Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’istituzione della “funzione di compliance” nelle banche: organizzazione e raccordo con le altre funzioni aziendali

“Negli ultimi vent’anni il capitalismo si è fatto guidare dalla mentalità dell’alta finanza, che chiede profitti immediati e non ha una visione di lungo raggio della produttività. È stato questo il suo errore. Avrebbe dovuto invece ispirarsi all’etica e alle qualità degli antichi artigiani: conoscenza degli strumenti, perfezionismo, capacità di prevedere le conseguenze del proprio lavoro, pensiero rivolto non solo al profitto” .
Inoltre alcuni eventi quali l’istituzione della moneta unica in Europa e la globalizzazione dei mercati, finanziari e non, sono stati i principali driver allo sviluppo dell’industria dei servizi finanziari e del settore bancario in genere, il quale è alle prese con un considerevole processo di consolidamento e assestamento che è ancora in corso, in Europa e nel mondo.
L’evoluzione dei mercati, la volontà di proiezione internazionale delle aziende, il trasferimento dei propri rischi a terze controparti ha portato gli operatori a rendere più efficienti e snelle le proprie strutture, a ricercare nuove fonti di reddito diversificando attività e modelli di business e nel contempo innovando la gamma di prodotti offerta.
L’inseguimento sempre più stressante degli obiettivi di performance, la valutazione del profitto come unico parametro per valutare le aziende e l’operato del management, il considerare gli azionisti come gli unici stakeholders degni di considerazione, può indurre un allentamento della corretta valutazione dei profili di rischio e di conformità, e il ricorso a comportamenti azzardati dal punto di vista etico e morale.
Si configurano quindi nuovi scenari di rischio ancora più complessi e di difficile gestione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione “Negli ultimi vent’anni il capitalismo si è fatto guidare dalla mentalità dell’alta finanza, che chiede profitti immediati e non ha una visione di lungo raggio della produttività. È stato questo il suo errore. Avrebbe dovuto invece ispirarsi all’etica e alle qualità degli antichi artigiani: conoscenza degli strumenti, perfezionismo, capacità di prevedere le conseguenze del proprio lavoro, pensiero rivolto non solo al profitto” 1 . Inoltre alcuni eventi quali l’istituzione della moneta unica in Europa e la globalizzazione dei mercati, finanziari e non, sono stati i principali driver allo sviluppo dell’industria dei servizi finanziari e del settore bancario in genere, il quale è alle prese con un considerevole processo di consolidamento e assestamento che è ancora in corso, in Europa e nel mondo. L’evoluzione dei mercati, la volontà di proiezione internazionale delle aziende, il trasferimento dei propri rischi a terze controparti ha portato gli operatori a rendere più efficienti e snelle le proprie strutture, a ricercare nuove fonti di reddito diversificando attività e modelli di business e nel contempo innovando la gamma di prodotti offerta. L’inseguimento sempre più stressante degli obiettivi di performance, la valutazione del profitto come unico parametro per valutare le aziende e l’operato del management, il considerare gli azionisti come gli unici stakeholders degni di considerazione, può indurre un allentamento della corretta valutazione dei profili di rischio e di conformità, e il ricorso a comportamenti azzardati dal punto di vista etico e morale. Si configurano quindi nuovi scenari di rischio ancora più complessi e di difficile gestione. 1 SENNETT R., La riscoperta dell’uomo artigiano, del Corriere della Sera, 14 Novembre 2008 intervista a cura di Daniele Castellani Perelli.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Federico Baranello Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2357 click dal 09/04/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.