Skip to content

Eventi e Management. Moda ed iniziative culturali sul territorio siciliano. Indagine e proposta.

Informazioni tesi

  Autore: Rosalia Gatto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Accademia di Belle Arti di Palermo
  Corso: Corso Progettista di Moda
  Relatore: Fanny Bouquerel
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

Oggetto della ricerca è uno studio sul Project Management degli eventi culturali, particolarmente focalizzato sulle iniziative presenti in Sicilia e sulle problematiche che il territorio incontra nello sviluppo del settore moda.
Il termine evento viene solitamente usato per descrivere manifestazioni, cerimonie, performance, sfilate, inaugurazioni, ovvero tutti quegli avvenimenti ideati e pianificati per celebrare determinate occasioni o per raggiungere scopi di natura sociale, economica o culturale. La nostra attenzione si riversa su quest’ultima categoria. Il corso del tempo, con l’incremento del progresso, il miglioramento della qualità della vita ha visto nascere nuovi settori, tra i quali quello degli eventi, capaci di generare profitti economici, vantaggi sociali e possibilità d’impiego. Gli eventi, lontani ormai dal loro significato originale (gli eventi così come oggi vengono considerati, altro non sono che i precursori delle tradizionali feste), sono divenuti ormai, una vera e propria professione e si parla sempre più di event management.
Il presente lavoro, si propone di quattro parti. La prima introduce il settore degli eventi con spiegazioni, origini e la loro comunicazione. Segue in questa prima parte, l’analisi delle fasi del project management culturale (ideazione, attivazione, pianificazione, attuazione e completamento e valutazione del progetto).
La seconda parte è centrata su un’indagine attuata sul territorio siciliano. Cercheremo di capire quando la moda diviene evento, quale sia il posto occupato dalla moda in Sicilia, quali aziende la rappresentano e quali le difficoltà che incontra per il suo sviluppo.
Malgrado la presenza sul territorio di scuole di moda, di imprese che forniscono capi ad alcune delle griffes più prestigiose (Armani, Kenzo, Ralph Lauren, Gianfranco Ferrè, Valentino, MaxMara, Carrera, Americanino, Levi’s, Benetton, Diesel) e la presenza da non sottovalutare di sarte specializzate ed artigiani (che con i loro lavori potrebbero rappresentare il punto di forza del settore) e la precaria presenza di manifestazioni di moda, noteremo che questo settore occupa un ruolo marginale sul territorio.
Il passaggio dalla seconda alla terza parte deriva da un ampliamento di prospettiva del percorso inizialmente intrapreso, ovvero quello che riconduceva allo studio sul territorio siciliano di eventi riconnessi alla moda. Per la difficoltà nel reperire fonti, e trovare eventi “importanti” che riconducessero ad essa e con l’obiettivo di proporre un confronto tra i progetti di moda e quelli organizzati in altri settori, il percorso ha portato ad approfondire e studiare quegli eventi culturali che riguardassero altre discipline artistiche, come festival del documentario, mostre fotografiche, spettacoli, programmi di valorizzazione dell’arte contemporanea siciliana.
La terza parte è dunque centrata su eventi culturali avuti luogo in diverse località della Sicilia, dalle isole di Salina e Stromboli, a città come Messina, Palermo o Acireale.
Attraverso interviste personalmente eseguite, ad organizzatori e personaggi della politica siciliana (come il Vicesindaco e Assessore alle Politiche Culturali di Messina, On. Giovanni Ardizzone ed il sindaco di Salemi e critico d’arte Vittorio Sgarbi), si cerca di capire le motivazioni che spingono gli organizzatori ad operare in Sicilia anche per chi siciliano non è (è questo il caso di Giovanna Taviani, documentarista e studiosa romana), e a quali problematiche hanno dovuto far fronte per la realizzazione del loro progetto. Questa terza parte si conclude con un breve sondaggio tenutosi su un campione di persone siciliane, con l’obiettivo di capire come una quota di pubblico siciliano vive e frequenta le manifestazioni che hanno luogo sul territorio.
L’ultima parte di questa tesi propone l'ipotesi di un progetto, in parallelo all’attività di ricerca, che possa rispondere a qualche problematica forte che abbiamo individuato nell’ambito della tesi.
Lo studio è completato dalla bibliografia di riferimento, ed una sitografia web per i collegamenti con alcune delle conoscenze descritte.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Oggetto della nostra ricerca è uno studio sul Project Management degli eventi culturali, particolarmente focalizzato sulle iniziative presenti in Sicilia e sulle problematiche che il territorio incontra nello sviluppo del settore moda. Il termine evento viene solitamente usato per descrivere manifestazioni, cerimonie, performance, sfilate, inaugurazioni, ovvero tutti quegli avvenimenti ideati e pianificati per celebrare determinate occasioni o per raggiungere scopi di natura sociale, economica o culturale. La nostra attenzione si riversa su quest’ultima categoria. Il corso del tempo, con l’incremento del progresso, il miglioramento della qualità della vita, ha visto nascere nuovi settori, tra i quali quello degli eventi, capaci di generare profitti economici, vantaggi sociali e possibilità d’impiego. Gli eventi, lontani ormai dal loro significato originale (gli eventi così come oggi vengono considerati, altro non sono che i precursori delle tradizionali feste), sono divenuti ormai, una vera e propria professione e si parla sempre più di event management. Il presente lavoro, si propone di quattro parti. La prima introduce il settore degli eventi con spiegazioni, origini e la loro comunicazione. Segue in questa prima parte, l’analisi delle fasi del project management culturale (ideazione, attivazione, pianificazione, attuazione e completamento e valutazione del progetto). La seconda parte è centrata su un’indagine attuata sul territorio siciliano. Cercheremo di capire quando la moda diviene evento, quale sia il posto occupato dalla moda in Sicilia, quali aziende la rappresentano e quali le difficoltà che incontra per il suo sviluppo. Malgrado la presenza sul territorio di scuole di moda, di imprese che forniscono capi ad alcune delle griffes più prestigiose (Armani, Kenzo, Ralph Lauren, Gianfranco Ferrè, Valentino, MaxMara, Carrera, Americanino, Levi’s, Benetton, Diesel) e la presenza da non sottovalutare di sarte specializzate ed artigiani (che con i loro lavori potrebbero rappresentare il punto di forza del settore) e la precaria presenza di manifestazioni di moda, noteremo che questo settore occupa un ruolo marginale sul territorio. Il passaggio dalla seconda alla terza parte deriva da un ampliamento di prospettiva del percorso inizialmente intrapreso, ovvero quello che riconduceva allo studio sul territorio siciliano di eventi riconnessi alla moda. Per la difficoltà nel reperire fonti, e trovare eventi “importanti” che riconducessero ad essa e con l’obiettivo di proporre un confronto tra i

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eventi culturali
kore, oscar della moda
medmoda
moda
project management
risorse tessili siciliane
sicilia
sicilia orientale filiera del tessile
stilisti siciliani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi