Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Sibilla di Pietro da Cemmo - Ricostruzione di un affresco

Contenuto della tesi

Ricerca sull’abbigliamento nobiliare femminile del XV secolo in Valcamonica, a partire dalle Sibille dipinte sul sottarco della chiesa di Santa Maria Annunciata di Bienno (BS) da Pietro da Cemmo. Reinterpretazione dell’affresco e realizzazione di un abito suggestivamente vicino ad esso.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La ricerca culturale nella Valcamonica, promossa per mezzo di varie iniziative, dà molta importanza al costume locale. Costume nel senso di cultura, ma anche e soprattutto nel senso più comune di abbigliamento. I paesi in Valle sviluppano una moda particolare, in quanto piuttosto isolati dal resto dell‟Italia settentrionale; la moda coeva delle altre zone d‟Italia arriva con un leggero ritardo e rimane invariata per un maggiore periodo di tempo. Descrizioni di questo modo di vestire vengono offerte dagli affreschi dell‟epoca; i recenti lavori di restauro nella chiesa di Santa Maria dell‟Annunciata a Bienno hanno sollecitato una ricerca sull‟abbigliamento proprio a partire dagli affreschi ivi presenti. Si tratta delle Sibille dipinte dal pittore Pietro da Cemmo, sul sottarco del presbiterio, intorno al 1493. Per la terza volta, dunque, dopo il costume nobiliare e dopo quello popolare seicentesco, è stata chiesta all‟Accademia di Brera una ricerca sull‟abbigliamento valligiano, questa volta sull‟ultimo Quattrocento. Interessata alle peculiarità di questi costumi, ed anche all‟entusiasmo con cui queste ricerche vengono sempre promosse, ho accettato di reinterpretare una delle Sibille di Pietro da Cemmo, realizzando un abito che del suo affresco restituisse la suggestione. L‟intento di questo lavoro, pertanto, non è storico né filologico: l‟abito non viene ricostruito con gli autentici tessuti del tempo, né interamente in tutte le sue parti. È una ricostruzione teatrale, che interpreta un artista, un autore che nel Cinquecento dipingeva alla maniera del Trecento, proponendo però l‟abbigliamento della propria epoca. Interpretazione di interpretazione, dunque, per dare nuova forma ad un antico costume.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scenografia

Autore: Adele Montonati Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 685 click dal 12/05/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.