Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La televisione di ieri e di oggi: dalla commedia al reality

In queste pagine parleremo di televisione come strumento tecnico usato per comunicare, per scambiare messaggi, dotati di significato, tra individui che condividono un codice di interpretazione. Esistono diversi tipi di comunicazione, dalla forma più elementare tra due persone, alla forma più complessa della comunicazione di massa “da uno a molti” in cui assume un ruolo importante il nostro oggetto di studio. Prima di analizzare la televisione al suo interno, i suoi programmi e i suoi protagonisti, utilizzeremo gli strumenti offerti dagli studiosi Roger Silverstone e McLuhan, per definire i media sotto diversi aspetti:

- I media come canali. Con lo sviluppo dei media le informazioni viaggiano più veloci nello spazio. Ma qual è il vero messaggio che noi riceviamo dai media?
- I media sono ambienti, riempiono gli spazi delle nostre case e creano il significato della nostra vita. Qual è il nostro posto in una casa mediatizzata? Il nostro ruolo?
- I media come estensioni fisiche e percettive dell’uomo. I media sono “potenti protesi”, prolungamenti dei nostri sensi che ci permettono di vedere lontanissimo, di ascoltare e di inviare messaggi in ogni angolo della terra.

I critici dicono che: “quando accendete il televisore, quasi istantaneamente il vostro cervello sinistro scivola in uno stato neutro come se fosse cullato dai punti di luce che si succedono lampeggiando attraverso lo schermo alla velocità di uno ogni trentesimo di secondo.”

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione In queste pagine parleremo di televisione come quello strumento tecnico usato per comunicare, per scambiare messaggi, dotati di significato, tra individui che condividono un codice di interpretazione. Esistono diversi tipi di comunicazione, dalla forma piø elementare tra due persone, alla forma piø complessa della comunicazione di massa da uno a molti in cui assume un ruolo importante il nostro oggetto di studio. Prima di analizzare la televisione al suo interno, i suoi programmi e i suoi protagonisti, utilizzeremo gli strumenti offerti dagli studiosi Roger Silverstone e McLuhan, per definire i media sotto diversi aspetti: - I media come canali. Con lo sviluppo dei media le informazioni viaggiano piø veloci nello spazio; possiamo sapere cosa succede dall altra parte del mondo e parlare con gli abitanti della piø piccola isola sperduta nell oceano nel tempo di un clic. Ma qual Ł il vero messaggio che noi riceviamo dai media? Come dice McLuhan medium is the message , il messaggio non Ł il contenuto, poichØ viene assorbito dal contenitore, il medium stesso. Facciamo un semplice esempio, sappiamo tutti quanto sia importante fare una colazione abbondante, chiss quante volte le nostre mamme ce lo dicevano quando eravamo bambini e noi facevamo di testa nostra; ma da quando in una pubblicit televisiva Ł una scimmietta con una magl ietta bianca e un cappellino blu, che ci fa capire l importanza della colazione, noi diamo maggior attenzione al messaggio. Il messaggio Ł lo stesso: fare colazione al mattino. Il medium Ł diverso: la mamma da una parte e la televisione dall altra. Secondo voi chi ascolteremo? - I media sono ambienti, riempiono gli spazi delle nostre case e creano il significato della nostra vita. Qual Ł il nostro posto in una casa mediatizzata? Il nostro ruolo? Il nostro posto esiste, ma sono i media che condizionano la nostra vita, rubandoci il tempo per stare con gli amici e con la famiglia, organizzando la nostra giornata come se fosse un palinsesto1 televisivo: 12.30 1 Il palinsesto televisivo implica un processo di selezione dei contenuti e una loro messa in forma editoriale, che va dalla collocazione su una certa emittente alla scelta dell’orario, del giorno della 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Matteo Galetti Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3621 click dal 20/05/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.