Skip to content

Ingmar Bergman: l'anelito dell'essere

Informazioni tesi

  Autore: Luca Rossetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Giovanni Attolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

Kenosis: era una discesa nell’uomo quella proposta sin dalle prime pagine di questa tesi, un viaggio, un percorso iniziatico giù nella vita colta nel suo mistero. Bergman, senza voler mai insegnare niente, ci ha sempre messi in guardia sui naufragi inevitabili a cui si va incontro salpando per questa meta. L’orizzonte funesto del vuoto palpita d’angoscia, eppure impariamo ben presto che il nostro cammino deve continuare: la vita, il tempo, scorrono inarrestabili propinandoci sentimenti di paura. Il silenzio di Dio, il suo inesplicabile disegno che chiede fede in luogo di assenza, si presta facilmente, a volte troppo facilmente, alla ferocia ideologica degli uomini. É molto più semplice ricreare violentemente la giustizia, cedere ad alibi di follia, deviare, corrompere il senso dell’arte e di tutto il nostro essere, lontano dalla luce della dignità e dalla forza della ribellione onesta, piuttosto che scegliere di guardare in faccia il vuoto ed accettare il dolente fardello da portare lungo la sequela dell’amore. Non è facile, non lo è affatto, cio nonostante è l’unica vera via: siamo soli e senza scuse! Chiamati ad ascoltare la voce dell’essere anziché tentare miseramente di ricrearlo, rivestendolo di sacro. L’evidenza di un oggetto è solo la volontà del credente, invece la morte è la morte, la guerra è la guerra ed ogni nostra mancanza è una mancanza reale. Sull’altare sacrificale dei nostri tiepidi giorni immoliamo poesie e pensieri, ragioni e speranze. L’abbrutimento dell’esserci grida la sua violazione, eppure quanta forza ancora alberga nell’uomo, lo leggiamo nei volti aperti oltre il nichilismo della paura.
La verità non ha bisogno di essere “ideata”, non ha bisogno di essere “prodotta”. Come frantumi di specchio, rimane e rimarrà sempre inafferrabile, ma ciò che rende grande un uomo è la sua speranza nel possibile. Giunti al bivio abbiamo esempi d’amore e di morte, possiamo scegliere di farci travolgere dal timore di svanire e dar sfogo a tutta la violenza, uccidendo e sacrificando l’altro che si offre a noi, per comunicare, per farsi “dimorare” e “divorare”... oppure possiamo seguire lo scandalo del Cristo, senza voli pindarici nella metafisica, con dignità laica ed aprire le nostre braccia, le nostre strade al numinoso, in un irrinunciabile e pacifico gesto d’amore. É tutto ciò che abbiamo, è tutto ciò che siamo, oltre il rumore. oltre la vergogna... UOMINI.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INGMAR BERGMAN Il grande regista svedese nasce ad Uppsala, il 14 luglio del 1918. Figlio del cappellano della corte reale, il piccolo Ingmar viene educato secondo i concetti luterani di peccato, confessione, punizione, perdono e grazia, temi fortemente ricorrenti nella sua produzione artistica. Come se non bastasse, non era infrequente che a scopo punitivo il bambino fosse rinchiuso nell'armadio luogo in cui, rannicchiato, maturava il suo odio per il padre e la sua rabbia contro il Dio-padrone. A diciannove anni si iscrive all'Università di Stoccolma e si stabilisce nella capitale, con alle spalle una famiglia non troppo benestante.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi