Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gabriel Omar Batistuta: mito italo-argentino in una terra dai volti contraddittori

La tesi è suddivisa in quattro capitoli. Il primo capitolo affronta l'emigrazione italiana in Argentina; nella seconda parte viene illustrata la storia dell'Argentina negli anni della dittatura di Videla del 1976. Il terzo capitolo tratta invece i mondiali del '78, disputati sempre in Argentina durante la dittatura; infine, nel quarto ed ultimo capitolo, si parla di Gabriel Omar Batistuta, calciatore argentino emigrato in Italia e diventato famoso grazie al calcio ed alla Fiorentina.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Sono sempre stato appassionato di calcio, sport che pratico ormai molti anni e sono da sempre tifoso della Fiorentina; fra i tanti giocatori che hanno indossato la maglia viola Gabriel Omar Batistuta è stato quello che ho maggiormente ammirato in quanto esempio totalmente positivo di un calcio “pulito”, fatto di impegno e sacrificio. Aldilà dell’aspetto sportivo, dal punto di vista sociologico, mi sono interessato a Batistuta per un altro motivo: i suoi trisnonni emigrarono infatti, verso la metà dell’800, da un piccolo paese in provincia di Gorizia verso l’Argentina abbandonando le poche certezze che avevano per tentare di migliorare le proprie condizioni sociali ed economiche in un paese straniero. Ho voluto quindi approfondire la conoscenza del fenomeno dell’emigrazione italiana di quegli anni, individuando le cause che determinarono questo enorme flusso migratorio, si parla di quasi quattro milioni di italiani che, nell’arco di quasi centocinquant’anni, raggiunsero il suolo argentino. Cause riconducibili alla situazione creatasi in Italia verso la fine dell’800, caratterizzata dalla grave crisi in cui venne a trovarsi l’agricoltura, che costituiva in quegli anni la risorsa principale della nostra economia. La conseguente diminuzione della domanda di lavoro, i salari sempre più bassi rispetto ad altri paesi stranieri, l’aumento dei prezzi dei prodotti agricoli, portarono anche interi paesi a lasciare l’Italia per cercare fortuna altrove. Il mio interesse si è anche indirizzato verso i mutamenti che questa enorme migrazione determinò; gli italiani infatti, portando in Argentina tutto il loro intuito e la loro inventiva, finirono per 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Vallerini Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 669 click dal 05/06/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.