Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato del tonno

Tutto il tonno pescato nel mondo va ad alimentare 3 mercati: quello del sashimi, quello del tonno in scatola e quello del tonno congelato.
Si tratta di mercati in forte espansione come è dimostrato dall'incremento nelle catture avvenuto negli ultimi 50 anni e dalla forte impennata nelle stesse registrata negli ultimi 15/20 anni.
In questa tesi vengono analizzati a fondo, da un punto di vista soprattutto economico, i motivi e le conseguenze di questa espansione. Viene inoltre dedicato un capitolo all'analisi del mercato del tonno in Sardegna.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 Il settore della pesca 1.1 Note introduttive Negli anni 1995 e 1996 abbiamo avuto una rapida espansione della produzione mondiale di pesce che ha raggiunto i 121 milioni di tonnellate con, nell’ordine, Cina, Perù, Cile, Giappone, USA, Russia ed Indonesia che risultano essere i maggiori produttori del 1996 rappresentando, tutti insieme, più della metà delle catture mondiali in termini di tonnellaggio. Il 20% della produzione globale di pesce (ed il 29% della produzione di pesce per usi alimentari) proviene dall’acquacoltura. L’offerta di pesce per il consumo umano è anch’essa incrementata considerevolmente passando da 14.3 kg pro capite nel 1994 a 15.7 kg pro capite nel 1996. Quest’exploit va, però, analizzato con attenzione in quanto dovuto perlopiù all’aumento dell’attività di pesca da parte della Cina negli ultimi anni. Infatti, escludendo la Cina, avremmo un valore di 13.3 kg pro capite che è pressappoco identico per tutti gli anni ’90 e di gran lunga più basso dei valori raggiunti negli anni ’80. Per quanto riguarda le catture di pesce destinate alla produzione di farine ed oli, abbiamo avuto una leggera riduzione nello stesso periodo. Le importazioni e le esportazioni complessive di pesce sono aumentate fortemente. In particolare, per quanto concerne le esportazioni, notiamo un incremento notevole del peso dei paesi in via di sviluppo (il 55% delle esportazioni mondiali di pesce nel 1995) dove il pesce è diventato un prodotto da esportare di gran lunga più importante di quelli tradizionali quali, ad esempio, il riso: la Tailandia è il principale paese esportatore di pesce del mondo soprattutto con i gamberi congelati ed il tonno in scatola. Ma il grosso peso dei paesi in via di sviluppo nelle esportazioni è dovuto, per la maggior parte, al notevole aumento del costo della manodopera nei paesi sviluppati: prima i prodotti della pesca che davano un alto valore aggiunto venivano realizzati nei paesi sviluppati anche se la materia prima proveniva dai mari del Sud del mondo; ora invece i prodotti vengono fabbricati nei paesi in via di sviluppo e poi esportati con un marchio conosciuto nei paesi sviluppati. Il comparto della pesca e dell’acquacoltura nel mondo è perciò caratterizzato da una fortissima dinamicità che investe tutte le sue articolazioni. I motivi alla base di questa dinamicità, peraltro già presente da tempo, sono molteplici ma possiamo sinteticamente riassumerli nell’esistenza di uno squilibrio fra la domanda e l’offerta di prodotti della pesca a livello mondiale. In questo contesto gioca un ruolo rilevante il rapporto tra i paesi detentori delle risorse e quelli detentori delle flotte da pesca, il che rappresenta anche un elemento fondamentale nella globalizzazione dei mercati mondiali: non solo il settore produttivo, ma anche quelli della conservazione, della trasformazione, della commercializzazione, della distribuzione, dell’allevamento, della ricerca e dell’assistenza sono molto interessati a tutto il processo di riorganizzazione in atto su scala mondiale. La forte integrazione caratterizzante il settore della pesca a livello internazionale richiede una risposta coerente da parte di tutti i paesi in termini di strumenti d’intervento e di scenari gestionali.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Rosso Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3288 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.