Skip to content

Giovani di Formula Uno. Un'indagine sugli appassionati del mondo automobilistico

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Ghetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Leonardo Altieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

Il lavoro redatto si struttura in due parti; la prima più prettamente teorica ha come obiettivo lo studio dell'universo giovanile nei suoi poliedrici e molteplici aspetti. Nella seconda parte, invece, l'indagine empirica ha messo in luce come la passione per circuiti e vetture avviluppi in maniera consistente il cammino di piloti (come Trulli e Sospiri) e tifosi intervistati, anche se sotto differenti angolature. Nonostante specificità e peculiarità tipiche di ogni percorso individuale, alcune caratteristiche comportamentali ed espressive dei ragazzi interpellati possono nel loro piccolo, convalidare gli studi sul più ampio universo giovanile. Pur rimanendo indubbia la vena corsistica che anima piloti e tifosi, quasi calamitati dal rombo dei motori, non va sottovalutato il loro contesto famigliare, ambito in cui l'interesse per macchine e moto è comunque presente e sentito con particolare entusiasmo. Anche i mezzi mediatici come la TV, possono poi condizionare, se non incentivare, la passione per auto e circuiti. Si delineano poi due modi di seguire e vivere la gara e due stili di vita differenti. Il pilota pare lottare contro il tempo, sente la pressione di una competizione che appassiona e coinvolge. L'emozione pare così nascere dal confronto stesso, più che dalla velocità della monoposto, principalmente percepita come mezzo per passare il traguardo prima dei propri avversari. Terminata la gara, sembrano avvertire uno ''switch'' temporale: il cronometro par tirare un sospiro di sollievo e quietarsi pian piano, anche se il pilota avverte spesso la carenza del tempo a causa dei numerosi impegni con sponsor e media. I fattori di rischio insiti nella corsa automobilistica sembrano poi in parte sottostimati, forse stratagemma inconscio per indossare casco e tuta e affrontare la gara con concentrazione e abilità. Viene quindi enfatizzata la dimensione privata e personale (famiglia, amore, amicizia) che si compone di spazi in cui allentare pressioni e tensioni della competizione automobilistica e di relazioni autentiche e forse più spontanee. Il tifoso pare invece molto più trascinato e attratto dalla potenza e dalla accelerazione delle monoposto, probabilmente perché elementi più facilmente percepibili da un punto di osservazione esterno. L'evento automobilistico si mostra importante per il tifoso anche come momento di aggregazione, come ulteriore occasione da condividere con i propri amici. La velocità diventa poi esperienza vissuta da tutti i giovani intervistati e il rischio viene interpretato come entità esterna, non direttamente riconducibile al proprio comportamento. Prende così corpo la ''sindrome dell'autoinganno'' che porta i ragazzi interpellati a sentirsi quasi immuni dai pericoli della strada, sopravvalutando anche capacità e abilità personali. La velocità poi, produce brivido, eccitazione, fremito, emozioni molto coinvolgenti e forse capaci di rapire e allontanare i ragazzi dal torpore e dai silenzi della loro esistenza. Se così fosse, a poco servirebbe anche la revisione dell'insegnamento impartito nelle scuole guida, peraltro ritenuto insufficiente e inadeguato da piloti e tifosi. La sfida che rimane aperta è piuttosto quella della ricerca di strategie educative che mirino allo sviluppo completo e organico della persona. Solo attraverso un importante processo di formazione, l'individuo può diventare un attore consapevole della realtà circostante, capace di operare scelte responsabili in quanto in grado di valutare criticamente, per quanto possibile, gli effetti del proprio agire.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE: dall’America alla tesi Un sogno. Anzi nemmeno. Perché mai avrei potuto immaginare di poter calpestare il suolo della California. I films, gli sceneggiati alla TV mi avevano mostrato un mondo che mai avrei pensato di poter assaporare. Le immagini scorrevano sul grande o sul piccolo schermo e spesso la vita raccontata e descritta risultava meravigliosa. Là, nulla di terribile accadeva. Niente di drammaticamente irreversibile si dispiegava. Mi è accaduto poi di entrare in quelle scenografie. All’improvviso. Mi sono ritrovata a Los Angeles senza credere di esserci, a causa dell’emozione e del turbamento che mi avviluppavano. Scesa da quell’aereo, la mia mente ha dovuto sussurrare il luogo in cui ora viaggiava e dopo averlo ripetuto più volte ha deciso di non farsi compatire troppo… Ad accrescere la mia tensione, c’era poi il pensiero di poter assistere ad una gara automobilistica, la CART, che si correva sull’ovale di Fontana. E proprio a metà di questa vacanza, fino ad allora ineccepibile, così soleggiata e calda, mi ritrovo all’autodromo. E’ domenica. Come i giorni precedenti, non una nuvola intristisce il cielo. Si respira aria di festa in quel mondo di motori: è l’ultima tappa della stagione e il campionato sta per decidersi. C’è una viva tensione che mi dà elettricità, gioia, energia. Assaporo e gusto ogni attimo, palpo la mia esistenza, felice di esserci. Osservo, noto, scruto i personaggi più strani, i garage dove i

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

automobilismo
formula 1

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi