Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forum. Comunità, reti. Amici di Maria De Filippi.

La società nella quale viviamo diventa sempre più tecnologizzata ed è proprio grazie ad una di queste tecnologie, che gli individui possono ritrovare un senso di collaborazione, di appartenenza a una comunità che nella società odierna è sempre più difficile sperimentare. Attraverso Internet l'individuo può riscoprire il gusto di condividere i propri interessi e le proprie passioni con altri individui scelti liberamente. Ci sono luoghi tridimensionali che si aprono all'interno della rete telematica e, dove, effettivamente come in una piazza, come in un'Agorà dell'antica Grecia, la gente si incontra, si trova e stabilisce delle relazioni. In queste isole le relazioni sono molteplici e costituiscono sostanzialmente un "doppio", anche se modificato, di tutte le relazioni comunitarie, di tutte le relazioni sociali ed affettive, e, paradossalmente, anche erotiche, che si svolgono nella vita reale. In queste piazze virtuali si chiacchiera del più e del meno, ci si seduce, nelle chat-line soprattutto, nelle messaggerie on- line. Si studia, tuttavia, il motivo per il quale ci siano comunità virtuali, luoghi nei quali si apprende e ci si scambia sapere e conoscenza. In base alle mie lunghe esperienze di frequentazione di alcune comunità virtuali con tematiche che toccano i più svariati argomenti potrei ipotizzare che esse svolgono prevalentemente le seguenti tre funzioni:
1. Funzione strumentale, che si realizza con lo svolgimento di compiti specifici come per esempio l'elaborazione di un progetto in rete;
2. Funzione di sperimentazione dell'identità che si esprime nel desiderio di verificare fino a che punto si può modificare il proprio sé;
3. Funzione espressiva che si esplica nella volontà di stare insieme, di sperimentare nuove forme di socialità grazie alla comunicazione mediata da computer.
Ho pensato di analizzare in questa tesi il forum di una trasmissione televisiva, non perché sia il più importante e da me assiduamente frequentato, ma per trattarne uno che sia comunque più conosciuto e pubblicizzato di altri e far si che il mio discorso possa essere più comprensibile per tutti e attuale possibile. Il forum in analisi è dedicato al reality show: "Amici di Maria de Filippi" trasmesso dalle reti Mediaset.

Mostra/Nascondi contenuto.
2INTRODUZIONE "…..si credeva che ogni antenato totemico, nel suo viaggio per tutto il paese, avesse sparso sulle proprie orme una scia di parole e di note musicali, e che queste Piste del Sogno fossero rimaste sulla terra come "vie" di comunicazione fra le tribø piø lontane." B.Chatwin, Le Vie dei Canti. Nelle Vie dei Canti, Chatwin (1988), racconta come l’uomo abbia sentito sin dalle sue origini un impulso a spostarsi e a migrare; il bisogno di muoversi, di esplorare nuovi paesaggi, di viverli, di lasciarli, di scoprirne altri ha dato vita ad una conoscenza collettiva nomade, ad una cultura che si Ł trasmessa di generazione in generazione. I nomadi si muovono in uno spazio che Łfluido, segnato solo da tratti che si cancellano e si spostano con il percorso; loro abitano uno spazio che Ł in movimento, uno spazio senza vincoli. Tale metafora nomade esplicita pienamente la forma del principio di deterritorializzazione o despazializzazione supportato dalle tecnologie comunicative, in particolar modo dagli ipermedia o personal media .Le ricerche sui media possono essere racchiuse in due correnti di pensiero principali che cercano di prevedere il futuro e lo sviluppo dei mezzi: gli apocalittici e gli integrati, riprendendo le definizioni di Umberto Eco. All’interno delle due correnti di pensiero esistono tanti approcci diversi, che non possono essere racchiusi in nessuna delle due categorie. Gli apocalittici sono quei ricercatori che vedono nei media la fine di ogni libert per l’uomo. I media sarebbero i responsabili della scarsa partecipazione dei cittadini alla vita comune, fino a ridurli ad una vita fittizia e irreale: queste paure si fanno

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Gianpaolo De Luca Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2374 click dal 23/04/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.