Skip to content

Agricoltura e potenzialità turistiche nella Costiera dei Cèch (Valtellina, Sondrio): criticità e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Marta Rachele Cirani
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze Umane dell'Ambiente, del Territorio e del Paesaggio
  Relatore: Luca Bonardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

Percorrendo la superstrada che collega Milano alla Valtellina, dopo aver lasciato alle proprie spalle il lago di Como ed i suoi giardini lussureggianti, si giunge in una valle caratterizzata, a prima vista, da un susseguirsi di paesi attaccati l’uno all’altro senza soluzione di continuità. Numerosi cartelli ed insegne pubblicizzano mobilifici, industrie, strutture alberghiere, negozi, e molto altro, mentre centri commerciali e benzinai si alternano nel tragitto. L’impressione è quasi quella di aver lasciato una città, una metropoli come Milano, e di ritrovarsi in un’altra identica ad essa che scorre e si ramifica dalla sua principale arteria: la strada statale. Tuttavia basterebbe alzare gli occhi anche solo per un attimo e ci accorgeremmo di essere circondati da montagne e che alla nostra sinistra scorre un fiume, l’Adda, il quale - nonostante abbia argini per la gran parte cementificati – sembra aver misteriosamente resistito – o almeno all’apparenza - ad uno dei peggiori effetti dell’industrializzazione: l’inquinamento. Osservando un po’ più attentamente il panorama ci renderemmo anche immediatamente conto del fatto che la montagna sembra essere stata intarsiata da un abile cesellatore, il quale ha scavato su di essa tanti minuscoli gradini coltivati e che dalla statale si diramano piccole strade secondarie che conducono a borghi situati sulle montagne, di cui possiamo intravedere le case con i tipici tetti in pietra.
Come possono coesistere due mondi all’apparenza così diversi tra loro in un unico paesaggio?
Che evoluzioni può avere questa situazione? Il “mondo della modernità” si comporterà da vorace predatore ed inghiottirà il “mondo delle tradizioni” sputandone fuori solo alcuni brandelli ormai modificati dall’impatto ed irriconoscibili nelle loro caratteristiche essenziali oppure essi riusciranno a coesistere?
Rispondere a queste domande non è semplice e richiede una buona conoscenza del territorio, della storia , delle persone e dell’economia di questa zona, oltre che di una buona dose di immaginazione utile a prevedere possibili scenari futuri. Non è indispensabile tuttavia essere dei veggenti per poter aver chiaro almeno un quadro di fondo da cui poter partire per un’analisi sulla possibilità o meno che si verifichi in questa zona della bassa Valtellina uno sviluppo sostenibile, in grado di rispettare e proteggere l’ambiente da cui viene generato e di preservarlo per le generazioni future. Uno sviluppo che sia anche in grado di consentire alle popolazioni un giusto livello di benessere materiale ed intellettuale.
Questa tesi vorrebbe essere uno strumento utile a questo tipo di analisi e si propone di indagare, anche attraverso le esperienze dirette di alcune persone che vivono o lavorano in questa valle, quali siano le forme di sviluppo e le attività economiche che dovrebbero essere incentivate ed incoraggiate per evitare gli squilibri tipici di una terziarizzazione troppo rapida.

Scrive Pasolini, nel 1975:
“Nei primi anni sessanta, a causa dell’inquinamento dell’aria, e, soprattutto, in campagna, a causa dell’inquinamento dell’acqua […] sono cominciate a scomparire le lucciole. Il fenomeno è stato fulmineo e folgorante. Dopo pochi anni le lucciole non c’erano più. (Sono ora un ricordo, abbastanza straziante, del passato: ed un uomo anziano che abbia tale ricordo, non può riconoscere nei nuovi giovani se stesso giovane, e dunque non può più avere i bei rimpianti di una volta.)”
Le lucciole rappresentano gli antichi valori, le consuetudini, i miti, le credenze, i costumi del mondo agricolo tradizionale, in contrapposizione ai nuovi valori dettati dal consumismo.
Nonostante questa frase sia chiaramente riferita agli anni del boom economico ed alle intense trasformazioni che esso ha comportato, mi sembra che possa essere usata utilmente anche in riferimento al fenomeno, ormai consolidato, dell’abbandono delle tradizionali attività agricole e silvo-pastorali che hanno caratterizzato per secoli queste valli e ne hanno conformato il territorio.
Pasolini assisterà, impotente, a quello che lui riterrà una modernizzazione senza sviluppo. Saremo in grado, dopo più di trent’anni, di ascoltare la sua ed altre voci ed avviarci verso processi di sviluppo che non comportino la cancellazione delle culture di appartenenza?



CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Percorrendo la superstrada che collega Milano alla Valtellina, dopo aver lasciato alle proprie spalle il lago di Como ed i suoi giardini lussureggianti, si giunge in una valle caratterizzata, a prima vista, da un susseguirsi di paesi attaccati l’uno all’altro senza soluzione di continuità. Numerosi cartelli ed insegne pubblicizzano mobilifici, industrie, strutture alberghiere, negozi, e molto altro, mentre centri commerciali e benzinai si alternano nel tragitto. L’impressione è quasi quella di aver lasciato una città, una metropoli come Milano, e di ritrovarsi in un’altra identica ad essa che scorre e si ramifica dalla sua principale arteria: la strada statale. Tuttavia basterebbe alzare gli occhi anche solo per un attimo e ci accorgeremmo di essere circondati da montagne e che alla nostra sinistra scorre un fiume, l’Adda, il quale - nonostante abbia argini per la gran parte cementificati – sembra aver misteriosamente resistito – o almeno all’apparenza - ad uno dei peggiori effetti dell’industrializzazione: l’inquinamento. Osservando un po’ più attentamente il panorama ci renderemmo anche immediatamente conto del fatto che la montagna sembra essere stata intarsiata da un abile cesellatore, il quale ha scavato su di essa tanti minuscoli gradini coltivati e che dalla statale si diramano piccole strade secondarie che conducono a borghi situati sulle montagne, di cui possiamo intravedere le case con i tipici tetti in pietra. Come possono coesistere due mondi all’apparenza così diversi tra loro in un unico paesaggio? Che evoluzioni può avere questa situazione? Il “mondo della modernità” si comporterà da vorace predatore ed inghiottirà il “mondo delle tradizioni” sputandone fuori solo alcuni brandelli ormai modificati dall’impatto ed irriconoscibili nelle loro caratteristiche essenziali oppure essi riusciranno a coesistere? Rispondere a queste domande non è semplice e richiede una buona conoscenza del territorio, della storia , delle persone e dell’economia di questa zona, oltre che di una buona dose di immaginazione utile a prevedere possibili scenari futuri. Non è indispensabile tuttavia essere dei veggenti per poter aver chiaro almeno un quadro di fondo da cui poter partire per un’analisi sulla possibilità o meno che si verifichi in questa zona della bassa Valtellina uno sviluppo sostenibile, in grado di rispettare e proteggere l’ambiente da cui viene generato e di preservarlo per le generazioni future. Uno sviluppo che sia anche in grado di consentire alle popolazioni un giusto livello di benessere materiale ed intellettuale. Questa tesi vorrebbe essere uno strumento utile a questo tipo di analisi e si propone di indagare, anche attraverso le esperienze dirette di alcune persone che vivono o lavorano in questa valle, quali siano le forme di sviluppo e le attività economiche che dovrebbero essere incentivate ed incoraggiate per evitare gli squilibri tipici di una terziarizzazione troppo rapida. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltori
agricoltura
ambiente
costiera dei cèch
dazio
dissesto idrogeologico
enologia
erbadorada
fojanini
geografia
gosparini
il muschio
morbegno
paesaggio
sondrio
sviluppo sostenibile
terrazzamenti
terrazze retiche
traona
turismo
unesco
valtellina
vino
viticoltori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi