Skip to content

I partiti norvegesi e l'Europa

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Lucarelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Piero Ignazi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

Since the early 1960s the European subject has been debated inside the Stortinget and among the population. The first time when the political parties debated the subject was in 1962. That was essentially caused by the Great Britain’s economic magnet. However, at that time, the imposition of French veto to Great Britain stopped also Norwegian’s aim to reach the European membership. The debate arose again some years later during the referendum of 1972. Two challenging groups have been already formed since the early 1960s; one with Labour party, Conservative party, Christian and Liberal in favour, and the other Agrarian party and the Extreme-left versus. Counting the two groups, there was a clear predominance of European membership’s supporters.. But the internal situation was changing rapidly inside the country and between the two opposite groups. Changing in government coalition and popular movement development restructured, in a different way, parties’ attitude to EEC. The referendum held in 1972, with the victory of NO, was an example of the change of view inside political class and reflected, also distance between political elites and population. All parties were affected by internal crisis and fractures like for the Liberals. The European issue was, after that experience, “put on ice” until late 1980s. The whole situation in Europe was changing. Crucial, in these years, was the tentative of the Labour party to bring Norway nearer to Europe then ever. The first step was SEA treaty that linked Norway to Europe but only for economic issues. Indeed it was still vivid the past in the minds of politician. Albeit, other Nordic countries were directed to apply for membership in the early 1990s, fear of another political “earthquake” made political class more wary. In the Stortinget, there was an extreme debate that brought to government’s crisis as it was in the 1970s. In 1994, following the other applicants, Labour government decided to held a second referendum. At that time two traditional opponent groups were built again at the eve of referendum more or less, by the same political work and popular forces of twenty years before. The result of referendum was again a victory of NO that reflected different points of view between parties and population, feared by loss of sovereignty and proud of its exceptionalism.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Il sistema partitico norvegese si è formato seguendo alcune “linee di frattura” sviluppatesi nella società norvegese durante tutto il novecento ed è caratterizzato da una cultura politica del tutto particolare. Anche se tutti i paesi scandinavi si attribuiscono la peculiarità di essere “democrazie nordiche”, caratterizzate da un sistema egalitario, socio-politico e con alti livelli di partecipazione, con enfasi sull’appartenenza ad una nazione collettiva, lo sviluppo della cultura politica ha, in realtà, seguito direzioni divergenti. La direzione presa dai norvegesi è stata verso una “politica del dissenso” in cui la funzione dei partiti politici è quella di supportare vari tipi di interesse. Ciò ha sviluppato un sistema di partecipazione politica sulla base di interessi economici e regionali che vengono elaborati dai membri locali del parlamento nei vari meeting nazionali di partito e, a livello parlamentare, nei gruppi di interesse nazionale. Inoltre, il fatto che la popolazione sia sparsa su un vasto territorio e che sia dipendente, sotto molti aspetti, per il proprio mantenimento da politiche governative, ha sviluppato un certo tipo di interessi locali presenti in parlamento che si caratterizzano per un più diretto controllo da parte della popolazione. Per comprendere la formazione del sistema partitico norvegese, dunque, è importante avere presente sia la cultura politica norvegese sia determinate “linee di frattura” originatesi nella società norvegese. Fra queste linee di frattura, ben codificate e applicate al contesto norvegese da Rokkan, quella riguardante l’ indipendenza nazionale è sicuramente la più rilevante. Attorno alla questione dell’indipendenza, raggiunta definitivamente nel 1905, si formarono due partiti politici: Høyre partiet (partito Conservatore) e Venstre partiet (partito Liberale). In Norvegia i conservatori inizialmente rappresentarono la continuità con la cultura degli ex-dominatori danesi dell’elite colta, in un secondo tempo con la difesa degli interessi svedesi, per divenire, nel periodo successivo all’indipendenza il partito dell’alta borghesia urbana. Il Venstre partiet rappresentò, in prima istanza, gli interessi della borghesia norvegese che tendeva all’indipendenza nazionale per evolversi poi nel partito della middle-class urbana e rurale. Altre importanti linee di frattura nella società norvegese furono quelle della rivoluzione industriale e proletaria che divisero il mondo agrario dall’industriale-urbano. Il partito agrario nacque all’inizio del secolo come rappresentante degli interessi dei piccoli agricoltori, caratteristici nella società

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eu membership
exceptionalism
norwegian political parties
political attitude
referendum

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi