Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un nuovo capolavoro sconosciuto. Out 1: Noli me tangere (1971) di Jacques Rivette

L'avventura cinematografica di Jacques Rivette è un costante ritorno a quel «luogo supremo in cui il tempo è abolito», di cui ogni film è un'istantanea e un ricordo. Out 1: Noli me tangere (1971) – d'ora in poi Out 1 – è, in questo senso, l'opera che in assoluto ne restituisce il mistero e il fascino, che più di tutte è rimasta e continua a rimanere in quella dimensione, nella sua persistente e ostinata invisibilità.
Out 1 è permeato da una densa aura di opera classica, in senso benjaminiano: è unico, mai distribuito, mostrato al pubblico poche volte, desiderato e inseguito dagli appassionati e dalla critica più curiosa, difficile da guardare per l'assenza sistematica di qualsiasi agevolazione verso lo spettatore, a partire dalla durata, oltre dodici ore: come il Graal, comporta fatica (e un po' di fortuna) nel raggiungerlo e responsabilità nel possederlo.
La presa di coscienza di questa responsabilità, oltre ad un personale affetto per l'opera, è il motivo principale della nostra trattazione. Considerate la rarità del film, nonostante la fama mitica di cui gode, e la conseguente difficoltà di possederne una copia e avere dunque la possibilità di una visione approfondita e ripetuta (indispensabile per uno studio accurato), non stupisce che la letteratura in materia sia estremamente scarsa, e spesso, purtroppo, piuttosto superficiale. Non è mai stato pubblicato un studio sul film che ne approfondisca tutti gli aspetti, dalle vicende produttive alle tematiche, alle influenze presenti, all'analisi dei personaggi principali: nel disinteresse ostinato di molta critica e soprattutto di larga parte del mondo accademico, sono state pubblicate solo alcune recensioni (soprattutto in corrispondenza delle rare proiezioni proposte fino ad oggi) e pochi studi più approfonditi, sempre diretti comunque ad alcuni aspetti del film. Sembra insomma sia stato spesso evitato un approccio totale al film, preferito sempre ad un avvicinamento timido a una parte di esso. A questo contribuisce la fama, a nostro avviso ingiustificata, del cinema rivettiano, troppo spesso visto e pensato come enigmatico, scostante e “difficile”: preciso scopo del nostro lavoro è non solo di sollevare Out 1 dalla trascuratezza in cui è stato gettato e in cui continua a languire, ma anche seminare il dubbio che il cinema di Rivette sia forse più semplice e più aperto di quanto spesso si creda.
Da qui la necessità di intraprendere uno studio che abbracciasse la generalità dell'opera, cercando di raccogliere e approfondire gli spunti di riflessione più significativi proposti in letteratura, che sta alla base della trattazione che segue.
La prima fase del nostro lavoro è stata dedicata alla raccolta del materiale bibliografico, senza limitazioni disciplinari di alcun tipo. In seguito, si è proceduto ad organizzare la stesura dello studio. La struttura della nostra trattazione è orientata dal proposito di fornire un quadro del film allo stesso tempo ampio, per la vastità degli approfondimenti proposti, e il più possibile preciso ed esauriente nella singola specificità degli stessi. La prima parte del lavoro è dedicata a un approfondimento di carattere filologico, in cui abbiamo cercato di tracciare un ritratto delle vicende che hanno interessato Out 1 dal 1970 ad oggi (ricostruendo dunque le vicissitudini produttive e distributive della pellicola, e raccogliendo il massimo di riferimenti possibili alle proiezioni mondiali e ai passaggi televisivi europei del film di cui abbiamo avuto notizia).
Se la scelta dei personaggi da approfondire è stata relativamente semplice (le figure principali del film sono poche), più complesso è stato decidere quali tematiche e quali influenze presenti nel film privilegiare. Per le prime, si è deciso di selezionare quelle che, nella loro specificità, permettessero di condurre riflessioni il più possibile articolate e ampie sul film e l'autore; argomenti dunque ben definiti, ma contemporaneamente ricchi di possibili collegamenti con il resto dell'opera, con la cinematografia rivettiana, fino a lambire il contesto storico, culturale e artistico in cui Out 1 è nato. Ciò non significa che altri elementi e temi del film siano stati ignorati: l'ampiezza a cui abbiamo fatto riferimento riguarda anche e soprattutto la possibilità di includere, come in un gioco di scatole cinesi, gli aspetti “minori” del film nell'ambito delle riflessioni, più vaste, su quelli “maggiori”.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione C'è un istante in Mozart in cui la musica sembra non nutrirsi più che di se stessa, dell'ossessione di un accordo puro, tutto il resto non è che avvicinamenti, approfondimenti successivi, e ritorni in quel luogo supremo in cui il tempo è abolito. (Jacques Rivette) L'avventura cinematografica di Jacques Rivette è un costante ritorno a quel «luogo supremo in cui il tempo è abolito», di cui ogni film è un'istantanea e un ricordo. Out 1: Noli me tangere (1971) – d'ora in poi Out 1 – è, in questo senso, l'opera che in assoluto ne restituisce il mistero e il fascino, che più di tutte è rimasta e continua a rimanere in quella dimensione, nella sua persistente e ostinata invisibilità. Out 1 è permeato da una densa aura di opera classica, in senso benjaminiano: è unico, mai distribuito, mostrato al pubblico poche volte, desiderato e inseguito dagli appassionati e dalla critica più curiosa, difficile da guardare per l'assenza sistematica di qualsiasi agevolazione verso lo spettatore, a partire dalla durata, oltre dodici ore: come il Graal, comporta fatica (e un po' di fortuna) nel raggiungerlo e responsabilità nel possederlo. La presa di coscienza di questa responsabilità, oltre ad un personale affetto per l'opera, è il motivo principale della nostra trattazione. Considerate la rarità del film, nonostante la fama mitica di cui gode, e la conseguente difficoltà di possederne una copia e avere dunque la possibilità di una visione approfondita e ripetuta (indispensabile per uno studio accurato), non stupisce che la letteratura in materia sia estremamente scarsa, e spesso, purtroppo, piuttosto superficiale. Non è mai stato pubblicato un studio 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gianluca Attoli Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 745 click dal 29/04/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.