Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Da Laura a Julie: la formazione dell'Io femminile

Un viaggio nel mistero della donna, nel suo status originario di "domina" rispetto all'universo maschile, attraverso i più grandi autori capaci di decantarla come delicata musa senza sminuirne l'intima forza. Da Petrarca a Rousseau, con un excursus storico-politico, si delinea una figura autonoma, prepotente nella certezza del suo sentire, emancipata, affascinante e, infine, assolutamente moderna.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa ≈≈≈≈≈≈≈≈ La storia delle donne è, in un certo senso, quella della loro assunzione di parola. Laura in primis, la Principessa di Clèves e Giulia in secundis, hanno ispirato questo studio per una sorta di qualità sotterranea che, senza pretese pindariche, le ha differenziate. “Volontà” non è solo un’idea in costoro ma il leit motiv di un preciso modo di muoversi: ho fornito una mia interpretazione di fatti e azioni, operando, in quanto donna, un’immedesimazione su molti livelli. Risultato di ciò, la visione di tre tipologie femminili “forti” perché non solo adatte a decidere ma prontissime a farlo, in totale autonomia. Laura è emersa dotata di una propria vita del tutto indipendente da quella che il Canzoniere lascia intendere; la sorpresa nell’approfondire s’è fatta maggiore, consentendo l’incontro con una donna che, letteralmente, è “domina”, abbandonando cliché e stereotipi da sesso debole per assumere il controllo di sé. Come in un canone musicale poi, han fatto seguito altre protagoniste di carattere, Giulia e la Principessa di Clèves, che di Laura costituiscono l’evoluzione diretta. Nella carrellata tesa a dare spazio al percorso di questi tre personaggi, l’obiettivo è quello di delineare la costruzione dello spirito femminile che lotta per definirsi e compiersi. Se la donna cantata da Petrarca non ha finora ricevuto attenzioni che badassero al suo Io così prorompente, mi auguro di aver prodotto, con questa ricerca, un valida fiammella accesa sul potere di questa figura, che ha l’immenso pregio d’aver iniziato, di fatto, quella “formazione” della coscienza femminile finalmente in grado di alzare la voce. I

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Angela Accarrino Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1161 click dal 19/05/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.