Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetto del pH sull'attività e la stabilità operazionale dell'Amidasi nella Bioconversione di Nicotinammide in Acido Nicotinico. Studio in reattori a membrana ultrafiltrante

La nicotinammide, conosciuta anche col nome di vitamina PP, è fondamentale per il corpo umano in quanto produce il NAD+ e il NADP+.
La reazione su cui si basa l'elaborato è la bioconversione dell'Ammide nel corrispettivo acido catalizzata dall'Amidasi presente nelle cellule di M.imperiale.
Obiettivi:
-stabilità allo stoccaggio delle cellule per l'attività amidasica
-messa a punto delle condizioni analitiche per l'analisi con HPLC del prodotto di reazione
-Effetto della variazione del pH nell’ambiente di reazione sulla attività e stabilità operazionale in reattori CSTR operanti con cellule quiescenti
-Effetto della variazione del pH nell’ambiente di reazione sulla attività e stabilità operazionale in reattori CSTR operanti con l’enzima libero
-Valutazione dei parametri cinetici Km e Vmax per l’enzima in cellule e l’enzima libero

Mostra/Nascondi contenuto.
i Introduzione La cura della salute è il settore al quale le biotecnologie hanno dato finora il contributo più significativo, sia in termini di prodotti che di ricerca e sviluppo. Il seguente lavoro vuole presentare uno studio preliminare per un processo biotecnologico basato sull’impiego del Microbacterium imperiale CBS 498-74, per la produzione di Acido Nicotinico, conosciuto anche col nome di vitamina PP. In genere, le vitamine sono composti organici che regolano e facilitano milioni di reazioni chimiche che avvengono nel corpo. Non forniscono energia al corpo di per se, ma aiutano la demolizione dei macronutrienti per produrre energia. Il corpo non è in grado di produrre da solo le vitamine, o quanto meno non in quantità sufficienti, per cui occorre recuperarle dal cibo o dagli integratori. La carenza di vitamine, solitamente definita ipovitaminosi quando la vitamina è presente in quantità insufficienti nell’organismo e avitaminosi nei casi, molto più rari, in cui è totalmente assente, presenta sintomi specifici a seconda del tipo di vitamina e può causare diversi disturbi o malattie. La vitamina di nostro interesse appartiene alla classe di vitamine idrosolubili. Pertanto, il nostro organismo assorbe con facilità questi microcomposti, ma con altrettanta facilità li espelle rapidamente con le urine. Conseguentemente non si riescono ad immagazzinarli in quantità sufficienti ed è per questo motivo che è importante assumerne dosi adeguate quotidianamente. L’industria chimica, farmaceutica, cosmetica e alimentare risulta, quindi, coinvolta nella produzione e relativa commercializzazione di tali composti e

Laurea liv.I

Facoltà: Biotecnologie

Autore: Marzia Maria Ferraro Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 890 click dal 05/06/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.