Skip to content

La tutela penale del domicilio informatico

Informazioni tesi

  Autore: Maurizio Torzulli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università Telematica TEL.M.A.
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Angelo Carmona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

Abbiamo già avuto modo di anticipare, nel paragrafo 1 del presente capitolo, come l’individuazione del bene giuridico tutelato dalla norma sopra riportata, sia stata, sin dall’inizio, controversa; ciò anche a causa della collocazione sistematica, dell’illecito disciplinato, nel corpus del codice penale vigente, la quale, secondo alcuni autori, è sembrata dettata dalla necessità di evitare, da un lato, il ricorso ad una legge speciale e, dall’altro, il rafforzamento del fenomeno della decodificazione. Proprio tale collocazione ha sollecitato l’interrogativo relativo al fatto se la norma in esame tuteli il bene giuridico comune alle norme che garantiscono la libertà domiciliare, oppure se, a dispetto di tale collocazione, sia possibile registrare l’emersione di un nuovo bene giuridico.
Abbiamo anche visto come la tesi più accreditata in dottrina, proprio prendendo le mosse da tale collocazione sistematica, abbia ritenuto che la norma in esame tuteli quello che è stato definito il “domicilio informatico”, considerato come una espansione ideale dell’area di rispetto pertinente al soggetto interessato e volto a garantire il diritto di esplicare liberamente qualsiasi attività lecita all’interno del luogo informatico. In sostanza, secondo l’orientamento in esame, il legislatore avrebbe esteso al domicilio informatico lo jus excludendi del titolare che caratterizza il domicilio fisico; conseguentemente, il limite di operatività della tutela penale andrebbe individuato nell’ampiezza della voluntas excludendi, indipendentemente dal fatto che il contenuto del sistema abbia o meno carattere personale. Pertanto, il domicilio informatico rappresenterebbe, più che un nuovo bene giuridico, una specificazione del domicilio inteso in senso tradizionale. Tale impostazione è il frutto di una interpretazione “evolutiva” del concetto di domicilio alla luce del disposto di cui all’art. 14 Cost.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La libertà del domicilio e la sua inviolabilità sono stati assunti dal legislatore costituzionale al rango di diritti fondamentali della persona e, pertanto, meritevoli di attenta tutela da parte dell’ordinamento. La libertà del domicilio, infatti, occupa un posto tra gli articoli della Costituzione che si rivolgono alla tutela della libertà personale, inteso come valore da affermare e da difendere nella sua completezza.1 Già i padri costituenti ebbero modo di affermare con forza che “la libertà personale”, come tutti i beni della vita, come tutti i valori, non è un qualcosa che si può ritenere acquisito una volta per sempre, ma necessita di un lavorìo costante di conservazione attraverso lo sforzo di ogni giorno 2. Riconoscere all’individuo uno spazio di libertà significa garantire l’esercizio di attribuzioni che si traducono, da un lato, in molteplici possibilità di iniziativa privata e, dall’altro, nella creazione di sfere di autonomia nell’ambito delle quali il singolo possa esprimere e salvaguardare la propria personalità. La libertà di domicilio costituisce la più rilevante manifestazione della facoltà dell’individuo di dotarsi di un proprio ambito di autonomia in grado di offrire protezione da qualsiasi forma di intrusione esterna. Tale forma di libertà, a seguito del rapido evolversi della nostra società in una “società dell’informazione” ha assunto, progressivamente, un significato sempre più ampio fino a ricomprendere al suo interno ambiti che prima erano impensabili, non solo in riferimento all’individuo come “uti singulo” ma anche e soprattutto considerandolo come membro di organizzazioni societarie o enti o anche considerando gli enti stessi, nella loro individualità, come soggetti dotati di molteplici ambiti di tutela. Sia il legislatore penale del 1930 che quello civile del 1942, nonché quello costituzionale del 1948, hanno inteso delineare tale ambito di autonomia dell’individuo considerando il solo parametro della fisicità. Infatti, sia l’art. 614 cod. pen. che l’art. 43 cod. civ e l’art. 14 Cost. fanno riferimento al domicilio inteso come luogo fisico, anche se il termine assume nelle tre norme una portata semantica differente. In particolare, l’art. 43 cod. civ. definisce il domicilio come il luogo ove la persona “stabilisce la sede principale dei suoi affari ed interessi”, mentre l’art. 14 1 Cost., art. 14, commi 1° e 2°. “Il Domicilio è inviolabile. Non vi si possono eseguire ispezioni o perquisizioni o sequestri, se non nei casi e modi stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte per la tutela della libertà personale”. 2 A. C. JEMOLO, I problemi pratici della libertà, Giuffré, Milano, 1972, p. 183.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accesso abusivo
accesso abusivo ad un sistema informatico
art 615 quater
art. 615 quinquies
art 615 ter
diritto penale dell'informatica
domicilio informatico
la tutela penale del domicilio informatico
legge n. 547/1993
tesi diritto penale
virus
virus informatici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi