Skip to content

Luigi XVII tra mito e storia

Informazioni tesi

  Autore: Federica Contu
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Discipline pedagogiche e dell'educazione
  Relatore: Giovanni Murgia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

Luigi XVII non è il nome di un sovrano che richiama alla memoria memorabili vicende manualistiche quali le celeberrime battaglie combattute da Napoleone Bonaparte o la straordinaria competenza politica adoperata dalla regina Vittoria d’Inghilterra; egli non è ricordato per aver reso nota la propria magnificenza edificando una sontuosa reggia o per la firma in un trattato di pace. Ha realizzato molto più di tutto ciò, dando origine ad uno dei più intricati misteri della storia: l ’ Énigme du Temple.
Il presente lavoro, lungi dal presentarsi come biografia, si propone di chiarire tale vicenda, il cui protagonista altri non è che un bambino prematuramente deceduto all’età di dieci anni, terzogenito dei pressoché leggendari Maria Antonietta e Luigi XVI, ghigliottinati nel 1793 per volere della collera rivoluzionaria. La tesi esplicata nei capitoli a seguire nasce soprattutto come risposta ad un quesito: chi era costui? Non compare nei testi scolastici e non è citato durante lo studio della Rivoluzione Francese, sebbene sia constatazione generale che, tra Luigi XVI e Luigi XVIII, sussista un vuoto mai colmato. Ebbene, riempire tale lacuna è assai arduo, poiché la fine cui il fanciullo andò incontro sta alla base di una contesa dinastica che si trascina dal 1795, responsabile del mito cui la storia è stata intrisa.
Il primo capitolo è dedicato all’infanzia del piccolo Re: secondo figlio maschio della coppia Luigi di Borbone e Maria Antonietta d’Asburgo, e nato a Versailles il 27 marzo 1785, il fanciullo divenne Delfino, cioè erede alla corona francese, in seguito alla morte del fratello maggiore Luigi-Giuseppe avvenuta nel giugno 1789; in questo preciso anno la sua vita muterà radicalmente a causa, non solo del nuovo rango acquisito, ma soprattutto per le funeste ombre che la Rivoluzione Francese getterà sul suo dorato futuro. Infatti, la sciagurata partenza dalle Tuileries di Parigi, per scampare al follia popolare, e l’arresto, a Varennes, della Famiglia Reale in fuga, condurranno il giovane Luigi ed i suoi cari alla prigione del Tempio, teatro delle più terribili disgrazie.
Il secondo capitolo descriverà l’internamento al Temple per volere della Comune e le quotidiane ingiustizie che gli ex sovrani ed i loro figli, Maria Teresa, detta Madame Royale, e Luigi-Carlo, dovettero subire in nome dei diritti che la neonata Nazione aveva appena acquisiti; in questa sezione è palese il rapporto esistente tra le vicende politiche della cadente monarchia ed il principino, legato indissolubilmente alla sorte dei propri genitori e alla stessa Rivoluzione. Due date salienti vengono menzionate: il 21 gennaio 1793, egli diviene Luigi XVII, ascendendo ad un trono senza corona mentre il capo di suo padre ancora gronda di sangue sul patibolo del boia Sanson; il 16 ottobre 1793, Maria Antonietta è condannata a morte con accuse gravissime proferite dallo stesso bambino, costretto ad incolpare di incesto la tenera e adorata madre, dopo esserne stato allontanato affinché, per opera del ciabattino Simon, divenisse un vero cittadino francese, indifferente e ostile alla nobiltà.
Il terzo capitolo è dedicato alla morte di Luigi XVII per tubercolosi, ed al mistero creatosi in seguito ad essa; molti infatti ritennero che il fanciullo fosse fuggito con la complicità di alcuni carcerieri, e poi sostituito. Alla dubbia scomparsa del Re bambino sono incatenate le centinaia di impostori che, recitando alla perfezione la parte dell’orfanello del Tempio, godettero di fama e fortuna; un paragrafo a parte è per Naundorff, l’unico pseudo-principe sostenuto da estimatori ed ammiratori realmente persuasi che egli fosse il figlio di Maria Antonietta.
Il quarto capitolo, definibile “scientifico”, chiude la tesi svelando come si è pervenuti alla risoluzione del famoso enigma, attraverso il test del DNA praticato sul cuore che il dottor Pelletan prelevò dal corpo del principe durante l’autopsia, avvalorando così la tesi della morte e sfatando le pretese degli odierni discendenti di Naundorff, proclamatisi eredi del Delfino di Francia; nel 2000 la scienza è arrivata in soccorso della storia pronunciando un verdetto indiscutibile: Luigi XVII, Re di Francia e Navarra, è effettivamente perito al Tempio, dopo esser stato, in soli dieci anni di vita, il perno di uno scorcio di passato colmo di mistero e degno d’essere apprezzato non solo dai nostri cugini d’oltralpe o dai curiosi navigatori di Internet, ma da chiunque sia affascinato dal periodo definito “moderno”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Luigi XVII non è il nome di un sovrano che richiama alla memoria memorabili vicende manualistiche quali le celeberrime battaglie combattute da Napoleone Bonaparte o la straordinaria competenza politica adoperata dalla regina Vittoria d’Inghilterra; egli non è ricordato per aver reso nota la propria magnificenza edificando una sontuosa reggia o per la firma in un trattato di pace. Ha realizzato molto più di tutto ciò, dando origine ad uno dei più intricati misteri della storia: l’Énigme du Temple, appunto, oggetto di una vastissima letteratura in Francia ed Olanda, ma sconosciuto in Italia. Il presente lavoro, lungi dal presentarsi come biografia, si propone di chiarire tale vicenda, il cui protagonista altri non è che un bambino prematuramente deceduto all’età di dieci anni, terzogenito dei pressoché leggendari Maria Antonietta e Luigi XVI, ghigliottinati nel 1793 per volere della collera rivoluzionaria. La tesi esplicata nei capitoli a seguire nasce soprattutto come risposta ad un quesito: chi era costui? Non compare nei testi scolastici e non è citato durante lo studio della Rivoluzione Francese, sebbene sia constatazione generale che, tra Luigi XVI e Luigi XVIII, sussista un vuoto mai colmato. Ebbene, riempire tale lacuna è assai arduo, poiché la fine cui il fanciullo andò incontro sta alla base di una contesa dinastica che si trascina dal 1795, responsabile del mito cui la storia è stata intrisa; opposte fazioni di emeriti studiosi hanno dedicato anni alla ricerca della verità concernente Luigi XVII, ma solo la scienza, duecentocinque anni dopo, ha offerto una degna conclusione al secolare rompicapo. La tesi si compone di quattro capitoli, riuniti in due parti ed intitolate La vita e La morte ed il mito, che nelle righe seguenti andremo ad illustrare brevemente, affinché il lettore possa avere una prima cognizione del tema affrontato. Il primo capitolo è dedicato all’infanzia del piccolo Re: secondo figlio maschio della coppia Luigi di Borbone e Maria Antonietta d’Asburgo, e nato a Versailles il 27 marzo 1785, il fanciullo divenne Delfino, cioè erede alla corona francese, in seguito alla morte del fratello maggiore Luigi- 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1785
1789
1793
delfino di francia
dna
enigma del tempio
énigme du temple
francia
luigi xvi
luigi xvii
maria antonietta
naundorff
re
re luigi 17
rivoluzione francese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi