Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Percorso didattico: L'imperialismo. Presupposti storici e implicazioni nel lungo periodo.

Si presenta un percorso didattico pensato per l'ultimo anno delle scuole medie inferiori, col quale promuovere nei discenti l'approccio a tematiche di ampio respiro, in grado di creare connessioni tra accadimenti storici collocati in uno spazio ormai internazionale. Il progetto è stato messo in pratica nell'ambito di un tirocinio presso una classe terza della scuola media statale "R. De' Passaggeri" di Bologna.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Stato dell’arte 1.1 Riflessioni sul “fare storia” Da qualche decennio l’insegnamento della storia sta conoscendo un dibattito cospicuo attorno a questioni epistemologiche e funzionali che ne ha ravvivato e rinnovato l’essenza, di fronte alla constatazione di un pericoloso trend di disinteresse generalizzato presso i suoi attori fondamentali. Lo studio dedicato da Mattozzi e dalla sua equipe 1 alle problematiche relative all’insegnamento/apprendimento delle discipline storiche è stato il comune riferimento per i successivi aggiornamenti in materia; in particolare, grazie ad esso si è finalmente conferita centralità alla mediazione didattica che la professionalità docente deve accordare alle diverse componenti in gioco, ossia: sapere storico esperto, sapere storico insegnato, sapere attrezzato didatticamente, studente, dimensioni tra loro strettamente interrelate. Spetta dunque al rinnovato statuto dell’insegnante essere in possesso di competenze epistemologiche, operative, comunicative, psicopedagogiche e valutative, tali da trasferire i processi cognitivi della ricerca storica esperta tra i banchi di scuola, gestendoli e valutandoli in modo costruttivo. 2 Inoltre, si è ormai superata – presso gli studiosi – la concezione della trasmissione della conoscenza storica come continuum narrativo fedelmente parallelo al divenire dei fatti storici, una lunga “illusione” che tuttavia permane nell’organizzazione di programmi e manuali scolastici. Di maggior efficacia, rispetto alle tradizionali tematizzazioni cronologiche, risulta un’educazione alla concettualizzazione 3 che permetta agli studenti di sapersi muovere trasversalmente nelle coordinate spazio- temporali, individuando connessioni di ampio raggio. La natura processuale di questa nuova didattica, anche in sede valutativa, si appoggia ad una programmazione sempre più modulare del curricolo di storia: la storia non è più dunque un sapere dato, ma un sapere da costruire assieme al suo senso o ai suoi sensi possibili, chiamando in causa 1 Qui si fa riferimento a Mattozzi, I.; Guanci, V. (a cura di): Insegnare ad apprendere storia, Bologna, Gruppo di ricerca sull’insegnamento della storia “Clio ‘92”, 1995, e in particolare a Mattozzi, I.: Una scuola di formazione alla mediazione didattica in storia, ibidem, pp. 9-29. 2 Mattozzi, I.: op. cit., pp. 9-10. 3 Mattozzi, I.: op. cit., p. 21. 3

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Carlo Curatola Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1191 click dal 21/05/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.