Skip to content

Il fenomeno dell'Hikikomori: uno studio esplorativo

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Pieri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Teresa Lorito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

La terra del Sol Nascente è un arcipelago del continente asiatico situato tra l’oceano Pacifico e il mare del Giappone. Anche se conta quasi 3000 isole, quattro sono quelle nelle quali risiede la quasi totalità della popolazione (Hokkaido, Honshu, Shikoku, e Kyushu). Dal momento che circa il 73% del paese è montagnoso, risulta difficilmente edificabile per una popolazione di quasi 130 milioni di individui, ed è per questo che si sviluppano nuclei urbani con una altissima densità demografica.
Oggi il Giappone rappresenta la terza potenza economica mondiale caratterizzato da un alto costo della vita, tradizioni fortemente radicate e un codice di condotta molto ristretto. Il tasso di natalità si è abbassato fino a 1,3 figli per donna, e per questo si è cominciato a riporre nell’unico figlio tutte le aspettative dei genitori. E’ in questo contesto che negli ultimi anni si è evidenziata la presenza di una problematica relazionale che prende il nome di hikikomori.
Questo fenomeno consiste in una volontaria e ostinata forma di autoreclusione che si origina durante l’adolescenza e che nei casi più gravi può protrarsi anche per più di una decina di anni; questa chiusura incondizionata si estende rapidamente a tutte le aree della socialità, investendo anche i rapporti più intimi come la famiglia e gli amici.
I tentativi di risalire all’eziologia di questo fenomeno hanno portato a rilevare degli elementi comuni nella vita di questi ragazzi, quali, ad esempio, la pressione di genitori carichi di aspettative e richieste di successo o le violenze subite a scuola da frequenti atti di bullismo. L’impatto con il mondo degli adulti, investito principalmente di valori consumistici e di successo personale, può, in molti casi, procurare una reazione involutiva di paura, angoscia e solitudine nell’adolescente che lungo il suo percorso di emancipazione si trova a nutrire una sfiducia totale e profonda verso la realtà che lo circonda. Nei casi più estremi, questo senso di inadeguatezza dell’adolescente minaccia l’attitudine basica di fiducia e può trasformarsi in reazioni di rabbia, di violenza, di devianza nelle quali l’equilibrio psicologico-affettivo è compromesso. Il confronto con l’altro diventa così insostenibile, l’altro è una presenza minacciosa, una continua conferma delle proprie inadempienze, dei proprio insuccessi, va tenuto lontano, negato, privandogli ogni possibilità di contatto, autoesiliandosi in una piccola fortezza tecnologica.
La relativa novità del fenomeno e la frammentarietà delle informazioni a riguardo rendono necessario un approfondito studio della letteratura, per il momento estremamente scarsa nel panorama italiano, che non si limiti alla consultazione di testi occidentali ma che analizzi questo fenomeno dall’interno della società giapponese.
Questo lavoro si propone di analizzare le cause che stanno alla base del fenomeno ricercando nella letteratura internazionale a disposizione e sottolineando come un’informazione mediatica strettamente vincolata al retaggio culturale, possa influire negativamente sull’interpretazione del fenomeno stesso.
È stata in seguito riportata una modalità di intervento promossa dalla società giapponese che si traduce nell’istituzione di organizzazioni private non governative, le organizzazioni no-profit; queste organizzazioni, pur non fornendo un supporto terapeutico clinico, si occupano del reinserimento lavorativo dei soggetti hikikomori, e ciò rappresenta comunque una risposta propositiva al fenomeno, seppur non risolutiva.
L’approccio prettamente psicologico infatti risulta poco usato in Giappone, ma dai pochi contributi emersi e in particolar modo da uno studio eseguito dal Professor Hattori Yuichi si sposta l’attenzione su una effettiva problematicità psicologica che invece sarebbe all’origine del fenomeno e che nel corso degli anni si traduce in diversi disturbi appartenenti allo spettro della Fobia Sociale, accumunabili a livello fenomenologico dal ritiro sociale.
È stato infine considerato il fattore Internet, del quale i ragazzi sono grandi fruitori e che può rappresentare sì un pericolo, ma anche un possibile primo elemento di aiuto; l’Avatar Therapy una terapia che si svolge esclusivamente in sede virtuale può essere indicata in una prima fase di recupero di questi ragazzi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La terra del Sol Nascente è un arcipelago del continente asiatico situato tra l’oceano Pacifico e il mare del Giappone. Anche se conta quasi 3000 isole, quattro sono quelle nelle quali risiede la quasi totalità della popolazione (Hokkaido, Honshu, Shikoku, e Kyushu). Dal momento che circa il 73% del paese è montagnoso, risulta difficilmente edificabile per una popolazione di quasi 130 milioni di individui, ed è per questo che si sviluppano nuclei urbani con una altissima densità demografica. Oggi il Giappone rappresenta la terza potenza economica mondiale caratterizzato da un alto costo della vita, tradizioni fortemente radicate e un codice di condotta molto ristretto. Il tasso di natalità si è abbassato fino a 1,3 figli per donna, e per questo si è cominciato a riporre nell’unico figlio tutte le aspettative dei genitori. E’ in questo contesto che negli ultimi anni si è evidenziata la presenza di una problematica relazionale che prende il nome di hikikomori. Questo fenomeno consiste in una volontaria e ostinata forma di autoreclusione che si origina durante l’adolescenza e che nei casi più gravi può protrarsi anche per più di una decina di anni; questa chiusura incondizionata si estende rapidamente a tutte le aree della socialità, investendo anche i rapporti più intimi come la famiglia e gli amici. I tentativi di risalire all’eziologia di questo fenomeno hanno portato a rilevare degli elementi comuni nella vita di questi ragazzi, quali, ad esempio, la pressione di genitori carichi di aspettative e richieste di successo o le violenze subite a scuola da frequenti atti di bullismo. L’impatto con il mondo degli adulti, investito principalmente di valori consumistici e di successo personale, può, in molti casi, procurare una reazione involutiva di paura, angoscia e solitudine nell’adolescente che lungo il suo percorso di emancipazione si trova a nutrire una sfiducia totale e profonda verso la realtà che lo circonda. Nei casi più estremi, questo senso di inadeguatezza dell’adolescente minaccia l’attitudine basica di fiducia e può trasformarsi in reazioni di rabbia, di violenza, di devianza nelle quali l’equilibrio psicologico-affettivo è compromesso. Il confronto con l’altro diventa così insostenibile, l’altro è una presenza minacciosa, una continua conferma delle proprie inadempienze, dei proprio insuccessi, va tenuto lontano, negato, privandogli ogni possibilità di contatto, autoesiliandosi in una piccola fortezza tecnologica. La relativa novità del fenomeno e la frammentarietà delle informazioni a riguardo rendono necessario un approfondito studio della letteratura, per il momento estremamente scarsa nel panorama italiano, che non si limiti alla consultazione di testi occidentali ma che analizzi questo fenomeno dall’interno della società giapponese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amae
avatar therapy
bullismo
controllo collettivo
fobia della scuola
fobia sociale
giappone
hikikomori
internet addiction
isolamento prolungato
narcisismo
neets
new start
nidotherapy
otaku
psicologia transculturale
psicoterapia
relazione con i genitori
rental oneesan
ritiro sociale
school phobic
school refusal syndrome
second life
società giapponese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi