Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi delle relazioni del sistema istituzionale: il caso dei XXIV Campionati d’Europa di ginnastica ritmica - Torino 2008

Questa tesi presenta una ricerca di tipo qualitativo condotta sul Comitato Organizzatore dei XXIV Campionati d’Europa di Ginnastica Ritmica di Torino 2008 e sui suoi Stakeholders appartenenti al sistema istituzionale.
L’obiettivo di questa indagine è quello di studiare l’eventuale esistenza e i diversi gradi di dipendenza e influenza, nonché la convergenza e divergenza di scopi tra gli stakeholders intervistati e il Comitato Organizzatore dell’evento. I risultati dimostrano che gli attori dominanti sono RAI, UEG e La Stampa e che la convergenza più forte tra i Partner Istituzionali si colloca a livello sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione A partire dal 2006, quando si sono tenuti a Torino i XX Giochi Olimpici Invernali, è sempre più evidente la crescita dell’importanza degli eventi sportivi, nazionali ed internazionali, sul territorio torinese e piemontese. Un evento sportivo viene sempre più a configurarsi come un vero e proprio “sistema” che, per essere di successo, richiede la presenza di molteplici protagonisti di natura spesso differente e con vari obiettivi. Ne consegue l’importanza di individuare operatori sia pubblici sia privati per costituire un network di collaborazioni efficaci. Proprio su tale principio si fonda la Teoria degli Stakeholder, secondo la quale la dimensione sociale di un’organizzazione si affianca a quella più propriamente imprenditoriale. L’evoluzione delle manifestazioni sportive si accompagna ad un crescente stato concorrenziale e in questo modo le relazioni instaurate e intrattenute dal Comitato Organizzatore dell’evento con tutti i componenti rappresentano senza dubbio una variabile in grado di incidere in maniera significativa sulle probabilità di successo dell’evento stesso e, quindi, sul suo valore. Uno dei compiti principali è proprio quello di garantire che il sistema evento riesca ad interagire in maniera funzionale con gli elementi dell’ambiente esterno, assicurando al tempo stesso il perseguimento di quelle finalità e obiettivi ritenuti prioritari. Ne consegue che in aggiunta ai tradizionali detentori di capitali vi possono essere altre categorie di individui che possono condizionare la gestione dell’evento favorendo la creazione di situazioni sia positive sia negative. Gli “attori” di un evento sono interessati oltre ai risultati economici anche, e in alcuni casi soprattutto, al valore sociale che l’organizzazione o gli eventi da essa organizzati sono in grado di generare. È bene sottolineare che in un evento sportivo essi sono più numerosi e anche diversi da quelli che ad esempio potrebbero riguardare l’agire di un’impresa. Quando ci si avvicina al mondo degli eventi una delle problematiche principali è quella di circoscrivere il campo di indagine e di approfondimento. Le difficoltà derivano dalla natura stessa degli eventi: siamo di fronte ad un fenomeno in sé di breve durata, ma che ha alla base molti mesi di

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Barbara Merlo Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 393 click dal 16/04/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.