Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Contabilità nazionale e ambiente

Il Pil, pur essendo uno dei principali indicatori dell’andamento generale dell’economia, ha dei limiti nell’esprimere il benessere di una nazione.
Infatti, il benessere è un concetto multidimensionale, che va oltre la considerazione del solo reddito pro - capite e abbraccia anche aspetti riguardanti la cultura, la salute, lo stato dell’ambiente ed è proprio su quest’ultimo punto che si è concentrato lo studio.
Il lavoro analizza dapprima la contabilità nazionale tradizionale e mette in luce i limiti che essa ha nell’esprimere il benessere, quindi illustra in maniera approfondita le posizioni e gli studi sul tema presenti in letteratura economica, quindi richiama le iniziative internazionali e nazionali in essere, infine si conclude con un'attenta analisi dei principali sistemi di contabilità ambientale utilizzati dagli organismi nazionali e internazionali al fine di aumentare la veridicità e la correttezza della contabilità nazionale tradizionale, favorire l'efficacia delle politiche di gestione e controllo ambientale e realizzare compiutamente lo sviluppo sostenibile.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Prefazione L’ambiente e l’impatto dell’uomo su di esso è sicuramente uno dei temi più discussi e controversi degli ultimi decenni. Con la crescita economica avutasi in quest’ultimo secolo, ed il conseguente aumento della pressione operata dall’uomo sulle variabili ambientali, sia dal punto di vista dell’estrazione di risorse che dell’emissione di sostanze inquinanti, si sono sviluppati man mano nel tempo numerosi studi su come gestire e controllare il rapporto economia – ambiente. La seguente tesi trae ispirazione dal fatto che i temi ambientali hanno e avranno una sempre maggiore rilevanza sia in ambito economico, sia in un ambito più ampio quale quello del benessere umano. L’oggetto della tesi è dunque l’analisi del rapporto che intercorre tra l’economia, l’ambiente ed il benessere. Il processo economico è stato osservato da un punto di vista aggregato, attraverso lo studio della contabilità nazionale, e ci si è chiesti quanto l’indice sintetico di quest’ultima, cioè il Prodotto interno lordo, esprimesse il benessere della popolazione cui si riferiva. In particolare visto lo stretto rapporto che intercorre tra ambiente, salute e quella che viene comunemente chiamata qualità della vita, lo studio della contabilità nazionale indirizzato alla ricerca di un indice di benessere è stato svolto considerando prevalentemente le variabili ambientali, che comunque da sole certamente non esauriscono le considerazioni da fare su un concetto multidimensionale quale è il benessere. A questo punto visti i motivi e l’oggetto della tesi è utile presentare sinteticamente il lavoro che è stato svolto. La tesi si articola in quattro capitoli, in ognuno di essi si cerca di focalizzare il rapporto tra economia ed ambiente su alcuni aspetti caratterizzanti. Nel primo capitolo, intitolato “La contabilità nazionale del sistema dei conti europeo”, vengono presentati anzitutto il campo d’osservazione, il funzionamento e le regole alla base della contabilità nazionale del Sistema europeo di conti nazionali e regionali del 95 (SEC 95), che si ispira al System of National Accounts del 93 elaborato dalle Nazioni Unite.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Livio Donis Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1343 click dal 05/06/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.