaria arezzo
fraternita dei laici
giostra saracino
giuseppe fanfani
giuseppe fanfani campagna elettorale
la nazione arezzo
opere pubbliche
piazza grande
piazza guido monaco
piazza sant'agostino
piazze arezzo
piero della francesca e le corti italiane mostra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi