Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alitalia: crisi e possibilità di risanamento

Il 16 settembre 1946 viene fondata a Roma la Alitalia-Aerolinee internazionali Italiane che inizia ad operare il 5 maggio 1947 con il decollo del primo velivolo. Dopo oltre quarant’anni dalla sua nascita, periodo di notevole crescita, le tensioni sindacali e l'eccessivo piano di investimenti hanno prodotto risultati di bilancio assai deludenti.
Alitalia, che opera nel settore del trasporto aereo e rientra nel segmento dei Full Service Network Carriers, agisce in un contesto ambientale caratterizzato da diverse forze competitive, più o meno forti, la cui analisi è stata condotta mediante l’utilizzo del modello Porter.
Dopo una prima analisi di Alitalia all’interno del contesto ambientale, l’analisi si è spostata su ciò che non ha permesso alla compagnia di bandiera di compiere il processo di risanamento desiderato. Lo stato di crisi in cui Alitalia si è trovata e i falliti tentativi di recupero vanno imputati alla pianificazione e alle azioni previste dai diversi Piani Industriali poiché essi riassumono le scelte fatte dal management rispetto a quelle che sono le leve operative e gestionali principali. Per capire come mai quindi nell’arco degli ultimi 4 anni si siano succeduti ben 4 diversi Piani Industriali è stato elaborato un confronto tra i diversi Piani che evidenziasse anche i risultati raggiunti rispetto alle previsioni. Dal confronto sono emerse 6 aree di gestione comuni ai diversi Piani che nel tempo si sono viste modificare nei loro contenuti e che state oggetto di analisi individuali: crescita dell’operatività, network, quota di mercato, piani d’investimento, l’efficienza e i risultati economico finanziari.
I risultati economico finanziari conducono alla parte conclusiva della tesi, ossia la dimostrazione dell’incapacità del management Alitalia di risollevare le sorti di una compagnia pubblica appesantita dalle inefficienze accumulate per molti anni. Per riuscire nell’intento mi sono servito dello strumento dell’analisi di bilancio del Gruppo Alitalia dal 2004 all’ultimo bilancio approvato (quello del 2007), ossia mediante l’analisi per margini, l’analisi per indici e l’analisi per flussi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Origine ed obiettivi della tesi La scelta di trattare il caso Alitalia nasce da un interesse verso i fatti di cronaca che negli ultimi mesi hanno coinvolto la “compagna di bandiera” in riferimento alla crisi e al tentativo di risanamento in atto da diversi anni ma mai portato a termine. Durante il 2008, inoltre, mi è capitato di viaggiare con Alitalia oltre che con diverse compagnie aeree low-cost e questo ha fatto nascere in me il desiderio di approfondire la conoscenza di questo settore che sempre di più è entrato a far parte della vita di tutti noi. Dall’unione di queste motivazioni è nato il desiderio di approfondire il tema Alitalia, per comprendere le dinamiche e il funzionamento del settore e le questioni che il gruppo si è trovato a dover fronteggiare per rispondere ai fattori critici esterni ed interni. Negli ultimi anni, infatti, diversi sono stati gli eventi che hanno scosso il settore: dalla crisi petrolifera all’attentato terroristico dell’11 settembre, dalla deregulation del mercato all’avvento massiccio del comparto low-cost, dal caro petrolio alla crisi finanziaria negli Stati Uniti. Questi sono stati i fattori esterni che, principalmente, hanno causato un’ondata di fallimenti alle compagnie di tutto il mondo. Ma oltre a questi aspetti, ampiamente trattati in letteratura, a me è interessato andare a fondo delle specificità nel caso Alitalia, al fine di operare un lavoro completo e innovativo, ossia un’analisi dei Piani Industriali dal 2004 al 2008 e dei bilanci relativi a questi anni, per capire come mai il management non sia stato capace di elaborare un turnaround in grado di risollevare le sorti della compagnia aerea da sempre identificata come la compagnia di bandiera.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Nicola Borella Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2636 click dal 08/05/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.