Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione della tutela cautelare

La tesi tratta in 3 capitoli l'evoluzione della tutela cautelare nel processo amministrativo.
Si affrontano in primis le origini, la natura e la funzione nel processo delle misure cautelari, attraverso un'approfondita analisi delle evoluzioni normative intervenute.
Successivamente si analizza la tipologia dei diversi provvedimenti cautelari, a partire dalla presenza della mera sospensiva, fino a giungere all'odierno panorama dell'art. 700 c.p.c. e alle misure innominate.
L'elabortato si conclude con lo studio del procedimento cautelare nel processo amministrativo, con un'attenta analisi sulla funzione del Presidente e del Collegio. Si analizzano poi la tutela monocratica e la tutela sommaria nel processo amministrativo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I La tutela cautelare: origini, natura e funzione nel processo. 1. Cenni preliminari. Nel processo amministrativo il giudizio cautelare costituisce (non diversamente dal giudizio di ottemperanza) uno degli istituti che nel secolo scorso è stato più dibattuto in giurisprudenza e in dottrina, ed offre un tipico esempio di strumento che, per così dire inizialmente solo abbozzato, ha trovato sul campo, proprio ad opera dell’evoluzione giurisprudenziale, la forza di crescere e gradualmente modificarsi per superare buona parte delle lacune e criticità iniziali ed offrire una più concreta ed efficace tutela. Lo studio e la pratica del processo amministrativo hanno evidenziato, con crescente forza, l’esigenza di contrastare la possibilità che la Pubblica Amministrazione – con comportamenti attivi o passivi - possa vanificare l’utilità dell’intervento del giudice per effetto soprattutto della utilizzazione di quei caratteri dei provvedimenti amministrativi che vanno sotto il nome di esecutività ed esecutorietà. Nel tempo, la diversa realtà politico-sociale e le evoluzioni normative, che hanno profondamente inciso in tutti i settori della vita e nelle sfere di competenza della Pubblica Amministrazione, hanno reso sempre più difficile fare accettare ai consociati la istituzionale posizione di supremazia della stessa nella sede

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Briccarello Contatta »

Composta da 248 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3501 click dal 20/05/2009.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.