Skip to content

L’ospedalizzazione evitabile nella Regione Marche. Applicazione di un indicatore della Agency for Healthcare Research and Quality (A.H.R.Q.)

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Sabbatini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Scienze Infermieristiche e Ostetriche
  Relatore: Emilia Prospero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

L’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri è diventato il punto focale degli interventi legislativi sanitari Italiani degli ultimi 15/20 anni, associata al miglioramento continuo della qualità assistenziale da erogarsi nelle tre macroaree assistenziali: l’assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, l’assistenza distrettuale e l’assistenza ospedaliera con l’obiettivo di razionalizzare la spesa sanitaria traghettando le risorse impiegate per l’assistenza ospedaliera nelle altre due aree.
Negli Stati Uniti il problema dell’appropriatezza delle prestazioni sanitarie si è manifestato molto prima in quanto il Sistema Sanitario Statunitense, principalmente basato sulle Assicurazioni privatistiche, prevede il pagamento delle prestazioni erogate dalle strutture sanitarie. Tutt’ora sono all’avanguardia nell’adozione di strumenti che tassativamente permettono allo Stato di controllare l’appropriatezza del “setting assistenziale” nell’erogazione delle prestazioni da parte delle strutture sanitarie.
Tra questi strumenti troviamo la guida Prevention Quality Indicator (PQI) dell’Agency for Healthcare Research and Quality statunitense la quale, prevedendo una serie di “indicatori sentinella”, mette in evidenza l’assenza di una buona qualità dell’assistenza sanitaria erogata sia a livello ambulatoriale che territoriale.
Quello che verrà preso in considerazione in questo contesto è il sottogruppo Prevention Quality Indicators che ha per oggetto il numero dei ricoveri ospedalieri che gli studi di efficacia hanno definito come evitabili qualora i pazienti venissero sottoposti a corrette pratiche ambulatoriali o a misure di natura preventiva.
Attraverso la misurazione del tasso di ospedalizzazione di alcune categorie di patologie, che possono essere evitate attraverso un efficace sistema assistenziale sul territorio, si può misurare il livello di qualità di quest’ultimo. Quindi, sebbene questi indicatori siano costruiti sui dati dei ricoverati, possono fornire la misura della qualità delle cure al di fuori dell’ambiente ospedaliero. Ad esempio, le cause di ricovero di pazienti affetti da diabete potrebbero essere ricercate nella scarsa attività di monitoraggio, o per il fatto che i pazienti non abbiano ricevuto un’adeguata formazione riguardo l’autogestione della malattia.
Gli indicatori erano 16, ma i PQIs 4 e 6 sono stati spostati nel modulo “Pediatric Quality Indicators”. In questo modo tutti i PQIs ora sono applicati solo alla popolazione adulta e vengono misurati con il tasso di ricovero riguardo alle seguenti patologie:

1. Complicanze acute del diabete
2. Appendicite perforata
3. Complicanze tardive del diabete
5. Broncopneumopatia cronica ostruttiva
7. Ipertensione
8. Scompenso cardiaco congestizio
9. Basso peso alla nascita
10. Disidratazione
11. Polmonite batterica
12. Infezione delle vie urinarie
13. Angina senza procedure
14. Diabete non controllato
15. Asma nell’adulto
16. Amputazione arti inferiori in pazienti diabetici

Prenderemo in esame uno dei 14 indicatori proposti dalla guida PQI dell’AHRQ e specificamente quello relativo alle amputazione degli arti inferiori (AAI) nei pazienti diabetici (PQI 16).
È stato misurato il tasso di ammissione (standardizzato) in ospedale per acuti per l’amputazione degli arti inferiori, non dovuta a traumi, nei pazienti diabetici con età superiore a 17 anni, nel periodo che va dall’anno 1996 all’anno 2006, nella Regione Marche.
I dati raccolti sono stati raggruppati, in sintesi, in una tabella che mostra, per singolo anno e per singola Zona Territoriale dell’ASUR Marche, il rispettivo valore del “PQI 16”, standardizzato per età. La tabella contiene anche il valore regionale relativo ad ogni anno e della media degli ultimi tre anni, dal 2004 al 2006. La stessa media degli ultimi tre anni viene riportata anche per ogni singola Zona Territoriale.
La popolazione di riferimento per la standardizzazione è quella relativa all’anno 2001 (dati censimento ISTAT), in quanto rappresenta il dato intermedio rispetto al periodo preso in considerazione (1996-2006).
I valori sono rapportati a 100.000 abitanti.
Infine è stato rilevata la significatività statistica (p <0,05) utilizzando il “test chi-quadrato” incluso nel software Excel di Microsoft Office, per verificare l’attinenza tra il “trend” (dall’anno 1996 all’anno 2006) della Regione Marche con quello della singola Zona Territoriale.
La ricerca è stata condotta su n. 208.719 SDO relative ai ricoveri ospedalieri effettuati dalla popolazione della regione Marche che hanno avuto in un campo della Diagnosi il codice di diabete, dall’anno 1996 all’anno 2006, e equivalgono al 100% dei ricoveri per tale patologia.
Prendendo a riferimento il valore del “PQI 16” della Regione Marche di 14,99 per 100.000 abitanti, relativo all’anno 2006, si è confrontato tale dato con quello di altre realtà, sia all’interno della nostra Nazione che all’interno degli Stati Uniti d’America.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Dott. Roberto Sabbatini Introduzione 4 Introduzione L’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri è diventato il punto focale degli interventi legislativi sanitari Italiani degli ultimi 15/20 anni, associata al miglioramento continuo della qualità assistenziale da erogarsi nelle tre macroaree assistenziali: l’assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, l’assistenza distrettuale e l’assistenza ospedaliera con l’obiettivo di razionalizzare la spesa sanitaria traghettando le risorse impiegate per l’assistenza ospedaliera nelle altre due aree. Un importante strumento per raggiungere lo scopo è stato il cosiddetto decreto sui Livelli Essenziali di Assistenza ove una parte specifica è dedicata ai ricoveri “potenzialmente inappropriati” se trattati in un setting assistenziale per acuti (ospedale). Per prevenire l’inappropriatezza dei ricoveri sono stati adottati molti strumenti, tra i quali: ξ una codifica unitaria con i ROD/DRGs (Raggruppamenti Omogenei di Diagnosi/Diagnosis Related Groups) attraverso la lettura dei dati contenuti nella Scheda di Dimissione Ospedaliera (SDO); ξ il PRUO (Protocollo per la Revisione dell’Uso dell’Ospedale) che, attraverso la lettura delle informazioni contenute nelle cartelle cliniche, permette di verificare sia il corretto “setting assistenziale” che la qualità delle informazioni contenute nella cartella clinica stessa (Sabbatini 2002). Negli Stati Uniti il problema dell’appropriatezza delle prestazioni sanitarie si è manifestato molto prima in quanto il Sistema Sanitario Statunitense, principalmente basato sulle Assicurazioni privatistiche,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ahrq
ammisione ospedaliera
amputazione arti inferiori
appropriatezza
assistenza sanitaria
case management
chi quadrato
distretto sanitario
indicator
misurazione qualità
ospedali marche
pazienti diabetici
pqi 16
prestazioni ambulatoriali
prevention
primary nursing
qualità ospedali
quality
ricoveri ospedalieri
riduzione ricoveri
sdo
significatività
sistema sanitario
stile di vita e salute

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi