Skip to content

Progettazione di un nuovo magazzino automatico per uso industriale servito da trasloelevatori

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Benini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria dei processi gestionali
  Relatore: Arrigo Pareschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

L’obiettivo di questa tesi è quindi quello di fornire alle aziende un sussidio alla progettazione di un magazzino automatico servito da trasloelevatori, munire di basi teoriche per la gestione operativa dello stesso, fornire elementi che aiutino a scegliere se adottare o meno un magazzino automatico.

Ogni azienda, in funzione delle specifiche esigenze, può definire il progetto di un magazzino automatico in diversi modi. La prima delle suddivisioni riguarda il posizionamento del magazzino all' interno della catena logistica e a questo riguardo si possono avere: magazzini di materia prima, magazzini di semilavorati (detti anche inter-operazionali), magazzini di prodotto finito, magazzini ricambi e archivi. Un'altra suddivisione riguarda la struttura fisica del magazzino automatico che si distingue tra in tradizionale e autoportante. Nel primo caso si hanno normali scaffalature metalliche contenute all'interno di un edificio solitamente preesistente, mentre in una struttura autoportante lo scaffale stesso sostiene le pareti ed il tetto e diventa esso stesso un edificio a tutti gli effetti, normalmente di grosse dimensioni (anche fino a quaranta metri di altezza). E ancora, i magazzini automatici si differenziano a seconda delle tipologie dell'automazione, in particolare delle macchine che eseguono il deposito ed il prelievo,( i trasloelevatori), ed inoltre in funzione delle unità di carico che gestiscono (pallet, cassoni, scatole,ecc.). Per quanto riguarda lo stoccaggio dei prodotti finiti, che rappresenta l'applicazione più diffusa, il magazzino automatico può essere organizzato come parte terminale di un'attività manifatturiera oppure come centro di stoccaggio per merci prodotte in paesi lontani.

La progettazione di un magazzino è un esercizio decisamente complesso che può dar luogo a soluzioni molto diverse tra loro, ognuna di queste composte da un profilo organizzativo, procedurale e tecnologico. Una completa definizione dei dati di progetto e una successiva analisi, permettono di orientarsi verso la scelta della soluzione giusta da applicare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Il concetto di magazzino Ł cambiato notevolmente negli ultimi 30 anni; a livello tecnologico prima non si sapeva nemmeno cosa fosse l automazione, mentre oggi i magazzini automatici sono sempre piø numerosi e conosciuti. Negli ultimi anni si sta assistendo ad una grande trasformazione, che Ł il riflesso dell evoluzione di un contesto economico caratterizzato da una competizione sempre piø accesa e da margini di profitto sempre piø risicati. La necessit di ridurre i cost i ha spinto le aziende a prestare maggiore attenzione al magazzino, considerato nel passato solamente un edificio dove tenere la merce al riparo dagli agenti atmosferici e in cui concetti come efficienza e ottimizzazione della movimentazione delle merci erano del tutto fuori luogo. Lavorare in magazzino non richiedeva nØ tecnologia nØ abilit particolari perci i lavoratori non avevano alcuna competenza specifica. In Italia, una ventina di anni fa, alcune grandi aziende dotate di un organizzazione manageriale hanno iniziato ad interessarsi all automazione mentre le piccole medie imprese si concentravano esclusivamente sulla produzione, prestando pochissima attenzione al magazzino. Dall ultimo decennio l approccio di tutte le aziende al mercato Ł rivolto ad intuire i vantaggi, in termini di diminuzione dei costi e aumento del servizio, apportati dall automazione. Il principale obiettivo di un magazzino automatico non Ł quindi quello di ridurre i costi, bens di aumentare il livello di servizio (aumentando l efficienza del picking e del material handling). Anche per quanto riguarda i costi, d investimento e di esercizio in particolare, il magazzino automatico permette un risparmio in termini di minor spazio occupato, minore manodopera diretta e maggiore affidabilit nel material handling rispetto a un magazzino manuale. Ogni azienda, in funzione delle specifiche esigenze, pu definire il progetto di un magazzino automatico in diversi modi. La prima delle suddivisioni riguarda il posizionamento del magazzino all’ interno della catena logistica e a questo riguardo si possono avere: magazzini di materia prima, magazzini di semilavorati (detti anche inter- operazionali), magazzini di prodotto finito, magazzini ricambi e archivi. Un’altra suddivisione riguarda la struttura fisica del magazzino automatico che si distingue tra in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

convenienza economica magazzino
impianto automatico
magazzino
magazzino automatico
progettazione
progettazione magazzino
stoccaggio automatico
trasloelevatori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi