Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La segregazione occupazionale di genere: il soffitto di cristallo

Negli ultimi decenni, in tutti i paesi occidentali, l'occupazione femminile ha cominciato a crescere sempre più rapidamente, divenendo, quantomeno nelle ultime generazioni, un fenomeno considerato “normale”. Tuttavia l’accesso femminile al mercato del lavoro ha avuto un carattere difforme, sia per quanto riguarda i vari paesi, sia per quel che concerne i settori professionali. In particolare, non si è verificato un proporzionale accesso delle donne alle posizioni manageriali, specialmente quelle di alto livello, nella “stanza dei bottoni”. Le donne sono dunque ancora costrette a lottare contro quel "soffitto di cristallo" in tutti gli ambienti della vita pubblica, sia nelle professioni, sia in politica e nell’ambito della formazione superiore; la persistenza di modelli di analisi che spiegano la differenza di genere, fissandola a livello antropologico e valoriale, ha inciso e continua a influenzare i modi della partecipazione femminile al mercato del lavoro. Gli stereotipi di genere hanno condizionato e continuano a condizionare (sebbene si stiano modificando sotto il peso dei cambiamenti radicali che hanno interessato la nostra società negli ultimi cinquanta anni) la partecipazione femminile al mercato del lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE: Negli ultimi decenni, in tutti i paesi occidentali, l’occupazione femminile ha cominciato a crescere sempre più rapidamente, divenendo, quantomeno nelle ultime generazioni, un fenomeno considerato ―normale‖. Tuttavia l’accesso femminile al mercato del lavoro ha avuto un carattere difforme, sia per quanto riguarda i vari paesi, sia per quel che concerne i settori professionali. In particolare, non si è verificato un proporzionale accesso delle donne alle posizioni manageriali, specialmente quelle di alto livello, nella ―stanza dei bottoni‖. Le donne sono dunque ancora costrette a lottare contro quel "soffitto di cristallo" in tutti gli ambienti della vita pubblica, sia nelle professioni, sia in politica e nell’ambito della formazione superiore; la persistenza di modelli di analisi che spiegano la differenza di genere, fissandola a livello antropologico e valoriale, ha inciso e continua a influenzare i modi della partecipazione femminile al mercato del lavoro. Gli stereotipi di genere hanno condizionato e continuano a condizionare (sebbene si stiano modificando sotto il peso dei cambiamenti radicali che hanno interessato la nostra società negli ultimi cinquanta anni) la partecipazione femminile al mercato del lavoro. La suggestiva espressione ―Glass ceiling‖ (soffitto di cristallo), indica quella barriera invisibile ma difficilmente superabile, presente nel mondo del lavoro, che impedisce alle donne di accedere a posizioni di responsabilità. Potremmo chiederci il perché si parla di soffitto di cristallo e non di vetro. La differenza è sostanziale: il vetro si rompe facilmente, il cristallo no, è trasparente ma ci sbatti contro quando non ti promuovono e hai tutte le carte in regola... questo 'soffitto', invisibile ma impenetrabile come un cristallo, determina appunto il limite invalicabile degli strati alti delle carriere e schiaccia le donne verso un "sticky floor" (Booth et al,2003), un pavimento appiccicoso che trattiene un gran numero di docenti, ricercatrici e imprenditrici ai livelli minimi della loro carriera.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Abbas Contatta »

Composta da 23 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6215 click dal 08/05/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.