Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La generazione che rompe. Il disimpegno politico dei giovani nell'Italia dei primi anni '80, analizzato attraverso il periodico ''Nuovasocietà''.

Il lavoro si concentra sul fenomeno del disimpegno politico dei giovani, emerso durante gli anni '80. Dopo la forte partecipazione giovanile del '68 e il '77, la nuova generazione sembra "rompere" con il recente passato e rifuggire la militanza e "l'engagement". L'analisi degli articoli del quindicinale torinese "Nuovasocietà" conferma l'emergere del fenomeno, inserendolo nel contesto dell'Italia dei primi anni '80.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro, il cui titolo è ripreso da un articolo di Pierino De Luca, comparso il 14 giugno 1980, sul quindicinale regionale “Nuovasocietà”, si propone di indagare il fenomeno del disimpegno politico, giovanile, nell’Italia dei primi anni ’80. L’analisi, di carattere principalmente storico, viene svolta attraverso gli articoli pubblicati sulla rivista bisettimanale piemontese, presentata brevemente nel primo capitolo, realizzato grazie al cortese e prezioso aiuto dell’on. Saverio Vertone, direttore del giornale. Segue un rapido quadro della situazione internazionale in quegli anni, nonché un sintetico studio della realtà italiana, nell’arco di tempo compreso tra le elezioni politiche del giugno 1979 e la nomina di Francesco Cossiga a Presidente della Repubblica, nel 1985. Nel terzo capitolo viene tracciato il profilo delle generazioni precedenti, del ’68 e del ’77, caratterizzate da un intenso impegno politico e si sottolinea il profondo cambiamento verificatosi, nei primi anni ’80, nel mondo giovanile. Comprovato il disimpegno politico, l’indagine si focalizza, nel quarto capitolo, sulla posizione assunta dal quindicinale, diretto da Saverio Vertone, nei confronti del fenomeno. Infine, nel capitolo quinto, l’attenzione è rivolta alla reazione del Pci, di fronte all’eclissi politica dei giovani; testimoniata ampiamente da “Nuovasocietà”, essa si concretizza, nel torinese, in un’emittente radiofonica, Radioflash, organizzatrice di numerose manifestazioni che coinvolgono nutrite folle di giovani, sollevando un aspro dibattito interno al partito.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Donatella Natta Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1860 click dal 21/04/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.