Skip to content

Sviluppo culturale e qualità televisiva: Rai e Bbc a confronto

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Bruno
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Arti e Scienze dello Spettacolo
  Relatore: Bruno Zambardino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

QUALITA’ TELEVISIVA E SVILUPPO CULTURALE RAI E BBC A CONFRONTO

OBIETTIVO:
Questo lavoro mira a comprendere le strategie d’impresa di due grandi aziende pubbliche televisive, RAI e BBC, sul tema della qualità - contenutistica e tecnica - in una chiave di lettura che comprende sia gli aspetti economico-legali sia le istanze socio-culturali connesse all’argomento.

QUALITY POLICY
La verifica di qualità del servizio è e deve essere un punto di forza del management aziendale: pone il telespettatore al centro dell’intero sistema, valuta i punti di forza e debolezza e opera a partire da una procedura standardizzata, che registra le esperienze dirette e indirette degli intervistati, anche rispetto alle loro esigenze e aspettative. Soddisfare tali richieste incide direttamente anche sull’accettazione della quota di servizio da parte dell’utente.
Questo approccio salvaguarda le risorse che garantiscono l’esistenza a lungo termine di un’azienda pubblica di telecomunicazioni e la sua capacità permanente di svolgere questo lavoro. Ciò deve essere ottenuto accrescendo la reputazione d’impresa, allineando l’output editoriale con gli standard giornalistici di qualità e soddisfacendo gli obiettivi di programmazione prescritti, il tutto supportato da una politica a lungo termine che ne permetta l’applicabilità, rafforzando il brand e generando un impatto positivo attraverso le generazioni.

METODOLOGIA:
La tesi ha alle spalle un solido lavoro di ricerca, che non si è limitato ai soli broadcaster pubblici italiano e inglese, ma ha investito anche altri servizi pubblici radiotelevisivi (europei, americano e giapponese).
Di questa fase iniziale resta traccia soprattutto nel capitolo conclusivo, che espone i risultati di un’importante ricerca pubblicata nel 2006 dal NHK Broadcasting Culture Research Institute, atta a confrontare ben sette stakeholder su scala mondiale, fra i quali, ovviamente, RAI e BBC.
Per quanto riguarda la RAI, il reperimento del materiale è stato difficoltoso, in misura proporzionale all’attualità dell’argomento: se informazioni e dati possono essere reperiti per quanto riguarda le ricerche degli anni Novanta, più ci si avvicina ai nostri giorni e più il materiale inizia a diminuire. E’ per questa ragione che si è ritenuto necessario un incontro con Marcello Ciannamea (Direzione Marketing RAI) e Stefano Luppi (Direzione Relazioni Istituzionali e Internazionali) – intervista riportata in allegato alla fine del Capitolo 2 - per avere notizie più “sbottonate” sull’atteggiamento dell’azienda rispetto alle indagini qualitative.
Per l’analisi del broadcaster pubblico britannico sono stati presi in esame in particolare l’Annual Report di Ofcom – l’Authority inglese per le telecomunicazioni– e i risultati del sondaggio on-line The Pulse, condotto dalla GFK per conto della stessa BBC.
I suddetti documenti sono stati analizzati in lingua originale e scelti come fonti principali anche grazie alla loro attualità: l’indgine Ofcom è infatti datata Agosto 2008.

CORE POINTS
La discrepanza più rilevante fra l’Italia e il Regno Unito si verifica sul piano della soddisfazione, con il 43% degli utenti RAI che si giudicano soddisfatti del servizio offerto, a fronte del 59% di soddisfatti fra gli utenti BBC.
Il dato sulla soddisfazione è in stretta relazione a quello sul “rispecchiamento” fra emittente e telespettatore ( la capacità e la responsabilità della tv pubblica di essere un mezzo di comunicazione interattivo, in cui lo spettatore-contribuente gode del diritto di esprimere le proprie idee rispetto, ad esempio, alle scelte di programmazione). Se, infatti, il 56% dei telespettatori inglesi riconosce la BBC come “la mia emittente”, la percentuale relativa agli utenti RAI scende bruscamente al 39%.
L’impegno che mostra da anni la RAI, però, nell’approfondire la Corporate Reputation e, non ultima, la prossima analisi, propedeutica al Qualitel, mirata a definire il concetto di “valore pubblico”, indicano che l’azienda vede nella qualità un possibile inizio, un mezzo più che un fine
Se certificata, la qualità potrebbe essere un’arma vincente per la RAI, anche al fine di recuperare il gap nel “rispecchiamento” fra abbonati e broadcaster, rafforzando così la qualità percepita, attesa ed erogata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
 6  Introduzione. Il tema della tv di qualità e del gradimento da parte dei telespettatori è molto attuale e si collega strettamente alle numerose richieste di ospitare più cultura nella tv pubblica, dando spazio a danza, teatro e musica in prima serata, in forme nuove e più interessanti, per una società e, quindi, un pubblico, che è in continuo cambiamento. Questo lavoro mira a comprendere le strategie d’impresa di due grandi aziende pubbliche televisive, la Rai e la BBC, in una chiave di lettura che comprende gli aspetti economico-legali, affiancandoli, però, a istanze socio-culturali rispetto alle indagini avviate per la qualità e alle scelte di programmazione più o meno conseguenti. Il confronto fra le due emittenti è reso possibile dal momento che sono entrambe broadcaster pubblici, hanno simili dimensioni d’azienda e si propongono come imprese di “valore pubblico”; di certo il confronto non è finalizzato a esprimere giudizi di valore a favore dell’una o dell’altra. La ricerca parte con un capitolo introduttivo sui concetti chiave di “qualità” – nelle sue varie articolazioni – e di “prodotto culturale”, per poi enucleare le differenze fra metodologie di ricerca “standard” e “non standard”, concludendo con una dissertazione che spieghi come la qualità possa essere vista da un’impresa sia come punto di partenza che come punto d’arrivo, con le diverse conseguenze dei due approcci. Il secondo capitolo tratta il broadcaster pubblico italiano: dalle ricerche qualitative degli anni Novanta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bbc
cultura
cultura e televisione
qualità tv
rai
sviluppo televisione
televisione
televisione inglese
televisione italiana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi