Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ottimizzazione di parametri di processo nella produzione di una pasta pigmento in dispersione acquosa

In questa Tesi è stata sviluppata una procedura per l’ottimizzazione dei parametri macchina relativamente al processo di produzione di una pasta pigmento in dispersione acquosa. Il primo passo del percorso seguito è stato la generazione di un numero limitato di punti sperimentali, servendosi di un disegno fattoriale generale a blocchi. Il passo successivo è stato l’ottenimento dei dati sperimentali relativi ai quattro output (risposte) scelte come oggetto di indagine per ognuno dei punti sperimentali. Servendosi delle informazioni raccolte, si è poi passati all’individuazione, attraverso elaborazioni statistiche, dei modelli matematici che descrivono l’andamento delle risposte stesse in tutto il dominio del piano sperimentale .
Per il controllo dei modelli ottenuti si sono sfruttati tre punti sperimentali addizionali (check point). Ultima fase della Tesi è stata l’ottimizzazione delle variabili di processo applicando una serie di vincoli su ciascuna delle quattro risposte considerate, con indice di importanza diverso per ciascun vincolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nella seguente Tesi si è cercato di verificare l’applicabilità di tecniche di programmazione di esperimenti (DOE) nella produzione di paste pigmento in dispersione acquosa, nell’ambito della razionalizzazione dell’attività di sviluppo di processo. Si è pertanto utilizzato un disegno fattoriale a blocchi per ottimizzare i parametri macchina in una lavorazione comunemente condotta in SAMIA s.a.s.. Dopo i risultati confortanti ottenuti in precedenti lavori, vedi ad esempio la precedente Tesi svolta in SAMIA s.a.s. nel 2004, finalizzati a esplorare e/o ottimizzare il piano sperimentale nella formulazione di miscele, il naturale passo successivo è stato l’estensione dell’impiego di tecniche DOE su scala industriale. L’obiettivo finale è quello di giungere a gestire e sfruttare strutture complesse di dati in modo da estrarne informazioni in grado di abbattere i costi e migliorare le performance qualitative di un determinato processo. Il lavoro ha anche permesso di valutare la versatilità dell’impianto pilota e la sua effettiva funzionalità nell’ottimizzazione di processo; i dati monitorati e registrati, anche relativi a variabili passive, devono ancora essere appieno studiati e interpretati, a tal proposito si sta valutando la possibilità di utilizzare reti neurali artificiali. Il lavoro è strutturato in tre capitoli. Il primo capitolo presenta una breve descrizione del processo produttivo SAMIA s.a.s.. Il secondo capitolo tratta i fondamenti teorici della pianificazione sperimentale, la descrizione dei piani fattoriali, l’utilizzo di blocchi e l’accostamento di modelli. Il terzo capitolo descrive la parte sperimentale di raccolta dati e la relativa analisi. Per la descrizione degli aspetti teorici si è fatto riferimento ai testi di Montgomery (2005), Smith (2005), Todeschini ((2003) e al Manuale Unichim N.186 (1998); l’elaborazione dei dati per la parte sperimentale è stata condotta utilizzando il software Design-Expert (Vers. 7.0) di Stat-Ease ® . L’attività è stata interamente svolta nel laboratorio chimico SAMIA s.a.s., il cui organico è attualmente composto da otto persone: un responsabile del laboratorio facente funzione di responsabile controllo qualità, ricerca e sviluppo, cinque addetti al controllo qualità, due tecnici formulatori e un addetto alla redazione di documenti ad uso interno/esterno e alla corrispondenza ordinaria con clienti e fornitori.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Emanuele Tomba Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 706 click dal 16/04/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.