Skip to content

Too Big To Fail? Crisi Subprime e Securitization

Informazioni tesi

  Autore: Andreea Pirvulescu
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Simona Zambelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

“Too big to fail? Crisi subprime e securitization” rappresenta un elaborato che studia il tema attualmente molto dibattuto a livello: la crisi subprime, che ha investito inizialmente gli Stati Uniti d’America per poi diffondersi in tutti gli altri Paesi. Il filo conduttore secondo cui è stato costruito l’elaborato è quella di capire quali sono state le conseguenze della crisi sulle banche americane, in particolar modo su due specifiche banche: Bear Stearns e Lehman Brothers.
La prima parte si focalizza sul processo di securitization, in tutti i suoi aspetti ed accezioni: fasi dell’operazione, soggetti coinvolti, rischi e vantaggi. È stato evidenziato come lo sviluppo di questa tipologia d’operazione ha segnato il passaggio da una banca di tipo “originate to hold” ad un modo di fare banca di tipo “originate and transfer”.
Nella seconda parte, invece, è stata analizzata l’attuale situazione di crisi negli Stati Uniti. Il punto di partenza dell’analisi è stata la descrizione della politica laissez faire che il governo Clinton ed in seguito il governo Bush, hanno improntato al mercato americano. Uno degli obiettivi del governo Bush consisteva nel sogno di poter garantire ad ogni americano la proprietà dell’abitazione in cui risiedeva. Affinché questo importante obiettivo si concretizzasse sono state varate una serie di leggi ed emendamenti che hanno permesso alle banche di alleggerire la burocrazia e di abbassare gli standard necessari per la stipulazione di un mutuo. Successivamente, dato che le banche stesse avevano bisogno di liquidità è stato quello di concedere alle Big Five l’autoregolamentazione ed autonomia decisionale riguardo il livello di indebitamento. La conseguenza immediata di questi provvedimenti ed azioni è stata quella del boom dell’erogazione dei mutui per l’acquisto degli immobili e della loro securitization, allo scopo di poter avere oggi la liquidità che altrimenti sarebbe stata disponibile solo alla scadenza del mutuo.
Il programma del presidente Bush ha raggiunto gli obiettivi annunciati dato che al termine del 2007 un americano su tre era proprietario dell’immobile in cui abitava. Il costo di tutto questo però oggi si sta dimostrando troppo grande in quanto le banche, per poter erogare tutti i mutui che avevano erogato, si erano indebitate ben oltre le loro possibilità ed il modello di creazione di ricchezza è diventato insostenibile al punto che nel agosto del 2007 è scoppiata la crisi subprime.
La terza e la quarta parte dell’elaborato si focalizzano sui due case study: Bear Stearns e Lehman Brothers. L’ottica secondo la quale è stato sviluppato lo studio è quella di capire se la corrente di pensiero nata negli anni ’80, secondo la quale le banche non possono fallire in quanto “too big to fail” si fosse evoluto a seguito della trasformazione finanziaria subita dai mercati.
In conclusione del lavoro si evince che oggi non basta più essere “too big to fail” perché l’intervento dello Stato, a favore di una banca che versa in una seria situazione di crisi, sia scontato. Alla luce dei nuovi fatti bisogna essere “too big and tangled to fail”, ovvero oltre ad essere un importante attore del mercato è necessario avere istaurato una fitta rette di rapporti con gli altri operatori del mercato affinché il salvataggio sia assicurato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 Introduzione Il Mondo Ł in crisi! Che sia esso immobiliare, economico e finanziario, il Mondo Ł in crisi. ¨ partito tutto dagli Stati Uniti d America e dall abbassamento dei prezzi delle case americane ed ora ogni singolo Paese deve cercare di far fronte ad una situazione di sconforto economico e sfiducia generale. Questa condizione dei mercati ha avuto un forte impatto sui consumatori e soprattutto su coloro che avevano sottoscritto un mutuo per l acquisto di un immobile. La causa della situazione di crisi che stiamo vivendo Ł proprio questa: i mutui ipotecari. In seguito ad un forte incentivo, da parte del Governo americano, le banche hanno iniziato ad effettuare operazioni con forte ricorso ai titoli derivati dal carattere fortemente speculativo. Tutto questo per poter rispondere alla crescente domanda di mutui che richiedeva una importante disponibilit di liquidit . Disponendo di un trattamento preferenziale, le cinque banche americane piø importanti1 hanno raggiunto livelli di indebitamento pari a 30 o 40 volte il capitale netto, cinque volte il peso consentito agli altri operatori del settore. Le Big Five si sono spese in ogni modo p er garantire ad ogni americano la possibilit di vivere in una casa di p ropriet . Sulla base del problema appena introdotto, l obbiettivo della tesi Ł di far emergere le conseguenze della crisi economico-finanziaria sul sistema bancario americano. Per raggiungere i risultati prefissati il presente lavoro Ł stato strutturato in tre parti principali. La prima parte ha lo scopo di fornire le basi teoriche per capire come le banche abbiano potuto ricorre a livelli di indebitamento cos alti. In merito Ł stato definito il processo di securitization sotto tutti i suoi aspetti: le fasi 1 Con una capitalizzazione superiore ai 5 miliardi di dollari. Al riguardo si rinvia alla nota 55 del secondo capitolo del presente lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abcp
abi
abs
alan schwartz
banche
bear stearns companies
borse
cartolarizzazione
cdo
cds
crisi subprime
fed
federal reserve
james cayne
jp morgan chase
lehman brothers
mbo
mutui subprime
nyse
securitization
storia banche
storia borse
swap
too big to fail

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi