Skip to content

Il francese e la pubblicità. Marie Claire, un magazine haut de gamme: analisi linguistica e traduttiva dei messaggi pubblicitari.

Informazioni tesi

  Autore: Nunzia Scotto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Stefania Cerrito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

Quando parliamo di pubblicità non possiamo non associare a questa parola quella di “persuasione”. La pubblicità infatti è il luogo privilegiato in cui esplicitamente le strategie persuasive vengono impiegate per raggiungere obiettivi predeterminati. Ciò avviene attraverso l’impiego di messaggi pubblicitari raffinati, divertenti, ammiccanti, originali, e si potrebbe aggiungere un lungo elenco di aggettivi, ma ciò che ne determina il successo è la sua capacità di convincere, di farsi largo più o meno subdolamente nei pensieri del possibile consumatore. A chi di noi non è mai capitato di essere catturato da immagini, slogan, jingle che quotidianamente si presentano nelle nostre giornate? Quando siamo catturati, inevitabilmente ci fermiamo qualche attimo a riflettere incuriositi sul significato delle parole magari scritte a caratteri cubitali su un cartellone pubblicitario, che per chissà quale ragione ci ha sedotti. Quando ciò avviene, la parola pubblicitaria cessa di essere semplicemente parola e va a fondersi e confondersi con altri elementi visivi, iconici, sonori, paralinguistici, intertestuali, per creare il “messaggio pubblicitario” in cui ogni particolare è studiato con la massima attenzione non solo per presentare o informare su un determinato prodotto al pubblico, ma soprattutto per creare un oggetto del desiderio attraverso un sapiente uso delle immagini, e delle parole, in modo da riuscire a far coincidere nell’immaginario collettivo, l’idea di felicità o di successo con un certo aperitivo, make-up o deodorante.
Ci siamo mai chiesti cosa, oltre al nostro reale interesse per un determinato prodotto, influenza la nostra decisione di acquistare un bene? Un primo livello di influenza consiste semplicemente nel mostrare ripetutamente un determinato oggetto alle persone fino a farlo diventare del tutto familiare. La familiarizzazione si accompagna a un aumento della percezione di gradevolezza dell’oggetto. Essa appartiene prevalentemente alla pubblicità televisiva, che si concretizza attraverso la ripetitività dell’immagine del prodotto, ma ho potuto riscontrare la presenza di questo fenomeno anche nelle pubblicità di una rivista come Marie Claire, attraverso il fatto che i cosmetici pubblicizzati appartengono a marchi che godono ormai di un certo prestigio e sono quindi abbondantemente conosciuti dalla stragrande maggioranza del popolo femminile. Ritengo dunque che questa sia una forma diversa di familiarizzazione.
In generale ogni pubblicità è caratterizzata dalla presenza di elementi di contenuto (le informazioni e le ragioni per le quali si dovrebbe acquistare quel determinato prodotto), ed elementi periferici (i colori, l’immagine, le trovate stilistiche del messaggio e tutto ciò che non riguarda le caratteristiche intrinseche del prodotto). Gli elementi periferici potrebbero sembrare quelli meno importanti in un testo pubblicitario, invece sappiamo bene che così non è, in quanto essi sono predisposti per attirare l’attenzione del pubblico e veicolare l’esortazione all’acquisto in un modo che consenta un certo “risparmio di energia cognitiva” . A causa del continuo bombardamento pubblicitario, soltanto una piccola parte dei messaggi persuasivi che ci vengono rivolti quotidianamente viene elaborata da noi attraverso quello che viene definito percorso centrale, cioè attraverso l’analisi critica; la grande maggioranza dei messaggi passa invece attraverso il percorso periferico, cioè un’attenzione superficiale a elementi secondari presenti nel contesto del messaggio. Dobbiamo però aggiungere che ciò che influenza il comportamento finale di un acquirente non è mai un singolo elemento, ma la totalità degli elementi presenti nel messaggio pubblicitario.
Concludo questa breve introduzione segnalando che nel corso della mia ricerca ho riscontrato che in quest’epoca di forte “densità comunicativa”, le pubblicità optano spesso per elementi di tipo periferico piuttosto che centrale fino a far quasi scomparire in molti casi ogni forma di argomentazione. I pubblicitari dunque tendono a realizzare messaggi molto semplici nei contenuti, ma molto raffinati sul piano tecnico. Nei capitoli successivi analizzeremo quest’aspetto in maniera più approfondita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’obiettivo del mio lavoro consiste nell’analizzare le caratteristiche più salienti del francese della pubblicità, una lingua che per la sua natura, che potremmo definire specialistica e universale al tempo stesso, costituisce da decenni un importante oggetto di studio non solo di pubblicitari, copywriter e psicologici interessati al comportamento dei possibili acquirenti, ma anche di linguisti, storici della lingua e semiologi. All’analisi delle caratteristiche generali della lingua, segue la comparazione di due diversi modi di fare pubblicità in una particolare rivista femminile: Marie Claire (nelle sue versioni francese ed italiana). Si tratta di una rivista indirizzata ad un pubblico esclusivamente femminile, sulla cui storia e peculiarità ci soffermeremo più avanti in un capitolo specifico. Quando parliamo di pubblicità non possiamo non associare a questa parola quella di “persuasione”. La pubblicità infatti è il luogo privilegiato in cui esplicitamente le strategie persuasive vengono impiegate per raggiungere obiettivi predeterminati. Ciò avviene attraverso l’impiego di messaggi pubblicitari raffinati, divertenti, ammiccanti, originali, e si potrebbe aggiungere un lungo elenco di aggettivi, ma ciò che ne determina il successo è la sua capacità di convincere, di farsi largo più o meno subdolamente nei pensieri – e, soprattutto nella loro parte più inconscia – del possibile consumatore. A chi di noi non è mai capitato di essere catturato da immagini, slogan, jingle che quotidianamente si presentano nelle nostre giornate? Quando siamo catturati, inevitabilmente ci fermiamo qualche attimo a riflettere incuriositi sul significato delle parole magari scritte a caratteri cubitali su un cartellone pubblicitario, che per chissà quale ragione ci ha sedotti. Quando ciò avviene, la parola pubblicitaria cessa di essere semplicemente parola e va a fondersi e confondersi con altri elementi visivi, iconici, sonori, paralinguistici, intertestuali, per creare il “messaggio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi linguistica
analisi traduttiva
andrea semprini
bulgari
clarins
clinique
dior
estee lauder
figure retoriche
funzioni linguistiche jackobson
i prestiti
i significanti
i tecnicismi
il codice iconico
il francese della pubblicità
la prefissazione
la semiotica
lancome
le tecniche traduttive
marie claire magazine
prada
pubblicità
roland barthes
umberto eco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi