Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità sociale nel settore automobilistico. I casi Fiat e Toyota.

Molto è stato detto e scritto circa la responsabilità sociale. Questa tesi cerca di dare il suo contributo concreto all’analisi della situazione odierna, focalizzandosi in particolare su due realtà di mio interesse, raramente poste in confronto nella letteratura moderna. Al fine di rendere più interessante questa dissertazione dunque, alla trattazione teorica è stata affiancata l’analisi di due casi, l’Unione europea ed il Giappone, con particolare riferimento al settore automobilistico, rappresentato in questo elaborato dal Gruppo Fiat e dalla Toyota Motor Corporation. Svolta nell’ambito dell’insegnamento di Sistemi sociali comparati, la tesi si pone come obiettivo quello di mettere a raffronto le dimensioni scelte, delineando quali siano i punti in comune e le discrepanze in materia di CSR.
Nello specifico, data la complessità della realtà comunitaria e per rendere più immediato il confronto con la controparte asiatica, si è scelto di focalizzare l’attenzione sull’Italia, analizzandone le iniziative in un’ottica nazionale ed internazionale. Per quel che concerne le aziende invece, sebbene le due realtà nazionali siano per lo più caratterizzate da una piccola e media imprenditoria, la scelta è ricaduta su due imprese di grandi dimensioni che, proprio per il loro maggiore impatto internazionale, meglio rendono idea di cosa venga concretamente fatto nel campo della responsabilità sociale.

Proprio per il taglio pratico che si è voluto garantire a questo elaborato, accanto a testi generici che approfondiscono da un punto di vista teorico gli aspetti della responsabilità sociale, molte sono state le fonti attinte da internet ed, in particolare, dagli stessi documenti pubblicati a livello istituzionale (governi centrali, associazioni, ecc.) ed aziendale (codici di condotta, rapporti di sostenibilità, ecc.). Ancora oggi, troppo poche sono infatti le risorse circa il rapporto che intercorre tra Unione europea e Giappone. Attraverso questa tesi dunque, si cerca di rilanciare un dibattito che ha tra i suoi protagonisti due importanti attori sulla scena internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La responsabilità sociale delle imprese (RSI o Corporate Social Responsibility, CSR in breve) è l’argomento scelto per questo elaborato finale. Selezionato per il suo carattere interdisciplinare che include contemporaneamente aspetti economici, giuridici, sociali e delle scienze umane, rappresenta il giusto coronamento di un percorso di studi focalizzato sulla comunicazione delle imprese, delle istituzioni e delle organizzazioni internazionali. Oltre alle ovvie motivazioni legate al curriculum universitario, questa tematica è stata scelta anche per un sentito interesse personale in materia, sviluppato grazie ad una particolare sensibilità nei confronti dei comportamenti assunti dalle maggiori corporation mondiali in tema di ambiente e diritti umani. Molto è stato detto e scritto circa la responsabilità sociale. Questa tesi cerca di dare il suo contributo concreto all’analisi della situazione odierna, focalizzandosi in particolare su due realtà di mio interesse, raramente poste in confronto nella letteratura moderna. Al fine di rendere più interessante questa dissertazione dunque, alla trattazione teorica è stata affiancata l’analisi di due casi, l’Unione europea ed il Giappone, con particolare riferimento al settore automobilistico, rappresentato in questo elaborato dal Gruppo Fiat e dalla Toyota Motor Corporation. Svolta nell’ambito dell’insegnamento di Sistemi sociali comparati, la tesi si pone come obiettivo quello di mettere a raffronto le dimensioni scelte, delineando quali siano i punti in comune e le discrepanze in materia di CSR. Nello specifico, data la complessità della realtà comunitaria e per rendere più immediato il confronto con la controparte asiatica, si è scelto di focalizzare l’attenzione sull’Italia, analizzandone le iniziative in un’ottica nazionale ed internazionale. Per quel che concerne le aziende invece, sebbene le due realtà nazionali siano per lo più caratterizzate da una piccola e media imprenditoria, la scelta è ricaduta su due imprese di grandi dimensioni che, proprio per il loro maggiore impatto internazionale, meglio rendono idea di cosa venga concretamente fatto nel campo della responsabilità sociale.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale

Autore: Nadia Ceolin Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7685 click dal 29/04/2009.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.