Skip to content

Ambiente: fonte generatrice di risorse. Strumenti di responsabilità sociale per sostenere lo sviluppo economico ambientale.

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Manenti
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze Economiche
  Relatore: Carlo Amendola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 186

Dagli ultimi due secoli il nostro pianeta sta subendo trasformazioni molto rilevanti ad opera dell’uomo, dovendo affrontare sfide che l’avanzante processo di globalizzazione e il progresso tecnologico impongono. Consumi di energia necessari a soddisfare esigenze in continuo aumento, standard di vita più elevati, processi di urbanizzazione conseguenti alla crescita della popolazione, danno origine a profondi mutamenti ambientali che in alcuni casi sono diventati vere e proprie emergenze. Finora l’economia si è sviluppata a scapito dell’ambiente, caratterizzata da un prelievo incontrollato di risorse naturali necessarie per i cicli produttivi, e dalla restituzione allo stesso di emissioni dannose e di scarti dell’attività di produzione e consumo.
La questione da risolvere è la quantità e la qualità di “prelievo” di beni naturali che sia compatibile con la capacità dell’ambiente di rigenerarsi. Infatti mentre il sistema produttivo ed economico cresce, l'ecosistema dal quale dipendiamo non può farlo, creando un rapporto instabile tra tutela ambientale e sviluppo economico. Questo difficile equilibrio tra i due elementi è divenuta una priorità dei Paesi industrializzati.
Negli ultimi anni si è perciò generata una crescente sensibilità nell’opinione pubblica, e diffuso una coscienza ambientale cui si accompagna una maggiore pressione sulle imprese in quanto ritenute responsabili del degrado ambientale. Le aziende devono fare propria una cultura di sostenibilità come valore per generare il cambiamento. Devono cercare di coniugare esigenze di sviluppo e crescita economica col rispetto dell'ambiente ispirandosi al paradigma delle tre “P”, People Placet and Profit, e devono prestare maggiore attenzione verso gli effetti distorsivi di uno sviluppo incentrato sull'aumento quantitativo irresponsabile della produzione. Questa filosofia non si identifica solo come il vincolo a “non fare” o l’obbligo a “dover fare”, ma come l’opportunità per “poter progredire”.
Per questi motivi si è progressivamente abbandonato gli interventi di “end of pipe” e approcci di politica ambientale di tipo ‘command and control’ per cercare da parte di tutte le parti sociali un approccio cooperativo basato sulla prevenzione che desse risultati maggiori e un coinvolgimento più ampio e sentito. Bisogna costruire un rapporto di partnership con tutti gli stakeholders promovendo partecipazione e consapevolezza, agendo su leve quali la formazione e la comunicazione. Ma ad oggi non esistono molti strumenti per valutare ed esprimere gli effetti delle politiche ambientali.
Nei i modelli di contabilità tradizionali l’impiego del capitale naturale non “entra nel conto”, non sono strutturati per accogliere costi di depauperamento delle risorse naturali e i costi necessari per contenere il degrado, per ripristinare l’ambiente e risarcire il danno. Occorre dotarsi di strumenti innovativi che misurano la sostenibilità ambientale e sociale dell’azienda.
Il ruolo del sistema informativo è quindi strumentale, attraverso la comunicazione si trasferiscono informazioni a chiunque intende valutare le performance ambientali dell’azienda. Manifestare gli impegni assunti, le proprie politiche di responsabilità ambientale e sociale, diventa una strategia importante. Perciò, la valenza della comunicazione ambientale, intesa come un processo volontario con l’obiettivo di esternare l’impegno e le azioni intraprese per raggiungere un traguardo di superiorità ambientale, al fine di massimizzare il livello di consenso, può essere espressa solamente attraverso una corretta diffusione.
La tesi è formata da sei capitoli, nel corso dei quali vengono affrontati argomenti legati alla comunicazione sociale di politica ambientale. Si trattano le variabili ambientali come opportunità e fattori di rischio, si traccia una breve evoluzione storica, compreso una panoramica sui grandi appuntamenti con l’ambiente e si danno cenni di Legislazione Ambientale, per passare poi ad un analisi più approfondita degli strumenti ambientali di comunicazione quali il Bilancio Ambientale, gli indicatori ambientali, l’ecobilancio di prodotto, i sistemi di etichettatura ambientale, lo standard ISO 14000 e il Regolamento EMAS. Il Case History è sviluppato sugli strumenti di condivisione impiegati da un Comune per misurare l’efficacia ambientale delle proprie politiche di tutela ambientale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Università Telematica Guglielmo Marconi Facoltà di Economia Corso di Laurea in Scienze Economiche Ambiente: fonte generatrice di risorse. Strumenti di responsabilità sociale per sostenere lo sviluppo economico ambientale Tesi di Francesca Manenti Relatore: Prof. Carlo Amendola a.a. 2007-08

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi del ciclo di vita lca
bilancio ambientale
dichiarazione ambientale di prodotto dpa
ecobilancio
ecolabel
emas
etichette ecologiche
feem
indicatori ambientali
iso 14000
politica ambientale
rapporti ambientali
sistema di gestione ambientale
strumenti di comunicazione ambientale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi