Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Flexicurity in Danimarca. Un modello esportabile? Come Flessibilità e sicurezza possono convivere.

Perché é interessante questa tesi?
Roma, 6 dic 2011 - La riforma del mercato del lavoro a
cui il governo Monti si mettera' al lavoro tra pochi giorni
andra' nella direzione della 'flexicurity'. E' quanto ha
assicurato il ministro del Lavoro e del Welfare, Elsa Fornero
illustrando le linee programmatiche del suo dicastero in
commissione Lavoro del Senato.
''Fino ad oggi sono stata completamente assorbita dalla
riforma delle pensioni. Il mio impegno da domani o da
dopodomani sara' dedicato alla riforma del mercato del lavoro
- - ha sottolineato Fornero -. Non sono in grado di fare
anticipazioni, ma la direzione sara' quella della
flexicurity, ovvero la flessibilita' che si accompagna a
garanzie ai lavoratori di un trattamento adeguato''.

Temi affrontati dalla Tesi
La Danimarca è stata indicata dalla letteratura, dalla Commissione Europea e dall’OECD come una nazione che ha saputo trovare buone risposte alle sfide odierne ed è stata presentata come una ‘buona pratica’ da imitare. Il regno di Danimarca, dalla metà degli anni Novanta, ha visto migliorare la sua situazione occupazionale; dal 1993 al 2007 la disoccupazione è passata dal 12,4% al 3,8%, l’inflazione è rimasta molto bassa e oggi si registra il più alto tasso d’attività europeo senza forti differenze di genere. Il mondo accademico danese ed internazionale ha cercato di spiegare e svelare il mistero di questo ‘miracolo’ e verso la fine degli anni Novanta ha sviluppato lo schema interpretativo del golden triangle in cui l’alta mobilità del mercato del lavoro è bilanciata da un sistema di welfare generoso e da politiche attive del lavoro. La Commissione Europea ha fatto riferimento più volte al golden triangle e ha sviluppato un concetto di flexicurity che richiama questo schema nell’ambito dell’European Employment Strategy.
Il mio lavoro ha criticato e messo in discussione i due assiomi del dibattito europeo sulla flexicurity: il modello danese è un paradiso privo di problemi; tutti gli stati possono importare questo modello. La visione proposta dalla Commissione Europea sulla flexicurity, secondo la quale tutte le parti sociali guadagnano da una strategia di flexicurity, non è supportata dai dati empirici danesi: in Danimarca immigrati e lavoratori anziani sono esclusi dal mercato del lavoro. A livello europeo, quando si guarda al modello ibrido danese, ci si lascia attrarre solo dalla sua parte liberale e si tralasciano gli aspetti social democratici; le profonde radici storiche e i costi sono spesso dimenticati. Il modello di flexicurity europeo, seppur presentato come de-politicizzato, in realtà cela una versione d’ispirazione liberista della flexicurity.
Gli attori e il contesto sono due variabili determinanti per l’esportazione del modello danese che richiede la presenza di attori con lealtà di comportamento, pragmatismo e fiducia reciproca. In assenza di queste caratteristiche, l’aspetto più critico dell’esportazione è determinato dalla frequente mancanza di risorse, necessarie per costituire un sistema fiscale ed una pubblica amministrazione efficienti. Se ci fossero le risorse economiche per riformare l’apparato statale, mancherebbero comunque due elementi indispensabili al sistema di flexicurity: l’individualismo e una cultura del bene comune. Ultimo aspetto da considerare è il seguente: gli studi sulla flexicurity si sono sviluppati considerando l’ipotesi di un contesto economico difficile; una forte crisi internazionale non è mai stata considerata. L’esportazione di questo modello diviene quasi impossibile in condizioni di paura e percezione negativa del futuro.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La letteratura sul welfare state negli ultimi anni ha riflettuto ampiamente sui nuovi bisogni sociali emersi in tutta l’Europa a causa dei molteplici cambiamenti che hanno caratterizzato le nostre società. Fenomeni come globalizzazione, competizione internazionale, passaggio da economie industriali ad economie del terzo settore, innovazione tecnologia, invecchiamento progressivo della popolazione, flussi migratori sono stati al centro del dibattito accademico. È stata spesso richiamata l’ineguatezza delle vecchie soluzioni di fronte a nuovi problemi e a partire dalla metà degli anni settanta il welfare occidentale è entrato in una lunga crisi. Il calo dei tassi di crescita delle economie occidentali e l’aumento delle spese sociali hanno causato l’aumento dei deficit e dei debiti pubblici imponendo un contenimento dei costi. Il passaggio da economie prevalentemente industriali a economie post-fordiste e i mutamenti avvenuti all’interno della famiglia hanno messo in discussione la figura del maschio padre di famiglia unico lavoratore. Il declino della fertilità unito al progressivo invecchiamento della popolazione hanno profondamente mutato gli equilibri demografici delle nostre società che sono cambiate anche per l’arrivo di migranti. I sistemi di welfare nati sulla centralità dello stato nazione devono inoltre confrontarsi con una realtà politico ed economica maggiormente integrata soprattutto a livello europeo (Ferrera, 1993). I welfare state europei sottoposti a queste pressioni non sono crollati ma hanno dato prova di stabilità e capacità d’adattamento intraprendendo processi di riforma. Le risposte elaborate dai diversi sistemi sociali in Europa variano da Stato a Stato e non hanno avuto gli stessi risultati, si è aperta la possibilità per un’ampia e profonda riflessione su quali siano state le risposte più adatte. La Danimarca è stata indicata dalla letteratura, dalla Commissione Europea e dall’OECD come una nazione che ha saputo trovare buone risposte alle sfide odierne (Auer e Gazes, 2003). Come ha fatto il più piccolo Stato della Scandinavia con poco più di cinque milioni di abitanti a creare un così grande interesse? Il regno di Danimarca dalla metà degli anni Novanta ha visto migliorare la sua situazione occupazionale, dal 1993 al 2007 la disoccupazione è passata dal 12,4% al 3,8%, l’inflazione è rimasta molto bassa e oggi si registra il più alto tasso d’attività europeo senza forti differenze di genere, in molti si sono riferiti a questa evoluzione con il termine ‘miracolo’ (Madsen 1999, 2003; Kvist, 2003; Torfing, 1999). Il mondo accademico danese ed internazionale ha cercato di spiegare e svelare il mistero del ‘miracolo’ e verso la fine degli anni Novanta ha sviluppato lo schema interpretativo del golden triangle in cui l’alta mobilità del mercato del lavoro è bilanciata da una sistema di welfare generoso in caso di disoccupazione e da politiche attive del 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luigi Trotta Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6739 click dal 19/05/2009.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.