Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione informale all'interno della Marina Militare. Un'indagine sui nuovi media

Quale immagine della Marina Militare viene rappresentata attraverso i video pubblicati su youtube dagli uomini dell'equipaggio di Nave Vesuvio? La tesi, attraverso una indagine sociologica individua lo status del militare e le sue peculiarità nel confronto con la società di appartenenza e il mondo del lavoro.
Il cuore del lavoro riguarda, invece, il confronto tra il "master message" dello Stato Maggiore Marina (la sua comunicazione istituzionale) e la comunicazione informale nata in rete sul sito youtube.com. I risultati ci fanno giungere a conclusioni non scontate ma sicuramente sorprendenti, sopratutto alla luce della riflessione su quale comunicazione istituzionale debba darsi la Marina Militare nei nuovi media.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 1. Compiti Istituzionali e Comunicazione delle Forze armate 1.1 Forze armate e compiti istituzionali. Dalla Legge 11 luglio 1978, n° 382 alla Legge 14 novembre 2000, n° 331 L’ordinamento delle Forze Armate della Repubblica Italiana trova riconoscimento fondamentale negli articoli 11 e 52 della Costituzione della Repubblica Italiana. I vertici militari sono individuati: in primis, nella persona del Ministro della Difesa, “massimo organo gerarchico e disciplinare”1 e, continuando nella catena gerarchica, dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, che “dipende direttamente dal Ministro della Difesa”2. A seguire i Capi di Stato Maggiore di Forza Armata e il Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, i quali “dipendono dal Capo di Stato Maggiore della Difesa”3. Una descrizione così formulata, vale a dire da un punto di vista prettamente normativo, ovviamente può riferire solo alla legittimità delle Forze Armate in un determinato ambito e delinea sommariamente le caratteristiche proprie, ma non rende merito a tutto ciò che nella società si riconosce nei loro riguardi. Naturalmente, senza farsi trasportare da suggestioni dettate dall’appartenenza alle F.A., ma utilizzando gli strumenti offerti dalle scienze sociali, possiamo affermare che l’ambito delle Forze Armate è chiaramente qualcosa di più di una mera descrizione di interdipendenze strutturali o bilancio, ma è una realtà che convive e si confronta all’interno di una realtà sociale. 1 Articolo 1 para 1 della Legge 18 febbraio 1997, n° 25 – Attribuzioni del Ministro della Difesa, ristrutturazione dei Vertici delle Forze Armate e dell’Amministrazione della Difesa. 2 Ivi, Articolo 3 comma 1. 3 Ivi, Articolo 3 comma 2.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Carmine Roberto Orlando Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1888 click dal 23/04/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.