Skip to content

Progettazione di un ambiente software per il monitoraggio ed il controllo del traffico autostradale

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Ceruti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze dell'Informazione
  Relatore: Enrico Fagiuoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

La congestione del traffico impone enormi costi nascosti agli automobilisti, dovuti all'aumento dei tempi di percorrenza, dei costi operativi e dei costi per gli incidenti. Recenti studi hanno stabilito che negli Stati Uniti il costo del traffico intenso supera i 75 miliardi di dollari l’anno, con circa 2 miliardi di ore perse. In Europa la situazione è ancora peggiore: si è calcolato che il costo in tempo, carburante, frastuono e inquinamento imputabile alla congestione del traffico supera i 100 miliardi di dollari. Senza contare i costi degli incidenti, che solo in Italia causano 270.000 feriti e 10.000 morti all’anno, e complessivamente un costo pari a 40.000 miliardi.

Considerate le cifre sopra enunciate, appare di fondamentale importanza perseguire la massima efficienza della rete autostradale: infatti anche un leggero miglioramento percentuale delle performance del sistema comporterà sostanziali risparmi all'utente in termini di costi operativi, di incidenti e tempi di viaggio.

Chiaramente il passaggio da una situazione caotica ad una di traffico ottimale è possibile solamente se l’uso ''spontaneo'' che oggi si fa delle infrastrutture è sostituito da azioni di controllo adatte, miranti a massimizzare il beneficio globale per tutti gli utenti. Il Ramp Metering è il mezzo più efficiente per ottenere tutto questo: brevi ritardi sulle rampe o sui raccordi sono il prezzo (per la verità molto basso) da pagare per ottenere migliori performances in tutta la rete.

Nella fase iniziale della ricerca sono stati perciò studiati alcuni metodi classici della Teoria dei Controlli Automatici, e le loro principali applicazioni in ambito autostradale:

Strategie di controllo su singola rampa (Demand-Capacity Control, Occupancy Control, Gap-Acceptance Merge Control, ALINEA);
Strategie di controllo su rampa multipla (METALINE).
Nell’ottica di ottimizzare il più possibile le strategie utilizzate negli algoritmi di controllo, nel presente lavoro di Tesi si sviluppa una procedura che, a partire da una qualsiasi struttura autostradale, è in grado di effettuare la sintesi automatica di un controllore di traffico in logica Fuzzy.

Infatti, se paragonato ad altre tecniche tradizionali di controllo, confrontabili per semplicità ed economicità ed usate in ambito industriale, come la tecnica PID, il controllo fuzzy risulta essere nella maggior parte dei casi più robusto (garantisce un funzionamento ottimale anche in presenza di incertezze sul sistema) e stabile (il comportamento del sistema perturbato è simile a quello nominale per perturbazioni sufficientemente piccole).

Poiché la modellizzazione fuzzy di un sistema non lineare tramite insiemi di regole linguistiche risulta generalmente complessa sia nell'aggiustamento degli insiemi fuzzy che nell'identificazione delle regole, si è deciso di adottare un approccio neurale al problema della sintesi automatica, in quanto questo tipo di strumento è ormai largamente utilizzato per le sue spiccate capacità interpolative, di classificazione e di approssimazione.

Il procedimento descritto può essere sinteticamente riassunto nei seguenti passi:

Determinazione della struttura su cui andrà ad agire il controllore;
Determinazione dei valori critici delle variabili di traffico;
Determinazione della legge di controllo da utilizzare per la costruzione del file di pattern;
Costruzione del file di pattern;
Sintesi automatica del controllore tramite reti neurali;
Esportazione del modello Fuzzy appena creato in ambiente Matlab, C, WARP, al fine di poterne verificare ed eventualmente modificare il comportamento in vista di una sua applicazione reale.
Non avendo a disposizione attrezzature adeguate per misurare le variabili di traffico sul manto autostradale e per testare gli effetti indotti dal controllore sulla rete, si è deciso di implementare lo strumento ottenuto all’interno di un microsimulatore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Le autostrade furono originariamente concepite e progettate per fornire un flusso continuo ed un movimento veloce del traffico in una struttura ad accesso limitato. Nel loro progetto originale, scarsa attenzione fu riposta nei sistemi per la gestione ed il controllo del traffico al fine di mantenere alto il livello di mobilità. Tuttavia, col crescere delle aree urbane e con l’aumento vertiginoso delle immatricolazioni, le autostrade divennero presto congestionate: al giorno d’oggi l’approccio di costruire nuove corsie per fronteggiare il problema della congestione è spesso politicamente e socialmente inaccettabile, nonché economicamente impercorribile. Da qui la necessità di sviluppare nuove metodologie per la gestione del traffico che agiscano sulle strutture già esistenti per sfruttarne al massimo la capacità. Chiaramente il passaggio da una situazione caotica ad una di traffico ottimale è possibile solamente se l’uso “spontaneo” che oggi si fa delle infrastrutture è sostituito da azioni di controllo adatte, miranti a massimizzare il beneficio globale per tutti gli utenti. Il ramp control è il mezzo più efficiente per ottenere tutto questo: brevi ritardi sulle rampe o sui raccordi sono il prezzo (per la verità molto basso) da pagare per ottenere migliori performances in tutta la rete.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

controlli fuzzy
efficienza della rete autostradale
monitoraggio del traffico
ramp metering
teoria dei controlli automatici
traffico autostradale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi