Skip to content

Le responsabilità deontologiche e giuridiche dell’infermiere - L’evoluzione da professione sanitaria ''ausiliaria'' a professione sanitaria ''autonoma''

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Sabbatini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Camerino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Ascanio Sirignano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 186

Il sistema tradizionale di abilitazione all’esercizio professionale era stabilito dal cosiddetto mansionario, che era recepito dal D.P.R. 14 marzo 1974, n. 225. Più esattamente il mansionario conteneva un insieme di funzioni e mansioni di carattere rigido ed esaustivo.
Ne consegue che tutto ciò che non era specificamente compreso era da considerarsi di competenza medica. Vi erano anche altri riferimenti normativi che regolavano le mansioni degli infermieri professionali – le fonti extramansionariali, di cui oggi ne residuano solo alcune – ma è indubbio che il mansionario ne costituiva il corpus principale. Il profilo professionale recepito con il D.M. 14 settembre 1994, n. 739, pur avendo innovato i criteri per l’esercizio professionale, indicando una cornice ampia, di competenza infermieristica, conservava un rapporto di convivenza non facile con il mansionario.
Le innovazioni apportate con la legge 26 febbraio 1999, n. 42, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie sono rilevanti ed epocali. Per la prima volta si delinea un esercizio professionale senza mansionario.
La legge 10 agosto 2000, n. 251 “disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica” ha determinato una novità rilevante nel panorama dell’organizzazione infermieristica e sanitaria italiana.
La dirigenza infermieristica è stata approvata con la legge 251/2000, la quale però contiene due sostanziali tipologie di norme: una legata all’esercizio e all’autonomia professionale, l’altra alla istituzione e all’implementazione della dirigenza.
La responsabilità professionale viene tradizionalmente suddivisa in tre ambiti:
a) responsabilità penale;
b) responsabilità civile;
c) responsabilità disciplinare
oltre naturalmente a quella deontologica propia del codice deontologico dell'infermiere.
Nella presente tesi verranno approfondite nel dettaglio tutte le competenze e le responsabilita che derivano dall'innovazione normativa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CENNI STORICI Tradizionalmente in Italia - e non solo - pur potendo parlare di professioni sanitarie al plurale – il riferimento era, quanto meno durante tutto il secolo XIX, alla professione medica. In realtà va osservato che all’epoca grande importanza rivestivano anche i farmacisti (speziali) e le ostetriche (levatrici); entrambe queste professioni, però nel corso del secolo successivo, subirono una involuzione professionale. Da un punto di vista giuridico sono condizioni indispensabili per una professione l’obbligatorietà di iscrizione in albi o elenchi e la potestà disciplinare di cui si fa carico la professione stessa, secondo quanto disposto dall’art. 2229 del codice civile. Tutte queste condizioni esistono per la professione infermieristica. Le professioni sanitarie sono state tradizionalmente suddivise nel nostro ordinamento (art. 99 del R.d. 27 luglio 1934, n. 1265 denominato “Approvazione del testo unico delle leggi sanitarie”) in: a) professioni sanitarie, cosiddette principali, rappresentate dal medico-chirurgo, dal veterinario, dal farmacista e, dal 1985, dall’odontoiatra; b) professioni sanitarie, cosiddette ausiliarie, rappresentate dalla levatrice (oggi ostetrica/o), dall’assistente sanitaria visitatrice (oggi assistente sanitario) e dall’infermiera diplomata (oggi infermiere) e, fino al febbraio 1999, da tutte le professioni che avevano avuto la pubblicazione di un profilo professionale; c) arti ausiliarie delle professioni sanitarie, rappresentate dall’odontotecnico, dall’infermiere generico e dal massofisioterapista. Sul punto sono intervenute due leggi di profonda riforma delle professioni e dell’esercizio professionale: 1) la legge 26 febbraio 1999, n. 42 “Disposizioni in materia di professioni sanitarie” che all’art. 1, comma 1 abolisce la suddivisione proveniente dal Testo unico (TU) delle leggi sanitarie del 1934 e, ferma rimanendo la categoria delle arti ausiliarie

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

118
ccnl sanità
codice civile
codice deontologico 2009
codice disciplinare 2009
codice penale
competenze professionali
contenzione
d.lgs. 150/2009
d.m. 739/1994
dirigenza infermieristica
dpr 225/1974
emotrasfusione
ex mansionario
infermiere forense
legge 42/1999
legge 43/2006
legge brunetta 2009
professioni sanitarie
profilo professionale 1994
reati
responsabilità dirigenziale
responsabilità penale
triage

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi