Skip to content

Relazione tra infermiere e paziente ricoverato in Hospice

Informazioni tesi

  Autore: Daisy Conficconi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Loredana Gamberoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

Relazione tra infermiere e paziente ricoverato in Hospice. Ho scelto questo argomento, in quanto ho svolto 2 mesi di tirocinio in Hospice ad Aviano in Friuli.
Lì ho capito l'importanza nel rapportarsi in modo adeguato al paziente
terminale e alla sua famiglia, con una buona relazione d'aiuto e terapeutica. Vi sono diversi tipi di relazione ma quella più importante è l'aptonomia. L'Hospice non è solo una struttura dove “si va a morire”, ma un’équipe di persone adeguatamente preparate e motivate che credono nel valore e nella dignità umana in ogni momento della sua esistenza.In Hospice si attuono cure palliative che servono per migliorare la qualità della vita, secondo l'OMS ci sono 5 condizioni per attuarle. La tipologia del paziente terminale: esaurita radioterapia e chemioterapia a scopo terapeutico, prognosi inferiore a 6 mesi e Karnofsky ≤ 50%.
Attraverso l'analisi della letteratura ho confrontato vari modelli teorici.
Ho preso inconsiderazione anche la parte normativa.
Ho concluso sottolineando che l'Italia non è ancora allineata con l'Europa nelle Cure Palliative.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE «È molto facile sentire: raccontare, nei giornali, alla TV, in conversazioni private, episodi di disfunzioni, mancanza di professionalità e di rispetto per il malato, tanto che il neologismo “malasanità” è diventato un vocabolo comune nel linguaggio quotidiano. È più difficile ricordarsi che esiste anche un esercizio silenzioso e preparato, che continuamente, giorno dopo giorno, si dedica ai sofferenti e viene loro incontro con efficienza e umanità.» Così afferma il docente Mirella Barbina, nel libro “Passaggio al CRO”. A pensarci bene è vero, è facile ricordarsi delle notizie negative, ma ricordarsi dei luoghi come il CRO e/o l’Hospice “Via di Natale”, se non ci si trascorre tempo. Se si va in questi luoghi ce lo si ricordi per sempre, perché come hanno scritto molte persone nei quaderni del CRO e dell’Hospice: «qui si respira aria di gentilezza e cortesia…gentilezza… sorriso…». “So che un giorno morirò, anche se non so come né quando. C’è un punto, nel profondo del mio essere, dove è custodita questa certezza. So che un giorno dovrò lasciare i miei cari, a meno che non siano loro a lasciarmi per primi. Paradossalmente, è proprio questa consapevolezza così profonda, così intima, che ci accomuna a tutti gli altri esseri umani. Ecco perché la morte altrui mi colpisce. Mi permette di puntare al cuore Dell’unica vera domanda: che senso ha la mia vita?” (M. de Hennezel, La morte amica, 1996) Si può non guardare in faccia a chi soffre e dire: “non sono fatti miei, qualcuno ci penserà”. Ma i malati terminali soli e abbandonati continueranno a guardare noi. Molti di loro non hanno niente e nessuno, talvolta neppure una casa. Dire o non dire? Chi deve pensarci? Come? Quando farlo? In quale misura?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adi
aptonomia
buckman
carpenito
counseling
cure palliative
dolore
e. klubler-ross
garfield
gordon
gruppo auto-mutuo-aiuto
henderson
hospice
m.f.colliere
relazione
relazione d'aiuto
relazione terapeutica
rete oncologica
riunione d'équipe
roper-logan-tierney
tanatologia
tiq
weisman

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi