Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie competitive di differenziazione e leadership di costo: il caso Hennes & Mauritz

Con il seguente elaborato si vuole mostrare come, nella realtà competitiva che si è venuta a delineare, sia fondamentale, per l’impresa che vi opera, ricorrere a più strategie competitive, al fine di ottenere un vantaggio competitivo sostenibile e duraturo.
Il punto di partenza è l’originario modello di Porter, nel quale egli ipotizza l’esistenza di tre strategie di base alternative, quali: differenziazione, leadership di costo e focalizzazione. Seguono le critiche dei teorici successivi Hill, Hall, White, Phillips, Chang e Buzzel, con un focus, in particolare, sul modello proposto da Hill.
Secondo tale modello, concentrandosi sulle strategie di differenziazione e leadership di costo, non solo queste non sono incompatibili, come teorizzato da Porter, bensì, al fine di ottenere un vantaggio competitivo, è proprio necessario che vengano sfruttate congiuntamente.
Si introduce, poi, un particolare settore, quello della moda, delineandone i tratti e le caratteristiche principali. Segue un focus sulle strategie competitive poste in essere dai vari attori che operano in tale settore.
A sostegno della tesi che si sta sviluppando, si è scelto di trattare il caso aziendale Hennes & Mauritz. Questo gruppo è, oggigiorno, leader indiscusso nel settore del retail dell’abbigliamento. Attraverso una analisi dettagliata della struttura aziendale, si mostra come il vantaggio competitivo ottenuto sia il frutto dell’attuazione di una strategia competitiva complessa, data, cioè, dallo sfruttamento congiunto di differenziazione e leadership di costo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4INTRODUZIONE Con il seguente elaborato si vuole mostrare come, nella realtà competitiva che si è venuta a delineare, sia fondamentale, per l’impresa che vi opera, ricorrere a più strategie competitive, al fine di ottenere un vantaggio competitivo sostenibile e duraturo. Il punto di partenza è l’originario modello di Porter, nel quale egli ipotizza l’esistenza di tre strategie di base alternative, quali: differenziazione, leadership di costo e focalizzazione. Seguono le critiche dei teorici successivi Hill, Hall, White, Phillips, Chang e Buzzel, con un focus, in particolare, sul modello proposto da Hill. Secondo tale modello, concentrandosi sulle strategie di differenziazione e leadership di costo, non solo queste non sono incompatibili, come teorizzato da Porter, bensì, al fine di ottenere un vantaggio competitivo, è proprio necessario che vengano sfruttate congiuntamente. Si introduce, poi, un particolare settore, quello della moda, delineandone i tratti e le caratteristiche principali. Segue un focus sulle strategie competitive poste in essere dai vari attori che operano in tale settore. A sostegno della tesi che si sta sviluppando, si è scelto di trattare il caso aziendale Hennes & Mauritz. Questo gruppo è, oggigiorno, leader indiscusso nel settore del retail dell’abbigliamento. Attraverso una analisi dettagliata della struttura aziendale, si mostra come il vantaggio competitivo ottenuto sia il frutto dell’attuazione di una strategia competitiva complessa, data, cioè, dallo sfruttamento congiunto di differenziazione e leadership di costo.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Flaminia Riccioni Capelli Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17010 click dal 10/06/2009.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.