Skip to content

Istigazione ed accordo nel diritto penale

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Vitale
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vincenzo Scordamaglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

Con l'espressione “quasi-reato” si intende designare, l’insieme di tre situazioni, eterogenee tra loro, prese in considerazione dal codice penale italiano del 1930 per stabilire che, pur trattandosi di fatti non integranti estremi di reato, è ad esse applicabile, in considerazione della pericolosità del soggetto ritenuta dal giudice penale, una misura di sicurezza.
Le ipotesi cui si accenna sono il reato impossibile (art. 49 commi 2 e 4), l’accordo per commettere un delitto che poi non viene commesso (art. 115 comma 1 e 2), l’istigazione non accolta a commettere un delitto (art. 115 commi 3 e 4).
Le figure in questione hanno indubbiamente un elemento in comune: quello di non raggiungere la soglia di ciò che è punibile alla stregua dei principi generali del diritto penale italiano.
Ne discende che la determinazione del momento consumativo del reato assume estrema rilevanza sotto diversi profili, e precisamente:
1) in ordine all’individuazione della norma da applicare nel caso di successione di leggi penali nel tempo (art. 2);
2) rispetto alla decorrenza del termine di prescrizione (art. 158);
3) ai fini dell’amnistia e dell’indulto, di solito concessi (salvo cioè che la legge disponga una data diversa) limitatamente ai fatti commessi fino al giorno precedente la data della legge (art. 151, comma 3°, e art. 174);
4) ai fini della competenza territoriale (8 c.p.p.);
5) per la applicazione della legge penale italiana rispetto alla legge penale straniera (art. 6).
6) Il concetto di consumazione funge, inoltre, da imprescindibile termine di riferimento rispetto alla distinta ed autonoma figura del tentativo, condizione minima per aversi punizione.
Il reato, come ogni fatto umano, nasce, vive e muore. Perciò esso, se considerato dal punto di vista dinamico, cioè nel suo concreto divenire, si realizza di regola passando attraverso varie fasi, costituenti il c.d. iter criminis.
Tale iter nella sua estensione massima, può snodarsi nelle fasi:
1) dell’ideazione, che si svolge all’interno della psiche del reo, in sé non punibile;
2) della preparazione, che può aversi nei reati a dolo di proposito e, in particolare, di premeditazione;
3) dell’esecuzione (o della commissione) che si ha quando il soggetto compie la condotta esteriore richiesta per la sussistenza del reato;
4) della perfezione del reato, allorché si sono verificati tutti i requisiti dalla singola fattispecie legale (condotta, evento, offesa, nesso di causalità, elemento soggettivo), nel loro contenuto minimo, cioè necessario e sufficiente per la esistenza del reato;
5) della consumazione, quando il reato perfetto ha raggiunto la sua massima gravità concreta.
Mentre la perfezione indica il momento in cui il reato è venuto ad esistere, la consumazione indica il momento in cui è venuto a cessare, in cui si chiude l’iter criminis per aprirsi la fase del postfactum.
Il diritto italiano nella costruzione degli elementi oggettivi del tentativo e del concorso di persone, si ispira, almeno in partenza, agli schemi della Scuola Classica e non accetta la punizione di un fatto quando non abbia raggiunto una certa soglia di pericolo o quando l’ideazione non sia seguita da un principio di azione idonea. Peraltro, coniugando queste premesse con quelle proprie della Scuola Positiva, non disconosce la pericolosità che il soggetto attraverso quella ideazione o quell’accordo o quel tentativo del tutto inidoneo può aver rivelato.

Il presente lavoro, attraverso lo studio degli istituti del concorso di persone nel reato, del delitto tentato e, in prospettiva, dell'accordo e dell'istigazione a commettere un reato, si propone il compito di far luce sulle sfumature dell’iter criminis cercando di individuare parametri positivi utili ad una netta demarcazione tra condotte non punibili e condotte meritevoli di sanzione penale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Con l'espressione “quasi-reato” si intende designare, l’insieme di tre situazioni, eterogenee tra loro, prese in considerazione dal codice penale italiano del 1930 per stabilire che, pur trattandosi di fatti non integranti estremi di reato, è ad esse applicabile, in considerazione della pericolosità del soggetto ritenuta dal giudice penale, una misura di sicurezza. Le ipotesi cui si accenna sono il reato impossibile (art. 49 commi 2 e 4), l’accordo per commettere un delitto che poi non viene commesso (art. 115 comma 1 e 2), l’istigazione non accolta a commettere un delitto (art. 115 commi 3 e 4). Le figure in questione hanno indubbiamente un elemento in comune: quello di non raggiungere la soglia di ciò che è punibile alla stregua dei principi generali del diritto penale italiano. Ne discende che la determinazione del momento consumativo del reato assume estrema rilevanza sotto diversi profili, e precisamente: 1) in ordine all’individuazione della norma da applicare nel caso di successione di leggi penali nel tempo (art. 2); I

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordo
agente provocatore
art. 110 c.p.
art. 115 c.p.
art. 56 c.p.
atti esecutivi
atti preparatori
concorrente
concorrenti
concorso di persone nel reato
delitto tentato
desistenza volontaria
dolo
fatto
idoneità degli atti
istigazione
principio di materialità
principio di offensività
ravvedimento operoso
reato
recesso attivo
responsabilità
tentativo
univocità degli atti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi