Skip to content

La televisione dei bambini raccontata dai genitori: confronto tra televisione analogica e televisione digitale

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Premoli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Teorie e tecniche della comunicazione mediale
  Relatore: Carlo Galimberti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 165

Per molti anni è stata la televisione analogica a “fare da padrona” nelle nostre case, fino all’arrivo delle televisioni digitali. Non solo: la televisione analogica è ormai destinata a scomparire, in quanto verrà sostituita dalla televisione digitale terrestre a partire dal 2012, anno in cui è previsto lo SWITCH OFF .
Attualmente siamo in una fase di passaggio, nella quale la televisione analogica e il digitale terrestre convivono, insieme ad altre tv digitali. Gli italiani, perciò, fino al 2012 potranno ancora scegliere se avere solo la “classica” tv o se ampliare il loro menù televisivo attraverso l’acquisto del digitale terrestre, abbonandosi a una piattaforma satellitare, alla tv via cavo, guardando la tv attraverso il web o, addirittura, dal proprio videofonino.
Il presente lavoro si colloca all’interno di questo variegato panorama televisivo attraverso lo studio approfondito di un particolare target: i bambini, nati con le televisioni digitali e internet, abituati all’interattività del computer e dei videogiochi, forti consumatori di televisione. Infatti, come dimostrano le statistiche, nel 2005 il 96,3% dei bambini e dei ragazzi tra i 3 e i 17 anni guardava la tv e il 91,7% con frequenza quotidiana . Le abitudini televisive dei bambini sono state analizzate attraverso dei focus group ai quali hanno partecipato i genitori di bambini frequentanti la Scuola Primaria di Casalmaiocco: un focus group “analogico”, composto da coloro che possiedono solo la televisione analogica, e uno “digitale”, formato da chi ha scelto di affiancare la “normale” televisione all’unica piattaforma satellitare italiana, Sky, o al digitale terrestre.
L’obiettivo è duplice: esplorare gli usi e gli stili di visione della tv da parte di figli e genitori e raccogliere idee relativamente alle tv digitali, in particolare rispetto ai più giovani.
Prima di entrare nel cuore della ricerca, verrà dedicato spazio, nel primo capitolo di questo lavoro, alle tre televisioni analizzate: la televisione analogica, il digitale terrestre e la piattaforma satellitare Sky. Per ognuna di esse verrà esposta brevemente la storia e il tipo di tecnologia di trasmissione/ricezione utilizzata. Particolare attenzione sarà riservata ai futuri sviluppi del DTT , del quale verranno elencati i vantaggi rispetto alla televisione analogica, e i punti deboli, soffermandosi soprattutto sull’interattività, presentata come l’aspetto più innovativo di questa tecnologia.
Il secondo capitolo presenterà una panoramica completa dell’attuale offerta televisiva per bambini su tutte e tre le tipologie di televisione analizzate, individuando i programmi e i canali tematici ad essi dedicati, senza tralasciare la descrizione delle applicazioni interattive delle tv digitali trasmesse negli ultimi anni. Il monitoraggio è stato effettuato durante una settimana campione, da sabato 14 a venerdì 20 Febbraio 2009.
Il terzo capitolo è interamente dedicato ai focus group, tenutisi il 3 e 4 Febbraio 2009.
Verranno, prima di tutto, spiegati gli obiettivi, la metodologia di ricerca e come è avvenuto il reclutamento dei partecipanti, attraverso la distribuzione di questionari a tutti i genitori della Scuola Primaria di Casalmaiocco, dei quali verranno esposti in sintesi i risultati.
Dopo una breve presentazione dell’oganizzazione dei focus group e della traccia seguita nel realizzarli, verranno analizzate le trascrizioni degli stessi attraverso un’analisi del contenuto “carta e matita”. Tale analisi, ha portato alla costruzione di alcune categorie relative ai principali concetti emersi; i risultati dell’analisi verranno discussi sulla base di un confronto tra il gruppo “digitale” e quello “analogico”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Per molti anni Ł stata la televisione analogica a fare da padrona nelle nostre case, fino all arrivo delle televisioni digitali. Non solo: la televisione analogica Ł ormai destinata a scomparire, in quanto verr sostituita dalla televi sione digitale terrestre a partire dal 2012, anno in cui Ł previsto lo SWITCH OFF1. Attualmente siamo in una fase di passaggio, nella quale la televisione analogica e il digitale terrestre convivono, insieme ad altre tv digitali. Gli italiani, perci , fino al 2012 potranno ancora scegliere se avere solo la classic a tv o se ampliare il loro menø televisivo attraverso l acquisto del digitale terrestre, abbonandosi a una piattaforma satellitare, alla tv via cavo, guardando la tv attraverso il web o, addirittura, dal proprio videofonino. Il presente lavoro si colloca all interno di questo variegato panorama televisivo attraverso lo studio approfondito di un particolare target: i bambini, nati con le televisioni digitali e internet, abituati all interattivit del computer e dei videogiochi, forti consumatori di televisione. Infatti, come dimostrano le statistiche, nel 2005 il 96,3% dei bambini e dei ragazzi tra i 3 e i 17 anni guardava la tv e il 91,7% con frequenza quotidiana2. Le abitudini televisive dei bambini sono state analizzate attraverso dei focus group ai quali hanno partecipato i genitori di bambini frequentanti la Scuola Primaria di Casalmaiocco: un focus group analogico , composto da coloro che possiedono solo la televisione analogica, e uno digitale , formato da chi ha scelto di affiancare la normale televisione all unica pi attaforma satellitare italiana, Sky, o al digitale terrestre. L obiettivo Ł duplice: esplorare gli usi e gli stili di visione della tv da parte di figli e genitori e raccogliere idee relativamente alle tv digitali, in particolare rispetto ai piø giovani. Prima di entrare nel cuore della ricerca, verr ded icato spazio, nel primo capitolo di questo lavoro, alle tre televisioni analizzate: la televisione analogica, il digitale terrestre e la piattaforma satellitare Sky. Per ognuna di esse verr esposta brevemente la storia e il tipo di tecnologia di trasmissione/ricezione utilizzata. Particolare attenzione sar 1 Spegnimento della televisione analogica. 2 Fonte: Dati ISTAT 2005

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analogica
analogico
bambini
bimbi e televisione
digitale terrestre
focus group
intrattenimento tv bambini
programmi tv per bambini
sky
televisione
televisione digitale mabini
televisione satellitare
tempo libero bambini
tv
tv bambini
tv digitale
tv e bambini
tv satellitare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi